02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Scambio allettante: gli spettatori di VOD non si preoccupano di guardare gli annunci in cambio di contenuti gratuiti

3 minuti di lettura | Aprile 2016

L'aumento delle scelte di programmazione video-on-demand (VOD) non è solo un grande vantaggio per gli spettatori, ma offre anche maggiori opportunità agli inserzionisti e ai creatori di contenuti di raggiungerli. Le strategie pubblicitarie, però, devono essere gestite con attenzione, perché gli spettatori cercano di distinguersi dalla confusione.

Molti consumatori vedono il valore degli annunci, ma la proposta di valore deve essere corretta. Infatti, più della metà degli intervistati a livello globale che dichiarano di guardare programmi VOD (51%) afferma anche di essere in qualche modo o fortemente d'accordo sul fatto che gli annunci pubblicitari nei contenuti VOD danno loro buone idee per nuovi prodotti da provare. Inoltre, quasi sei intervistati su dieci (59%) affermano di non avere problemi a ricevere pubblicità se possono vedere contenuti gratuiti. Questo sentimento è particolarmente forte in Nord America, dove il 68% è disposto a scambiare il proprio tempo e la propria attenzione per una programmazione gratuita.

È evidente, tuttavia, la necessità di annunci più pertinenti che parlino direttamente ai consumatori. Due terzi degli intervistati a livello globale affermano che la maggior parte degli annunci nei contenuti VOD riguarda prodotti che non desiderano (66%). 

"In un ambiente mediatico affollato, gli annunci pertinenti e le esperienze di marca sono fondamentali per coinvolgere i consumatori", ha dichiarato Megan Clarken, presidente di Nielsen Product Leadership. "Così come la tecnologia ha reso più facile per i consumatori controllare la quantità di pubblicità che vedono, ha anche reso più facile per gli inserzionisti raggiungere i consumatori giusti al momento giusto e nel posto giusto. Gli inserzionisti con il maggiore impatto sul marchio e sulle vendite saranno naturalmente quelli che collegano i messaggi su prodotti e servizi con le persone che li desiderano".

 

Altri risultati del rapporto globale sul video-on-demand includono:

  • Quasi due terzi degli intervistati a livello globale (65%) dichiarano di guardare una qualche forma di programmazione VOD, che comprende contenuti di lunga e breve durata.
  • Il VOD sta entrando a far parte delle abitudini quotidiane di molti spettatori. Tra coloro che guardano qualsiasi tipo di programmazione VOD, il 43% dichiara di guardarla almeno una volta al giorno.
  • Più di tre quarti degli intervistati a livello globale (77%) che guardano programmi VOD concordano sul fatto che lo fanno per poterli vedere in un momento comodo per loro.  
  • Tra coloro che guardano programmi VOD, i Millennials e i Gen X sono i più propensi a dichiarare di voler recuperare più episodi contemporaneamente.

Per maggiori dettagli e approfondimenti, scaricare il Global Video-on-Demand Report di Nielsen. Se si desiderano dati più dettagliati a livello di Paese, è possibile acquistarli sul Nielsen Store.

Informazioni sull'indagine globale Nielsen

La Nielsen Global Video-on-Demand Survey è stata condotta dal 10 agosto al 4 settembre 2015 e ha intervistato più di 30.000 consumatori online in 61 Paesi di Asia-Pacifico, Europa, America Latina, Medio Oriente/Africa e Nord America. Il campione comprende gli utenti di Internet che hanno accettato di partecipare al sondaggio e ha quote basate sull'età e sul sesso per ciascun Paese. È ponderato per essere rappresentativo dei consumatori di Internet per paese. Poiché il campione si basa su coloro che hanno accettato di partecipare, non è possibile calcolare stime dell'errore di campionamento teorico. Tuttavia, un campione probabilistico di dimensioni equivalenti avrebbe un margine di errore di ±0,6% a livello globale. Questa indagine Nielsen si basa solo sul comportamento degli intervistati con accesso online. I tassi di penetrazione di Internet variano da Paese a Paese. Per l'inclusione nell'indagine, Nielsen utilizza uno standard minimo di rilevazione del 60% di penetrazione di Internet o di una popolazione online di 10 milioni di persone. 

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda