02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Non puoi non sentirlo: L'audio può potenziare le campagne televisive

2 minuti di lettura | Luglio 2018

Nessuno crede che un solo mezzo sia sufficiente per raggiungere il consumatore di oggi. E mentre il settore discute del valore e dei contributi del digitale e del mobile, molti inserzionisti stanno prendendo spunto dai loro vecchi libri di giochi per rivalutare le piattaforme tradizionali in questo mercato frammentato.

A questo proposito, Rich Tunkel, SVP of business development di Nielsen Audio, ha rivelato all'evento Consumer 360 di quest'anno che la prevalenza di canali e dispositivi sta spingendo i consumatori statunitensi a trascorrere più tempo con l'audio, aumentandone in sostanza la popolarità.

La quantità di tempo che gli americani trascorrono con la musica è aumentata del 37% in soli due anni

Sebbene l'audio comprenda un'ampia varietà di contenuti, la musica è una pietra miliare dell'universo audio e sta vivendo una crescita significativa, poiché i consumatori abbracciano qualsiasi cosa, dalla radio satellitare alla radio digitale, dai servizi di streaming musicale alla tradizionale AM/FM. In particolare, il tempo che gli americani dedicano alla musica è cresciuto del 37% in soli due anni.

È questo tipo di coinvolgimento che ha spinto alcuni grandi inserzionisti di beni di largo consumo ad aumentare gli investimenti in radio. Hanno scoperto che la combinazione di annunci audio con i loro spot televisivi aiuta a raggiungere persone che la TV non può raggiungere da sola. Come illustrato nel Nielsen CMO Report 2018, i media ad alta portata, come la televisione e la radio, si adattano perfettamente agli obiettivi delle campagne di brand awareness.

Anche quando le campagne vengono programmate in modo massiccio con annunci televisivi, una parte della popolazione non li vede. È qui che entra in gioco l'audio. Secondo i dati Nielsen, l'utilizzo della radio è superiore a quello della TV tra le 6.00 e le 16.00, mentre la visione della televisione ha un picco tra le 17.00 e le 12.00. Quindi, se si considerano radio e TV insieme, una campagna ha una probabilità molto maggiore di raggiungere un pubblico più ampio.

Inoltre, la radio può aumentare la memorabilità della pubblicità televisiva. In uno studio recente, Nielsen ha rilevato che le persone che hanno ascoltato uno spot radiofonico hanno una consapevolezza del 35% superiore del corrispondente spot televisivo rispetto a coloro che hanno visto lo spot solo in TV.

Oltre alle informazioni presentate da Rich a Consumer 360, abbiamo partecipato a un panel con Roger Adams, ex CMO di USAA/The Home Depot/Lord & Taylor, Pierre Bouvard, Chief Insights Officer, Cumulus/Westwood One, e David Shiffman, SVP, National Research, iHeart Media.

Il video qui sotto ne riporta alcuni punti salienti.

 

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda