INSIGHTS

Passata l’estate… Le temperature influiscono sui consumi?
Notizie

Passata l’estate… Le temperature influiscono sui consumi?

Già in tempi non sospetti, prima che sul calendario leggessimo i nomi dei tanto sospirati mesi estivi, gli esperti ci avevano avvertito: altamente improbabile il ripetersi della calda estate 2012, ma molto più plausibile una stagione con temperature a volte anche al di sotto della media stagionale.

Ora, ad autunno già iniziato, possiamo voltarci indietro e trovare conferma alle anticipazioni meteo di tarda primavera. Infatti ad eccezione del “cuore” dell’estate, ovvero le tre settimane a cavallo tra luglio e agosto, il trimestre giugno/agosto 2013 è stato meno caldo del corrispondente.

Mediamente la temperatura risulta solo 0,1° al di sotto dei valori calcolati dal 2000 al 2013, ma  il confronto più diretto, quello rispetto al 2012, ci dimostra come si siano invece abbassate di più di un grado, con una differenza che si va ad accentare soprattutto in agosto.

Come si è riflesso tutto ciò sui consumi degli italiani?

Analizzando la performance di un paniere di prodotti propriamente stagionali quali Bevande Analcoliche, Gelati, Solari, Insetticidi ecc., possiamo effettivamente osservare come il contenimento della temperatura media si sia prontamente tradotto in un tracollo dei consumi.

Nel trimestre giugno-agosto 2013 le vendite in valore costante, cioè al netto dell’inflazione, sono diminuite del 6,5% rispetto al periodo corrispondente. In dettaglio si è consumato l’8,5% in meno di Bevande Analcoliche ed il -6,1% di Gelati; per quanto riguarda il comparto non alimentare il trend in discesa, spesso particolarmente consistente, è generalizzato ad Insetticidi, Prodotti Depilatori e Prodotti Solari.

Una tale congiuntura sfavorevole, soprattutto nel non alimentare, non può però essere imputata esclusivamente alla situazione meterologica, ma anche e soprattutto alla fase di recessione che attraversa il nostro paese: molte persone hanno ridotto, se non addirittura cancellato, i giorni di vacanza e sono state “tagliate” il più possibile le spese non considerate di prima necessità.

Il mese di agosto, classicamente il più “vacanziero”, ha fatto registrare la maggiore contrazione dei consumi del paniere analizzato (-7,0%), anche in considerazione del fatto che è stato il mese in cui la temperatura media ha maggiormente sofferto del confronto con l’anno precedente.

In agosto la flessione dei consumi di Bevande Analcoliche rispetto al corrispondente 2012 ha raggiunto -9,7%, -6,5% per i Gelati, mentre, ad esclusione della Mozzarella (-1,5%), sono aumentate le quantità vendute di altri formaggi tipicamente estivi (+5,1% il Mascarpone e +4,3% i Formaggi Molli). Nel comparto non alimentare i consumi di Abbronzanti sono diminuiti del 4,0% come anche quelli degli Insetticidi della stagione estiva: -6,0% gli Insetticidi per Elettroemanatori, -4,3% i classici Insetticidi per Volanti e -7,7% le Spirali Insetticide.