INSIGHTS

Tempi difficili per il mercato della mortadella
Notizie

Tempi difficili per il mercato della mortadella

Quali sono le performance del mercato della mortadella, uno dei salumi tipici della gastronomia italiana? Il mercato vale 556 milioni di € con una vendita annua di 50 milioni di kg; è il quarto segmento della categoria Salumi, di cui veicola l’8% del giro d’affari.

Se durante il 2011 i trend di vendita sono stati positivi o stabili, con il 2012 è iniziato un periodo di calo delle vendite che si conferma anche a giugno 2014 (trend annui: -4,2% i volumi; -2,8% a valore). Le difficoltà maggiori si riscontrano nella distribuzione moderna, tiene invece un po’ di più il canale tradizionale.

Nella grande distribuzione sia il Banco Taglio sia il prodotto a Libero Servizio (pezzi interi, tranci o cubetti) confermano perfomance negative (rispettivamente a volume -5,8% e -7,1%; a valore -5,3% e -5,3%), mentre cresce il prodotto già affettato e confezionato in vaschetta che chiude l’anno (giugno 2014) con un +2,7% a volume e un +3,7% a valore. Quest’ultima tendenza non rappresenta solo una risposta alla domanda di maggiore contenuto di servizio che il consumatore sembra apprezzare (risparmio tempo sul punto di vendita; shelf life più lunga; confezione in vaschetta), ma è anche frutto della politica della grande distribuzione che continua a ridurre lo spazio al banco gastronomia con obiettivi di taglio dei costi.

Il normal trade, canale che veicola il 40% del giro d’affari della Mortadella e caratterizzato dal prodotto al banco, di contro ha un andamento meno negativo (-3,3% a volume; -2,1% a valore) probabilmente grazie alla figura del salumiere, sinonimo di “continuità”, freschezza e qualità del prodotto.