INSIGHTS

Ancora in crescita il mercato delle Salse: trend positivo anche nel 2015
Notizie

Ancora in crescita il mercato delle Salse: trend positivo anche nel 2015

Alla fine di un 2015 che vede il grocery (l’insieme di prodotti alimentari, toiletry e cura casa) e il comparto del food confezionato (+0,6%) in leggera ripresa, le salse risultano sostanzialmente in linea come risultati: +1% di crescita di fatturato e stabilità nei volumi, ma è da segnalare come questa categoria sia sempre stata in crescita negli ultimi tre anni, con un +1% nel 2014 (+un anno negativo per l’alimentare) e un +3,5% nel 2013.

Nell’ultimo anno, la crescita delle salse è spinta dall’area 1 (Nord Ovest) che registra un aumento di fatturato del 3%, grazie a un lieve aumento dei volumi e soprattutto al contributo dei prezzi (+2%). E’ positiva anche l’area 2 (Nord Est) seppur su livelli inferiori. Questi trend sono in linea con il Grocery, dove si osserva la migliore performance del Nord Italia (legato alla più veloce ripartenza del ciclo economico) mentre rimane più in sofferenza l’Area 4, l’unica ad evidenziare una flessione (-0.9 a volume, -1.8 a valore) pur a fronte di un elevato e crescente sostegno promozionale (in crescita dai 37 ai 39 punti).

Considerando invece i canali distributivi, in termini di fatturato sono positive le grandi superfici (Iper e Super), in particolare gli Iper (+2,1%) che puntano ulteriormente su una amplissima scelta assortimentale per il consumatore (passando dalle 77 alle79 referenze) e che supportano la categoria con un sostanzioso sostegno promozionale (vicino al 33%). Anche i supermercati incrementano la gamma di referenze e ne beneficiano di conseguenza (+1.3% di fatturati ).

Infine si segnala la crescita rilevante del discount (+5.1% a valore), un risultato più elevato del totale Grocery (+4.2%) che dipende sia dalla maggiore varietà di prodotti sia dalla risalita dei prezzi.

Da ultimo, sono in lieve calo di fatturato le superfici più piccole, i Liberi servizi e i negozi tradizionali (rispettivamente -2% e -5%). Sul calo pesa la concorrenza delle grandi superfici e dei Discount, che puntano su un assortimento maggiore  e offrono prezzi inferiori, oltre alla riduzione numerica legata alle chiusure dei negozi, in particolare dei Liberi servizi (-8%).

Nell’ultimo anno la categoria è stata sostenuta principalmente dalle salse da contorno (+6% in fatturato), grazie alla crescita di tipologie come la Barbecue, la Tonnata e la Messicana. La buona performance è legata all’aumento assortimentale e al maggiore sostegno (anche pubblicitario) all’utilizzo di nuovi tipi di salse rispetto alle tradizionali, utilizzando anche la leva promozionale e di riduzione dei prezzi per “invogliare” lo shopper alla prova dei prodotti.

I prodotti più tradizionali sono invece poco dinamici: su livelli migliori il segmento principale della Maionese (+0.4%), che rimane quello dove è maggiore l’utilizzo promozionale (33%), mentre è in calo l’altro segmento importante, il Ketchup, sia nei volumi (-2%) che nei fatturati (-1%) nonostante la spinta promozionale rilevante.

Negativa invece la Senape (-6% a Volume e -4% a Valore), un segmento tradizionale e poco promozionato, che potrebbe aver risentito anche del forte calo di una categoria complementare come i Wurstel (-9%), che mostrano un trend in sensibile sofferenza.

Infine il piccolo segmento delle salse Dressing cresce solo a volume (+6%) con un prezzo medio più basso (-7%) legato all’aumento distributivo nei Discount e all’aumento sensibile delle promozioni che si portano oltre il 20%.

In un anno ancora poco dinamico, la leva principale è stata la crescita assortimentale focalizzata sul segmento delle salse da contorno e sostenendo la prova di nuovi gusti e modalità di utilizzo diverse (es. Salsa Barbecue). Infatti le salse contorno offrono una ampia scelta di gusti (in continuo aumento sugli scaffali) anche più ‘appaganti’ e diversi dal solito per il consumatore, ma sarà importante che le aziende sostengano l’utilizzo frequente del prodotto in modo che i consumi ne beneficino nel tempo.