INSIGHTS

Il Mercato Europeo del Grocery Rallenta Ma Continua A Crescere
Notizie

Il Mercato Europeo del Grocery Rallenta Ma Continua A Crescere

L’andamento delle performance della GDO in Europa nell’ultimo trimestre del 2016 evidenzia una crescita dei volumi di vendita dei prodotti di largo consumo (Fast Moving Consumer Goods, FMCG) dello 0,8% rispetto allo stesso trimestre del 2015. I prezzi dei CPG, i prodotti di largo consumo confezionati – ovvero alimenti, bevande e articoli per l’igiene personale – sono cresciuti dello 0,9%: il dato più alto rilevato nel 2016, ma ancora modesto rispetto al trend positivo del 2014 e del 2015. Le vendite dei prodotti di largo consumo hanno quindi portato un incremento del fatturato dei retailer del +1,8%.

In Italia la crescita nominale registrata nel quarto trimestre 2016 è dell’1,6% (+0,2% rispetto allo stesso trimestre del 2015) risultante, oltre che da un +2,1% nei volumi di beni venduti, da una diminuzione dei prezzi dei prodotti di largo consumo pari allo 0,5%.

Tra i 21 Paesi in esame la Turchia è quello con il maggiore aumento di fatturato dei retailer (+9,1% anno su anno – valore triplicato durante il decennio), seguita da Polonia (+3,6%) e Spagna (+3,1%). Le contrazioni maggiori si sono verificate invece in Finlandia (-4,1%) e Grecia (-6,7%).

Il tasso di crescita anno su anno delle vendite dei FMCG in Spagna è stato il più alto tra i cinque grandi mercati dell’Europa occidentale, seguito da quello dell’Italia (+1,6%) e della Francia (+0,8). Il Regno Unito (+0,7%) e la Germania (+ 0,3%) hanno avuto una crescita più modesta, che non riflette l’andamento positivo dell’occupazione nel primo e dell’economia nella seconda. Anche il caso dell’Italia è particolare, perché la crescita dei volumi di vendita e quindi degli incassi derivanti dai FMCG convive con un orientamento ancora molto forte al risparmio e con l’abbandono dei grandi brand in favore della marca del distributore.

Note:

Variazione del valore nominale (o variazione di incassi): Variazione di prezzo per unità + Variazione di volume (somma arrotondata per eccesso)

Variazione di prezzo unitario: la variazione nel valore pagato da un consumatore per ciascuna unità come risultato dell’inflazione, e/o del fatto che un consumatore sostituisca un prodotto di un determinato valore con un altro di un valore diverso

Informazioni su Nielsen Growth Reporter

Il  Nielsen Growth Reporter mette a confronto le dinamiche di mercato complessive (valore e volumi) nel settore dei beni di largo consumo in Europa. Si basa sulle misurazioni delle vendite condotte da Nielsen in 21 mercati europei e copre il grocery di ipermercati, supermercati, discount e piccole superfici. Ciò è reso possibile dal cestino particolarmente ampio delle categorie di prodotto rilevate per Paese e canale.