INSIGHTS

La fiducia degli italiani si consolida a partire dalle finanze
Notizie

La fiducia degli italiani si consolida a partire dalle finanze

Si consolida la fiducia generale dei consumatori nei diversi continenti rispetto al 2016, secondo l’indagine The Conference Board® Global Consumer Confidence™ Survey, condotta in collaborazione con Nielsen,  in 63 paesi dei cinque continenti. Il Consumer Confidence Index rilevato nell’ultimo trimestre del 2017 cresce rispetto all’ultimo periodo dell’anno precedente, in particolare in Italia dove si attesta a 68 punti, in crescita di 10 punti rispetto allo stesso periodo di un anno fa, in crescita di 10 punti rispetto allo stesso periodo di un anno fa, e di 3 punti rispetto al trimestre precedente. Si stabilizza la crescita della fiducia in Europa: aumenta di 6 punti rispetto all’ultimo periodo del 2016, attestandosi a 87 punti, rimanendo però invariata rispetto al Q3 2017. Se le ultime elezioni politiche ci parlano di un voto che chiede una forte discontinuità e riforme ancora più radicali e incisive, soprattutto da parte di chi è rimasto fuori da questa crescita, la fotografia che ci forniscono questi dati sottolinea una diminuzione di chi considera l’Italia in recessione: rappresenta il 78% degli intervistati, in calo di sette punti rispetto ad un anno fa, e di 2 punti rispetto al periodo precedente.

Questo dato parte da una visione più positiva dei consumatori sullo stato delle proprie finanze: il 33% degli intervistati indica infatti aspettative positive per l’andamento dei propri risparmi nei prossimi 12 mesi, in aumento dell’8% rispetto a quanto rilevato un anno fa. L’indagine Nielsen osserva una diminuzione dei consumatori che dichiarano di faticare ad arrivare a fine mese: la percentuale di chi dichiara di non avere denaro rimanente, una volta coperte le spese essenziali, si attesta al 15%, in diminuzione di otto punti rispetto ad un anno fa. Di conseguenza, aumenta il numero di chi ritiene sia arrivato il momento giusto per fare acquisti: è il 24% (+5 punti rispetto all’ultimo trimestre del 2016).

Ma i consumatori per cosa utilizzano il denaro che rimane una volta effettuate le spese improrogabili? Vestiti e vacanze sono in cima alle abitudini dei consumatori intervistati (45% e 41% rispettivamente, in aumento di 14% e 9% rispetto al Q4 2016, come in generale tutte le voci di spesa). Rimane considerevole la percentuale di chi preferisce mettere da parte i risparmi (40%, pressoché stabile rispetto al 39% di un anno fa). Divertimenti fuori casa e nuovi prodotti tecnologici seguono con il 30% e il 26% rispettivamente (+5 e 10 punti rispettivamente).

Cresce il numero di italiani che si aspetta una ripresa del mercato del lavoro (sono il 15% degli intervistati, in aumento di 4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo di un anno fa). Dati talvolta discordanti sugli indicatori di disoccupazione e sulle tipologie contrattuali non rassicurano però fino in fondo i nostri connazionali: la sicurezza del posto di lavoro rimane infatti la prima fonte preoccupazione degli italiani, in linea con i risultati dell’anno precedente (indicata dal 18% degli intervistati, in diminuzione di un punto rispetto al terzo trimestre). Seguono le apprensioni legate allo stato di salute (10%), terrorismo ed economia (entrambe indicate come prima preoccupazione dall’8% degli intervistati). Cresce la percentuale di connazionali che rivolgono le loro attenzioni al work-life balance: raggiunge l’8%, raddoppiando il valore di un anno fa, e sottolineando l’importanza della tematica che sempre più aziende hanno deciso di affrontare con misure ad-hoc, anche nel nostro paese.

Scarica l’infografica dal box qui a fianco.

Scarica report completo

Scarica subito il report

La fiducia degli italiani si consolida a partire dalle finanze

Per accedere al report completo, fornire le seguenti informazioni:

Ai sensi degli articoli 13 e 23 del D.Lgs 196/2003, dichiaro di aver preso visione dell’ informativa relativa al trattamento dei miei dati ed esprimo il consenso al trattamento degli stessi da parte di The Nielsen Company (Italy) S.r.l. per gli scopi indicati nell’informativa di cui sopra e in particolare al trattamento dei dati personali al fine dell’erogazione dei servizi riservati agli utenti registrati.