INSIGHTS

Quanto conta il “Made in …” nella scelta dei prodotti da acquistare?
Report

Quanto conta il “Made in …” nella scelta dei prodotti da acquistare?

{“order”:2,”name”:”pubdate”,”attributes”:{“sling:resourceType”:”nielsenglobal/components/content/publishdate”},”children”:null}

Mediamente 2 italiani su 3 dichiarano che l’origine della marca è importante tanto quanto – o più importante di – altri nove criteri di scelta che possono guidare l’acquisto di un prodotto tra cui assortimento, prezzo e qualità. Questa è una delle evidenze emerse attraverso la ricerca Nielsen Global Survey of Brand-Origin, condotta intervistando oltre 30.000 utenti internet in 61 Paesi nel mondo, tra cui l’Italia, per studiare le preferenze d’acquisto dei consumatori verso brand globali (prodotti da società multinazionali che operano in una pluralità di mercati) e brand locali (realizzati da una società che opera solo nel suo mercato) su 40 categorie di prodotti, da quelli di largo consumo ai beni durevoli.

Il “Made in…” è oggi un driver di scelta di molti consumatori, italiani e nel mondo, ma è interessante notare che il sentiment rispetto all’origine del brand varia in funzione della categoria di prodotto.

Quali categorie merceologiche fanno rilevare un orientamento degli italiani verso marchi locali?

Mediamente il 71% degli intervistati nel nostro Paese dichiara di scegliere prodotti italiani per frutta, verdura, carne e pesce (+ 7% vs media europea). Lo stesso orientamento è registrato nei seguenti acquisti alimentari: latte (66%), verdure / pomodori in scatola (61%), gelati (60%), acqua (54%), yogurt (52%), biscotti (48%), succhi di frutta (45%), latte in polvere per bambini (42%).  Per le bevande analcoliche frizzanti, invece, la scelta ricade su marche globali (40%; dato superiore alla media europea, +12%).

Nel settore Cura Casa e Cura Persona, le preferenze degli italiani si spostano prevalentemente verso le marche internazionali: cosmetici (51%), deodoranti (48%), shampoo / balsamo (47%), dentifricio (47%), detersivi per lavatrice (45%), pannolini per bambini  (44%), lamette e rasoi (44%), detergenti per mani e corpo (42%), detergenti multiuso per le pulizie della casa (42%). Su scala europea, invece, prevalgono gli acquirenti che si dichiarano neutrali nei confronti dell’origine dei brand di prodotti Cura Casa (in media 36% Italia vs 46% Europa) e Cura Persona (in media 31% Italia vs 41% Europa).

Solo il 25% degli italiani predilige il “Made in Italy” quando si tratta di acquistare articoli di abbigliamento e calzature, contro un 37% che dichiara di preferire marche globali e un restante 38% indifferente all’origine del brand. L’indagine rivela che l’orientamento ai marchi internazionali è rilevabile soprattutto negli acquisti di elettronica e informatica quali pc, smartphone, televisori, foto-videocamere (in media 63%; +6% vs media europea) e nel mercato dell’automobile (dove il 58% degli italiani sceglie la notorietà del brand globale; dato superiore a Francia, 31%, e Germania, 28%, che al contrario si dichiarano più orientati verso marchi automobilistici locali).

Lo studio di Nielsen mette, inoltre, a fuoco il vissuto dei consumatori italiani in rapporto all’origine dei marchi dei prodotti acquistati. Per quanto riguarda quelli locali, il sentiment degli italiani è quello di affidabilità (46% Italia; +2% vs Europa)  e di vicinanza al consumatore (50% Italia; +3% vs Europa). A questo si aggiunge il pensiero volto al supporto delle aziende locali con effetto positivo sull’economia del paese (61% Italia vs 60% Europa). Nel caso dei marchi globali gli intervistati si dichiarano attratti dalle innovazioni offerte dalle grandi aziende multinazionali (48% Italia; in linea con la media europea).

E’ infine importante considerare la finestra dell’e-commerce e il modo in cui il canale online interagisce con l’origine del brand. Da un lato, lo shopping online è utilizzato dagli italiani soprattutto per l’acquisto di marche globali (83% dei fruitori del web) con l’obiettivo di reperire prodotti oltre confine non disponibili nello store fisico di prossimità (in particolare prodotti di elettronica / informatica). Dall’altro lato, gli utenti internet in Italia che acquistano online prodotti a marchio locale (66%) si mostrano più propensi all’acquisto di prodotti alimentari.

Clicca qui per visualizzare l’infografica

Scarica report completo

Scarica subito il report

Quanto conta il “Made in …” nella scelta dei prodotti da acquistare?

Per accedere al report completo, fornire le seguenti informazioni:

Ai sensi degli articoli 13 e 23 del D.Lgs 196/2003, dichiaro di aver preso visione dell’ informativa relativa al trattamento dei miei dati ed esprimo il consenso al trattamento degli stessi da parte di The Nielsen Company (Italy) S.r.l. per gli scopi indicati nell’informativa di cui sopra e in particolare al trattamento dei dati personali al fine dell’erogazione dei servizi riservati agli utenti registrati.