Passa al contenuto
02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Come scalare la strategia di distribuzione dei contenuti video

5 minuti di lettura | Luglio 2023

Una guida per reti, editori e piattaforme

Creare ottimi contenuti è solo metà della battaglia. Nell'attuale epoca di iper-frammentazione dei media, potrebbe essere anche meno. Per le emittenti, gli editori e le piattaforme, il vero trucco è assicurarsi che il pubblico possa trovare il contenuto giusto al momento giusto, ogni volta. E la risorsa più importante del vostro arsenale sono i metadati che alimentano la scoperta dei contenuti. 

Indipendentemente dall'emergere di nuovi canali mediatici, dal formato di visualizzazione più popolare o dalla crescita delle librerie di contenuti, i metadati granulari devono far parte della vostra strategia di distribuzione dei contenuti. È fondamentale per migliorare la scopribilità e valorizzare i contenuti su tutte le piattaforme, le lingue e i luoghi.

Ecco tre modi per costruire una strategia di distribuzione dei contenuti video scalabile e resistente. 

1. Standardizzare i metadati 

A giugno 2023, i dati video di Gracenote indicano che ci sono poco più di 1 milione di titoli video nei canali lineari e in streaming solo negli Stati Uniti. Ora moltiplicate questo dato per il numero di Paesi e lingue diverse supportate da queste piattaforme. E poi, già che ci siete, moltiplicate ulteriormente tutti questi titoli per i metadati che generano: elenco del cast di ogni film o episodio, durata, trama, genere, troupe, ecc. Si tratta di una quantità impressionante di informazioni.

Senza una standardizzazione, le piattaforme di ogni regione potrebbero organizzare questi dati in modo unico, costringendo i distributori internazionali a cambiare ogni volta il modo in cui i loro contenuti sono etichettati, archiviati e condivisi se vogliono che rimangano ricercabili. Questa noia blocca la capacità dei distributori e dei fornitori di contenuti di scalare i loro contenuti in diverse lingue e piattaforme e limita la capacità di migliorare la loro strategia di metadati al di là delle basi, portando a un'esperienza di scoperta non ottimale per il pubblico. 

Un modo per ottenere la standardizzazione dei metadati è quello di affidarsi a identificatori universali di contenuto. Questi ID sono tag persistenti che identificano un contenuto in un modo che funziona su tutte le piattaforme e gli schermi. Collegano metadati di base come titoli, descrizioni delle immagini e dettagli del cast, ma possono anche collegarsi a set di dati molto più avanzati come l'atmosfera del contenuto, il tema, lo scenario o persino immagini personalizzate in base agli interessi dello spettatore. 

Se standardizzati, questi ID universali possono ordinare, visualizzare e contestualizzare un contenuto nell'intero ecosistema dell'intrattenimento. Ci sono aziende, come Gracenote, che standardizzano e poi arricchiscono i metadati per voi. La standardizzazione e l'arricchimento garantiscono l'interoperabilità e automatizzano e migliorano il modo in cui i metadati vengono etichettati e ordinati in base a tassonomie profonde, aumentando di fatto la scopribilità dei contenuti. 

Elenco di controllo dei partner per i metadati

Quando si valutano i partner di metadati, si deve cercare quanto segue: 

  • Disponibilità di contenuti multipiattaforma per garantire che i vostri contenuti siano ricercabili ovunque il vostro pubblico si trovi 
  • Un set di dati globale con copertura locale che aiuta i vostri contenuti a essere rilevanti indipendentemente dalla lingua o dalla regione. 
  • Fornitura di API per aggiornamenti dei metadati quasi in tempo reale
  • Schema dei dati unificato per facilitare l'inserimento dei metadati tra i diversi partner

2. Rimanere locali, pensare globale 

Viviamo in un'epoca di globalizzazione diffusa dei media. La globalizzazione dei media non è una novità, ma negli ultimi anni ha assunto un sapore diverso. Per esempio, supponiamo che uno show stia guadagnando terreno in Giappone. È in giapponese e creato per il pubblico giapponese. Un fan della serie prende un frammento e lo trasforma in un meme che diventa virale sui social media. Improvvisamente, ci sono persone in tutto il mondo interessate a guardare lo show. Il contenuto non è cambiato, ma il contesto in cui il pubblico è interessato sì. 

Questo accade da anni sui servizi di streaming e, con l'aumento degli spettatori dello streaming e della TV connessa (CTV), aumenterà anche questa tendenza. Ci sarà una crescente opportunità - e anche aspettativa - di garantire che la promozione dei contenuti sia accessibile a livello globale senza perdere la rilevanza locale. Questo concetto si chiama "glocalizzazione". Quindi, il modo in cui il nostro spettacolo citato viene promosso in Giappone sarà probabilmente molto diverso da quello in cui dovrebbe essere promosso in Svezia o in Messico.

Creare una strategia di distribuzione dei contenuti scalabile significa garantire che i contenuti globali siano prontamente disponibili, dando al contempo priorità alle sfumature e alle preferenze regionali nella promozione e nella scoperta.

Gli ID universali e i metadati che supportano consentono di impostare i contenuti per opportunità multi-regione e multi-lingua, creando metadati coerenti fin dall'inizio. In questo modo le piattaforme di ricerca possono concentrarsi sulla creazione di esperienze coinvolgenti per il pubblico, piuttosto che sulla gestione dei set di dati sottostanti. 

3. Privilegiare la portabilità

Si prevede che l'Europa avrà oltre 4 miliardi di connessioni IoT entro il 2025. La famiglia media statunitense dispone di circa 22 dispositivi connessi, pari a circa sei dispositivi per persona. Entro la fine del 2023, quasi il 90% degli utenti di Internet nel Sud-est asiatico sarà anche utente di smartphone. È chiaro che il pubblico passa da uno schermo all'altro ogni giorno. Ciò significa che, nel 2023, una strategia di distribuzione scalabile dovrebbe consentire di scoprire i contenuti attraverso qualsiasi tipo di media.

Ancora una volta, gli ID universali e i metadati standardizzati consentono di capitalizzare le opportunità multimediali facendo tre cose particolarmente bene: 

  1. Integrazione perfetta tra diverse piattaforme 
  2. Accelerare il processo di distribuzione lavorando sull'intero ecosistema dei media.
  3. Alimentare immagini e descrizioni personalizzate su misura per qualsiasi piattaforma

Ad esempio, gli stessi metadati dei contenuti che consentono la ricerca e l'individuazione di contenuti video su un dispositivo mobile o su una smart TV potrebbero essere utilizzati anche per l'individuazione di video in auto, dato che gli schermi tattili per i sedili posteriori e per i passeggeri sono diventati la norma nei nuovi modelli. Funziona anche per l'ascolto audio. Mentre i metadati dei contenuti alimentano la ricerca e la scoperta di musica e podcast sulle piattaforme di streaming, l'ascolto di musica su smart TV, altoparlanti intelligenti o nelle auto connesse può essere alimentato dagli stessi metadati.

In definitiva, la strategia di distribuzione dei contenuti è forte quanto la strategia dei metadati. Se standardizzate ed elevate i vostri metadati, vi assicurate che i vostri contenuti siano più facili da scoprire per un maggior numero di persone. 

Per ulteriori modi di migliorare la vostra strategia di metadati, conoscete il Gracenote ID.

Continua a sfogliare approfondimenti simili