Centro notizie > Eventi

Il percorso ESG di Nielsen sostiene comunità sostenibili e inclusive

4 minuti di lettura | Settembre 2019

8 miliardi: Questa è la popolazione mondiale prevista per il 2030. È una cifra impressionante, che pone sfide enormi al mondo intero. Ma forse la domanda più urgente è molto semplice: Come si sostiene questa società globale in crescita? La domanda, per quanto elementare, riguarda aspetti molto ampi che influenzano la vita quotidiana in ogni parte del mondo.-la disponibilità di cibo, acqua pulita, alloggi sicuri, accesso alle risorse naturali.-Esigenze che variano enormemente in tutto il mondo, complicando le sfide mondiali in modo esponenziale con la continua crescita della popolazione.

Come possiamo quindi pianificare il futuro per preservare e migliorare questi risultati finché siamo in tempo? Questa domanda è stata al centro dell'attenzione durante il 68sesta conferenza delle Conferenza della Società Civile delle Nazioni Uniteche si è tenuta dal 26 al 28 agosto a Salt Lake City, nello Utah. Con un focus sulla costruzione di città e comunità inclusive e sostenibili (Obiettivo di sviluppo sostenibile 11), la conferenza ha dato a Nielsen l'opportunità di discutere il ruolo delle aziende di servizi professionali nell'identificare e guidare soluzioni innovative verso questo urgente obiettivo globale. Nell'ambito dell'evento, il panel "Come sostenere una popolazione globale di 8 miliardi di persone", ospitato da L'Istituto Demandha affrontato il tema di come le tecnologie e le collaborazioni emergenti possano dare forma alla pianificazione dei bisogni umani a lungo termine.

"Questo panel è stato un'ottima occasione per coinvolgere le organizzazioni che discutono dell'importanza della collaborazione tra settore pubblico e privato e del ruolo dei dati e della tecnologia nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile", ha dichiarato Sarah Cummings, manager del Demand Institute.

Yamini Dixit, Direttore della Responsabilità Globale e della Sostenibilità di Nielsen, ha dato il via alla tavola rotonda condividendo i punti salienti del percorso ESG (ambientale, sociale, di governance) di Nielsen e il nostro continuo sforzo per essere accorti nel modo in cui le nostre azioni portano a un impatto socio-ambientale nelle comunità in cui operiamo. Parlando dell'approccio olistico di Nielsen alla sostenibilità, dall'impronta interna agli sforzi sul campo e all'attenzione per gli stakeholder, Yamini ha sottolineato l'importanza di creare un effetto a catena lungo tutta la nostra catena del valore per ottenere un vero impatto. Per garantire il successo in questo ambito, ha anche condiviso il modo in cui Nielsen continua a creare spazi onesti e aperti per l'impegno con i partner, estendendo l'aspettativa di impegni sostenibili a tutti i partecipanti al tavolo.

In particolare, Yamini ha sottolineato che la presenza di Nielsen come società di dati e misurazioni di lunga data ci offre la capacità unica di contribuire a cambiare la storia della sostenibilità per i clienti che supportiamo. A questo proposito, ha parlato della definizione di "sostenibilità", in continua evoluzione ed espansione, e del nostro ruolo di società di dati per costruire insight che aiutino i nostri clienti ad adattarsi ai cambiamenti, oltre a comprendere l'evoluzione delle preferenze e delle azioni dei consumatori.

"Ma il nostro ruolo non finisce qui", ha detto. "Abbiamo il potenziale per avere un impatto di ampio respiro sul modo in cui la sostenibilità si manifesta nelle comunità e nelle città in cui viviamo. Non dimentichiamo il potere dei nostri consumatori nella storia".-Noi li mettiamo in grado di soddisfare le loro aspettative di vita sostenibile, di costruire ambienti sani e di "fare bene" per le loro comunità. Inoltre, queste misurazioni dei dati e il nostro atteggiamento innovativo nei confronti della digitalizzazione delle nostre soluzioni possono essere fondamentali per prevedere alcune delle mutevoli esigenze della crescente popolazione servita".

Affrontando l'ampio spettro che la sostenibilità può significare, Yamini ha sottolineato la nuova narrativa del viaggio di Nielsen verso la giustizia ambientale e l'espansione del quadro del cambiamento climatico oltre i suoi effetti fisici, agli aspetti etici e politici; riconoscendo il suo impatto sulle aree della sostenibilità: giustizia sociale, equità di genere, diritti umani, diritti collettivi, ecc. 

"Il concetto di sostenibilità è al centro della nostra esistenza: sostenere, vivere, evolvere e, si spera, prosperare", ha detto Yamini. Yamini. "In definitiva, la parola si definisce da sola. E quando uniamo i puntini per guardare alla giustizia ambientale, ci troviamo al potente nesso tra cambiamento sociale, ambientale ed etico, dove si trova il vero sostentamento".

In chiusura, Yamini ha fatto in modo di riportare la storia al "potere dell'uno" e a come il cambiamento inizi con un pensiero, un'azione e un impatto. "Non dimentichiamo che i nostri governi sono fatti di persone, che le politiche sono votate da singoli individui, che le proposte di legge sono frutto dell'ideologia di qualcuno e che gli attivisti si battono per proteggere ciò che per loro ha valore".-il cambiamento appartiene a ciascuno di noi e quando ci uniamo per costruire una comunità inclusiva e sostenibile, nessuno viene lasciato indietro!".

Nella foto in alto: Yamini Dixit di Nielsen (seconda da sinistra), affiancata da Samira Khan di Salesforce.org, Amit Patel di Accenture e Sarah Cummings (all'estrema destra) del Demand Institute, per una tavola rotonda alla Conferenza della società civile delle Nazioni Unite.