02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Sport e giochi

Agire d'impulso: pochissimi acquisti di libri per bambini sono pianificati

2 minuti di lettura | Agosto 2015

L'anno scorso i consumatori statunitensi hanno acquistato 226 milioni di libri stampati per bambini, con le mamme in testa alla classifica. Secondo Nielsen BookScan, le vendite del 2014 rappresentano un aumento del 13% rispetto al 2013. Nonostante le crescenti opzioni di e-commerce, i consumatori hanno acquistato la metà dei libri dell'anno nei negozi fisici. Più di un terzo degli acquirenti ha comprato più libri al mese e la nuova ricerca mostra che pochi hanno pianificato i loro acquisti. Che cosa significa? I libri per ragazzi sembrano rientrare nella categoria degli acquisti d'impulso.

Secondo l'indagine Nielsen "Children's Deep Dive" della primavera/estate 2015, il 38% dei genitori si identifica come acquirente frequente di libri per bambini, definito come uno o due acquisti al mese, mentre un altro 25% acquista ogni due mesi. Solo il 3% degli intervistati ha dichiarato di non acquistare mai d'impulso: in altre parole, considerando tutti i libri che acquistano per i loro figli, quasi nessuno direbbe di non aver mai comprato un libro d'impulso. Più della metà (53%) dei genitori intervistati ha stimato che la metà dei loro acquisti di libri è stata fatta d'impulso, e un altro 26% ha dichiarato che la maggior parte dei loro acquisti è stata fatta d'impulso.

I consumatori ispanici (acculturati e anglofoni), che hanno maggiori probabilità rispetto alla popolazione generale di acquistare libri per bambini, sono anche più propensi ad acquistare frequentemente libri per i loro figli. Il 47% degli intervistati ispanici acculturati ha dichiarato di acquistare libri per i propri figli una-due volte al mese e il 15% ha dichiarato di acquistare un libro per bambini anche una volta alla settimana, rispetto al 10% della popolazione generale. Tuttavia, anche loro sono più propensi ad acquistare d'impulso: il 32%, contro il 26% della popolazione generale.

Allo stesso modo, più del 60% dei genitori intervistati non fa alcuna ricerca sui libri per ragazzi prima di effettuare un acquisto, anche se il 29% ha riferito di aver fatto ricerche online prima dell'acquisto. Cosa spinge il maggior numero di acquisti? Nella maggior parte dei casi, i genitori effettuano un acquisto semplicemente perché il figlio lo ha richiesto. Questo è particolarmente vero per i genitori di bambini di età compresa tra i 7 e i 12 anni. Questo gruppo ha anche citato le recensioni del passaparola di familiari e amici come un fattore importante. Per i genitori di bambini di età inferiore ai 7 anni, il prezzo, le illustrazioni e la confezione svolgono un ruolo importante nelle decisioni di acquisto.

Cosa significa questo per gli editori? Nuove strategie per il merchandising dei libri sia in negozio che online, l'impegno diretto con i decisori e il marketing multiculturale devono essere valutati tenendo conto del lettore e dell'acquirente.

Il Children's Book Summit di Nielsen, che si terrà il 16 settembre, approfondirà queste aree concentrandosi su chi sono i clienti, cosa amano e come coinvolgerli.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda