Passa al contenuto
02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Pubblico

Dalle urne al supermercato: Una prospettiva del 2016 sulla crescente influenza ispanica in America

1 minuto di lettura | Agosto 2016

Il potere e l'influenza degli ispanici sono in aumento: Il 50% della recente crescita demografica degli Stati Uniti proviene dagli ispanici e si prevede che la popolazione latina degli Stati Uniti raddoppierà entro le prossime due generazioni. L'odierna popolazione ispanica, sempre più giovane, nata negli Stati Uniti e dinamica, sta plasmando il mainstream americano mantenendo forti legami con le proprie culture d'origine, sviluppando una personalità "ambiculturale*" che è allo stesso tempo interamente americana e interamente della propria cultura d'origine.

I marketer più accorti ne stanno prendendo atto e stanno creando comunicazioni in doppia lingua che parlano sia allo spirito americano che all'anima latina. Per comprendere meglio questi giovani e vivaci consumatori, questo quinto rapporto sul consumatore latino della serie Diverse Intelligence di Nielsen esamina le ultime tendenze demografiche, i consumi e i comportamenti mediatici degli ispanici, accompagnate da uno sguardo attento all'elettorato latino.

Con un numero record di ispanici-americani aventi diritto al voto quest'anno, la sua applicazione in politica è ovvia, ma gli stessi dati sono ugualmente rilevanti per le campagne di marketing e pubblicitarie in qualsiasi ambito, poiché un messaggio fondamentale di questo rapporto riguarda l'entità della popolazione ispanica come percentuale di tutti gli americani. 

Lingua ed età

Oggi le giovani generazioni di ispanici (sotto i 55 anni) sono prevalentemente bilingue e, con ogni nuova generazione, sempre più a prevalenza inglese. Attualmente, 40,6 milioni di ispanici di età superiore ai cinque anni parlano bene l'inglese e il 96% degli ispanici di età inferiore ai 18 anni è bilingue o a prevalenza inglese. In totale, il 55% degli ispanici è bilingue, mentre il 27% è a prevalenza inglese e il 19% a prevalenza spagnola.