Centro notizie >

Calma e video: Uno studio globale sulla TV tradizionale e lo streaming mostra che la maggior parte dei consumatori non ha intenzione di tagliare il cavo

4 minuti di lettura | Marzo 2016

A livello globale, sempre più consumatori integrano la TV tradizionale piuttosto che abbandonarla

New York NY - 16 marzo 2016 - Nonostante un panorama mediatico in rapida evoluzione in cui i consumatori hanno più scelte che mai nel modo di consumare l'intrattenimento video, la TV tradizionale regna ancora come piattaforma preferita a livello globale. I nuovi dati di Nielsen mostrano che poco più di un quarto degli intervistati online a livello globale (26%) dichiara di pagare per guardare la programmazione broadcast o VOD tramite un abbonamento a un fornitore di servizi online come Hulu, Netflix o Amazon, rispetto al 72% che dichiara di pagare per guardare tramite una connessione televisiva tradizionale. Il Nord America e l'Asia-Pacifico sono in testa, con il 35% degli intervistati in Nord America e il 32% in Asia-Pacifico che indicano di pagare un fornitore di servizi online per i contenuti di programmazione. L'utilizzo autodichiarato in Europa è ben al di sotto della media globale, con un tasso di risposta dell'11%. Poco più di un quinto degli intervistati online in America Latina e in Medio Oriente/Africa dichiara di essere abbonato a un fornitore di servizi online (21% ciascuno).

"Il panorama mediatico odierno è complesso, ma la crescita dei servizi di programmazione video-on-demand può creare opportunità per tutti gli attori dell'ecosistema mediatico", ha dichiarato Megan Clarken, presidente della Nielsen Product Leadership. Per il pubblico, gli inserzionisti e i fornitori di contenuti, i vantaggi saranno ottenuti grazie a una comprensione approfondita e acuta non solo di come stanno cambiando le dinamiche di visione dei consumatori, ma anche del perché stanno cambiando". Due cose non sono mai state così vere come oggi: Il contenuto sarà sempre il re e i consumatori continueranno a richiedere un maggiore controllo e una maggiore personalizzazione dell'esperienza di visione. I fornitori che superano gli standard su entrambi i fronti avranno un vantaggio".

La Nielsen Global Video-on-Demand Survey ha intervistato oltre 30.000 intervistati online in 61 Paesi per valutare il sentimento mondiale sulla visione del VOD e sui metodi pubblicitari. Il numero di spettatori VOD autodichiarati è significativo. Quasi due terzi degli intervistati a livello globale (65%) nel sondaggio online affermano di guardare una qualche forma di programmazione VOD, che comprende contenuti di lunga e breve durata.

FULLL STREAM AHEAD?

Sebbene la maggior parte degli intervistati nel sondaggio globale online (68%) dichiari di non avere intenzione di cancellare il servizio tradizionale esistente a favore di un servizio esclusivamente online, quasi un terzo (32%) afferma di avere intenzione di tagliare i ponti. Le risposte sono state più alte in Asia-Pacifico, dove il 44% degli intervistati ha dichiarato di avere intenzione di cancellare il proprio servizio via cavo o satellitare a favore di un servizio solo online. Meno di un quarto degli intervistati dell'America Latina (24%), dell'America del Nord (22%) e dell'Europa (17%) ha in programma la cancellazione. Tuttavia, secondo un recente studio Nielsen negli Stati Uniti, solo una piccolissima percentuale di coloro che hanno espresso il desiderio di abbandonare il servizio di TV multicanale via cavo e via satellite lo ha effettivamente fatto.

"La crescente popolarità dei servizi video solo online continuerà a mettere sotto pressione le reti e i fornitori di TV via cavo e satellitare, ma è improbabile una sostanziale sostituzione dell'uno con l'altro", ha dichiarato Clarken. "Sebbene alcuni consumatori stiano riducendo i servizi televisivi tradizionali, molti non stanno tagliando completamente il cavo. Per la maggior parte degli spettatori, i servizi online e quelli tradizionali non si escludono a vicenda, ma sono complementari. Inoltre, i servizi online, le reti e i distributori di programmi video multicanale devono affrontare molte delle stesse sfide, tra cui la rapida evoluzione delle preferenze dei consumatori, la sovrabbondanza di scelta e l'aumento dei costi dei contenuti. Nel breve periodo, la minaccia maggiore è rappresentata dalla riduzione dei costi di trasmissione, in quanto i consumatori valutano i vantaggi dei servizi o delle reti premium e prendono in considerazione pacchetti di canali più snelli, in grado di soddisfare meglio sia le preferenze che i portafogli".

Nell'attuale ambiente dei media, l'unica costante è il cambiamento. Il VOD può essere uno dei più recenti ingressi nella frammentazione, ma rappresenta una continuazione della corsa sfrenata che il settore ha intrapreso per più di un decennio. E il ritmo del cambiamento non è destinato a rallentare presto. Conquistare gli spettatori non è mai stato così impegnativo. Sebbene il cambiamento e l'incertezza possano essere difficili, i fornitori di contenuti devono rimanere agili, flessibili e all'avanguardia rispetto a qualsiasi sfida si presenti.

SULLA METODOLOGIA GLOBALE NIELSEN

I risultati di questa indagine si basano su intervistati con accesso online in 61 Paesi (se non diversamente indicato). Sebbene la metodologia del sondaggio online consenta una scala enorme e una portata globale, fornisce una prospettiva solo sulle abitudini degli attuali utenti di Internet, non sulla popolazione totale, cosa particolarmente rilevante quando si parla di un'attività come la visione di video-on-demand. Nei mercati in via di sviluppo, dove la penetrazione dell'online è più bassa, il pubblico può essere più giovane e più ricco rispetto alla popolazione generale del paese. Inoltre, le risposte ai sondaggi si basano su comportamenti dichiarati piuttosto che su dati reali misurati. Le differenze culturali nel sentimento di comunicazione sono probabilmente fattori che influenzano le prospettive dei vari Paesi. I risultati riportati non tentano di controllare o correggere queste differenze; pertanto, occorre prestare attenzione quando si effettuano confronti tra Paesi e regioni, in particolare tra i confini regionali.

SU NIELSEN

Nielsen Holdings plc (NYSE: NLSN) è un'azienda globale di gestione delle performance che fornisce una comprensione completa di ciò che i consumatori guardano e comprano. Il segmento Watch di Nielsen fornisce ai clienti dei media e della pubblicità servizi di misurazione della Total Audience su tutti i dispositivi in cui vengono consumati i contenuti (video, audio e testo). Il segmento Buy offre ai produttori di beni di consumo confezionati e ai rivenditori l'unica visione globale del settore per la misurazione delle performance di vendita al dettaglio. Integrando le informazioni provenienti dai segmenti Watch e Buy e da altre fonti di dati, Nielsen fornisce ai suoi clienti sia misurazioni di livello mondiale sia analisi che aiutano a migliorare le prestazioni. Nielsen, una società dell'S&P 500, è presente in oltre 100 Paesi e copre più del 90% della popolazione mondiale. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.nielsen.com. 

Contatti

Andrew McCaskill: andrew.mccaskill@nielsen.com; +1 646 654 5577