Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

L'influenza suina come epidemia sui social media; il CDC twitta con calma

4 minuti di lettura | Maggio 2009

Melissa Davies, Nielsen Online

Questa settimana è stato impossibile sfuggire alle notizie sull'influenza suina (o virus H1N1). Uno degli sviluppi più interessanti di questa settimana è stato osservare il modo in cui le persone hanno utilizzato Internet, e in particolare i social media, per entrare in contatto tra loro su questo tema. Fino a ieri, il volume di discussione sull'influenza suina nella blogosfera era ancora in rapida ascesa, superando di gran lunga i livelli di discussione per l'allarme burro di arachidi/salmonella verificatosi all'inizio dell'anno o, per avere un altro punto di riferimento, per la recente sensazione pop di Susan Boyle.

Una misura dell'ampiezza dell'impegno su Internet riguardo all'influenza suina è Wikipedia. La pagina del sito sull'influenza suina è stata aggiornata letteralmente centinaia di volte questa settimana. Wikipedia ha creato una pagina separata incentrata sull'epidemia di influenza suina del 2009 per fornire informazioni aggiornate; tale pagina è stata aggiornata 119 volte a partire dalle prime ore del 1° maggio.

L'influenza suina si sta facendo notare anche sul sito di social network Facebook. Lunedì c'erano circa 100 gruppi Facebook dedicati all'influenza suina. All'inizio del 1° maggio, ci sono più di 500 gruppi. I tre gruppi più grandi hanno un totale di oltre 10.000 membri.

Questa settimana Twitter si è guadagnato l'attenzione dei media come fonte di ferventi discussioni sull'influenza suina. Secondo alcuni dati, all'inizio della settimana le menzioni sull'influenza suina hanno raggiunto un ritmo di oltre 10.000 tweet all'ora. Si temeva che questa discussione creasse inutili paure sull'influenza suina: non si può certo negare che, accanto alle buone informazioni sull'epidemia, venissero condivise anche informazioni errate. Ci sono stati anche molti riferimenti scherzosi all'influenza suina, ma una parte significativa della discussione sembra essere incentrata sul legittimo desiderio di entrare in contatto con gli altri e di parlare di problemi reali. Considerate questi tweet di stamattina:

  • "I sintomi dell'influenza suina: Lista di controllo per capire se si è infetti: ... https://bit.ly/9L4Wx
  • "Questa storia dell'influenza suina mi fa venire i brividi".
  • "Sto monitorando da vicino lo scenario dei viaggi e dell'influenza suina. Ieri Biden non ha fatto un favore all'industria dei viaggi!".
  • "Pensa che sia da sfigati aver dovuto inventare un nome "politicamente corretto" per l'influenza suina, per compensare l'ignoranza delle masse".
  • "Il nuovo ceppo influenzale ha un significativo impatto negativo indiretto sul nostro settore suinicolo in un momento in cui i nostri produttori non ne hanno assolutamente bisogno!".

Il CDC offre una voce della ragione

Tra tutti i blogger e i tweeter che parlano dell'influenza suina c'è una voce che potrebbe sorprendere alcuni: il governo. Il Centers for Disease Control (CDC) sta sfruttando diversi canali online per fornire una voce di ragionevolezza nella furia delle discussioni sull'influenza suina e, nel frattempo, sta definendo una tabella di marcia per coloro che si chiedono come i social media possano essere utilizzati per la comunicazione di crisi.

Il CDC ha alcuni account Twitter, ma due - @CDCemergency e @CDC_eHealth - sono stati utilizzati per aggiornamenti sull'influenza suina. I tweet di CDCemergency includono link a ulteriori informazioni e forniscono consigli semplici per evitare l'influenza suina, come "Nuove linee guida - Influenza suina - isolamento domestico dei malati, chiusura delle scuole e altri interventi di allontanamento sociale". @CDC_eHealth si aggiorna con una frequenza leggermente inferiore, ma fornisce lo stesso tipo di aggiornamenti chiari e informativi, tra cui link e un numero di telefono 800 per ulteriori informazioni sull'influenza suina, oltre a una cartolina elettronica per il lavaggio delle mani da inviare ad amici e familiari.

Ciò che è particolarmente sorprendente è il numero di persone che vengono raggiunte in questo modo: In questo momento, CDCemergency ha più di 65.000 follower. Questo numero è aumentato dell'86% da quando abbiamo iniziato a monitorarlo martedì. Si confronti questo dato con le 500-700 persone che seguivano gli aggiornamenti su Twitter dell'HHS quando è scoppiata la crisi della salmonella e del burro di arachidi, qualche mese fa.

@CDC_eHealth sta anche twittando i link al canale YouTube del CDC, che contiene diversi nuovi video relativi all'influenza suina, oltre a un numero di telefono e un indirizzo e-mail per ulteriori informazioni. Un video che fornisce una panoramica di base sull'influenza suina, compresi i sintomi e le strategie di prevenzione, ha ottenuto più di 198.000 visualizzazioni e una valutazione di 4,5 stelle sulla base di 881 recensioni.

CDC.gov: Il CDC ha anche creato una pagina dedicata all'influenza suina sul suo sito, con un conteggio aggiornato dei casi confermati negli Stati Uniti per Stato, avvisi di viaggio, indicazioni per i professionisti e consigli per mantenersi in salute. Il sito offre anche opzioni di sottoscrizione per aggiornamenti via e-mail e feed RSS, un podcast sui sintomi e un link ai profili Twitter del CDC. Tutti gli aggiornamenti sono disponibili in inglese e spagnolo. Finora questa settimana il sito è stato aggiornato otto o nove volte al giorno, anche durante il fine settimana.

La presenza online del CDC sembra avere un impatto: I visitatori unici di cdc.gov sono aumentati di quasi il 100% questa settimana, mentre le visite totali sono cresciute del 123%.

Le discussioni online sull'influenza suina continuano a crescere a un ritmo incredibile, superando di gran lunga il tasso di nuove diagnosi. Continueremo a seguire l'evolversi della discussione e a misurare i nuovi sviluppi nei prossimi giorni.