Centro notizie > Azienda

Verità, fiducia e il futuro di Nielsen

4 minuti di lettura | Dicembre 2018
L'amministratore delegato di Nielsen, David Kenny
David Kenny, CEO, Nielsen

Verità e fiducia. Questo è ciò di cui una grande azienda e un grande ecosistema aziendale hanno bisogno per sopravvivere e prosperare nell'odierno mondo in rapida evoluzione e affamato di dati. Ma i dati hanno i loro capricci: troppi possono confondere. Possono essere sporchi e quindi inutilizzabili. Possono vivere in un silo e non essere collegati a nulla di ciò che li circonda. E la cosa più importante è che possono essere usati in modo improprio. Ogni giorno i consumatori aggiungono sempre più dati a questa equazione. Tutti questi dati, puliti o sporchi, possono ostacolare la presa di decisioni aziendali rapide e d'impatto.

Nell'ecosistema del marketing, i media buyer sono chiari su una cosa: vogliono trasparenza. Vogliono finalmente capire quanto sono efficaci i loro sforzi e come possono migliorarli. Una maggiore chiarezza significa, in ultima analisi, una maggiore fiducia nel fatto che stanno ottenendo esattamente ciò per cui hanno pagato.

I consumatori che forniscono questi dati - con ogni clic, ogni like e ogni transazione - vogliono anche sapere che quando intraprendono un comportamento di acquisto sono protetti. In effetti, in nessun altro momento della storia i consumatori sono stati più consapevoli, curiosi e preoccupati di come vengono acquisiti e utilizzati i dati che li riguardano.

I dati comportano responsabilità. La responsabilità di proteggere il consumatore. La responsabilità di proteggere l'ecosistema di marketing e la responsabilità di gestire il tutto con integrità e trasparenza.

Perché Nielsen? Nielsen ha molti vantaggi incorporati nel suo modello: utilizza panel veramente rappresentativi per analizzare grandi e ingombranti serie di dati e renderli utili e gestibili. Una pietra miliare essenziale della nostra strategia è l'investimento di Nielsen nei panel di consumatori. Si tratta di panel sia nel settore dei media che in quello dei beni di consumo in rapida evoluzione, dove le persone ci permettono di entrare nelle loro case per effettuare misurazioni di prima mano su base continuativa. E lo fanno in tutto il mondo. A mio avviso, questa vicinanza al consumatore, consentita dalla fiducia che nutre nei confronti del nostro marchio, non ha prezzo.

Questi pannelli consentono di capire non solo chi sta effettuando transazioni, ma spesso anche quando, perché, dove e quanto. Sono in grado di de-duplicare le audience video e audio, in modo che i nostri clienti sappiano la differenza tra un singolo binge watcher e una famiglia di devoti riuniti in salotto a guardare i loro programmi preferiti. Gli strumenti per capire chi ha fatto un acquisto e come è arrivato alla decisione di comprare quel prodotto, in un modo specifico, in un momento specifico, sono di importanza fondamentale.

Un altro aspetto importante dei nostri panel è che rimangono dalla parte giusta della privacy dei consumatori. Siamo consapevoli che non tutti vogliono che si sappia tutto di loro e che i marchi devono prendere buone decisioni senza oltrepassare inavvertitamente i limiti. Per noi vanno bene restrizioni più severe sulla privacy, è la cosa giusta da fare. Nielsen ha sempre lavorato duramente per ottenere il consenso esplicito dei consumatori nei nostri panel.

Le aziende di ogni tipo e dimensione dispongono di dati. Questi flussi sono in continua espansione e raramente si parlano tra loro. Questo è un dato di fatto. Ma l'altra realtà è che non tutti questi big data possono essere convertiti in dati utili. Noi di Nielsen sappiamo che un elemento chiave per ottenere dati utili è l'etichettatura: abbiamo i dati più accuratamente etichettati nel settore dei media e del retail. Un'etichettatura dettagliata e verificata significa che i dati si adattano più facilmente all'apprendimento automatico e all'intelligenza artificiale. Infine, sappiamo come usarli, come pulirli, come unirli ad altri set di dati e come massimizzare la scienza dei dati.

L'impegno di Nielsen nel fornire dati di alta qualità e scientificamente fondati è un servizio essenziale per il mercato. La capacità di fornire dati utili, indipendenti da pregiudizi verso acquirenti o venditori, diventerà sempre più cruciale per il mercato.

Quando uniamo questi dati di base dei panel di consumatori ai dati di tracking e comportamentali e a qualsiasi altra serie di dati che creano un contesto, e poi applichiamo un mix unico di analisi umana e automatica, con veri data scientist e algoritmi, inizia la vera magia. L'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico sbloccheranno ancora più valore per noi e per i nostri clienti.

Molto prima di prendere in considerazione il passaggio a Nielsen, ero un cliente e un partner. Allora mi era altrettanto chiaro che il modo in cui l'azienda lavora e i suoi principi fondamentali di indipendenza, integrità e attenzione al consumatore danno fiducia al mercato.

In Nielsen, tecnologia, scienza e dati si fondono con un elemento umano. C'è ancora un enorme potenziale da sbloccare e il nostro team lavora duramente per sbloccare sempre più potenziale ogni giorno. I migliori anni di Nielsen sono nel futuro.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente da David Kenny su LinkedIn