02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Sport e giochi

La Forza è con loro: il potere d'acquisto dei fan di Star Wars

2 minuti di lettura | Dicembre 2015

Dopo essere rimasto per lo più inattivo per un decennio, l'impero di Star Wars è pronto a colpire di nuovo.

Il nuovo capitolo del franchise cinematografico, The Force Awakens, arriverà nelle sale il 18 dicembre e i fan di tutto il mondo sono in fibrillazione. Questa attesa vertiginosa si estende anche agli addetti al marketing, che prevedono che il nuovo film sarà un enorme e redditizio blockbuster.

Il loro ottimismo sembra essere ben fondato. A quasi 40 anni dall'uscita del primo film, Guerre stellari rimane un fenomeno culturale con un ampio appeal in molti settori demografici di valore.

Secondo il Nielsen N-Score, che misura il potenziale di approvazione delle celebrità, Carrie Fisher, Harrison Ford e Mark Hamill sono tutti al di sopra del N-Score medio per un attore televisivo e cinematografico (74). Ford ha l'N-Score più alto tra i tre principali membri del cast (100 su 100), dato che il 90% degli americani lo conosce e il 56% lo considera influente.

Questo fascino duraturo del cast è importante per i responsabili del marketing, poiché una precedente ricerca Nielsen ha rilevato che le generazioni più giovani sono quelle che più facilmente si lasciano influenzare dalle sponsorizzazioni delle celebrità.

In generale, i fan di Star Wars hanno il 17% di probabilità in più di essere Gen X (tra i 35 e i 44 anni) rispetto all'americano medio. Tuttavia, questi aspiranti Jedi originali stanno trasmettendo il loro amore per il franchise ad altri. Infatti, è più probabile che i fan facciano parte di famiglie con figli di età inferiore ai 18 anni rispetto al consumatore medio.

L'affinità con Star Wars sembra essere trasversale a tutte le razze e a tutte le fasce d'età. Sebbene i fan siano prevalentemente bianchi (75% delle famiglie), le famiglie delle minoranze hanno maggiori probabilità rispetto alla media americana di avere fan di Star Wars, in particolare gli asiatici-americani (17% di probabilità in più di essere fan del franchise) e gli ispanici (16%). In confronto, le famiglie afroamericane hanno meno probabilità di essere fan del franchise.

Gli appassionati di Star Wars hanno anche il 9% di probabilità in più rispetto all'americano medio di far parte di famiglie con un reddito annuo di 70.000 dollari o più.

Data la propensione dei fan a spendere, non c'è da stupirsi che Il Risveglio della Forza abbia già una serie di sponsor ufficiali di alto profilo, tra cui marchi delle categorie cura della persona, alimentari, auto e tecnologia. I fan di Star Wars spendono più dello spettatore medio di queste categorie di prodotti messe insieme (4.300 dollari contro 4.100 dollari all'anno).

Per cosa spendono i loro soldi i fan? Dato che molti hanno una famiglia giovane, non sorprende che acquistino più caramelle, graham cracker, snack di frutta secca, cereali, pasta e bende adesive rispetto allo spettatore medio.

Con la Disney/Lucasfilm che prevede l'uscita di un nuovo film legato a Star Wars ogni anno fino al 2020 e l'uscita di un nuovo libro legato al film all'inizio del 2016, il numero di fan e le potenziali opportunità di marketing sono destinati a crescere. Come potrebbe dire Yoda: Questo è solo l'inizio.

Continua a sfogliare approfondimenti simili