02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Appello di massa: Uno sguardo all'impatto interculturale della diversità sullo schermo

1 minuto di lettura | Giugno 2018

Negli ultimi anni, la televisione ha subito una trasformazione significativa, guidata dall'evoluzione del modo in cui le persone guardano i contenuti e conducono la loro vita. I cambiamenti nel comportamento e nei dati demografici del pubblico hanno portato a un panorama mediatico più frammentato e hanno generato una programmazione che riflette i dati demografici in evoluzione di un'America sempre più multiculturale. La generazione Z (definita come quella dei nati tra il 1997 e il 2016) è attualmente la generazione più numerosa d'America, con il 27% della popolazione generale, ed è la coorte più eterogenea dopo i Millennial.

La generazione Z è la più numerosa d'America, con il 27% della popolazione generale, ed è la seconda coorte più diversificata.

Una dimostrazione dell'impatto del cambiamento dello spettatore è stato il successo dimostrabile dei programmi televisivi con cast multiculturali. Una recente analisi dei programmi di punta e del loro pubblico ha evidenziato l'impatto interculturale della diversità sullo schermo.

Al di là dell'audience, l'apprezzamento interculturale dei diversi membri del cast e dei contenuti può essere visto nell'affinità delle loro basi di fan. La soluzione N-Score di Nielsen valuta la notorietà, la simpatia e l'influenza delle celebrità, che si traduce in ciò che i "fan" guardano. Osservando i dati N-Score sui fan di alcuni dei protagonisti di questi programmi, si nota l'ampia attrattiva dei talenti multiculturali per il pubblico di genere, età ed etnia.

Mentre i creatori di contenuti, i distributori e gli operatori di marketing navigano nel mutevole panorama dei consumatori, non c'è dubbio che la comprensione dell'appeal di massa dei contenuti diversi sarà fondamentale per entrare in contatto con gli spettatori di tutte le culture.

Continua a sfogliare approfondimenti simili