02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Pubblico

Colmare il divario nella rappresentazione dell'Asia meridionale sullo schermo

3 minuti di lettura | Dicembre 2021

L'aumento della rappresentazione sullo schermo di popolazioni storicamente escluse rimane una stella polare per l'industria dei media, e si stanno facendo progressi. Tali progressi, tuttavia, vengono misurati utilizzando una lente molto generica. Sebbene gli Stati Uniti ospitino una crescente ricchezza di gruppi identitari, è necessario qualcosa di più di una semplice descrizione a grandi linee per spostare la rappresentazione sullo schermo e catturare le nostre storie e culture diverse.

Il modo in cui le persone si identificano e si percepiscono è di estrema importanza personale, secondo solo al modo in cui le persone si vedono nel mondo che le circonda, compresi i media. Le etichette etniche e multiculturali generiche non sono in grado di trasmettere l'unicità di ogni individuo, eppure la profonda ricchezza della nostra popolazione rimane categorizzata da una manciata di termini ampi e generalizzati, come bianco, nero e asiatico-americano.

L'aspetto negativo della rappresentazione e dell'inclusione attraverso questi termini generalizzati è che impedisce alle persone di vedere il loro vero io riflesso nel mondo che le circonda. Nella stagione televisiva 2020-2021, ad esempio, i talenti asiatici e delle isole del Pacifico sullo schermo hanno avuto una quota del 2,9% in tutta la televisione. Le persone che si identificano con il Sud-Est asiatico, tuttavia, hanno visto molto meno se stesse quando si sono sintonizzate.

I sud-asiatici stanno tuttavia aumentando la loro importanza a Hollywood, con il debutto di Kingo come primo supereroe sud-asiatico nel Marvel Cinematic Universe e l'interpretazione di Anupam Tripathi, di origine indiana, in Squid Game di Netflix. Per quanto riguarda gli uomini dell'Asia meridionale, la loro crescente rappresentazione in TV e al cinema ha portato la loro quota di schermo in linea con quella della popolazione statunitense (2,3%). Lo stesso non si può dire per le donne sud-asiatiche, la cui quota di schermo è appena dello 0,3%, nonostante i progressi compiuti negli ultimi anni da star come Mindy Kaling, la YouTuber trasformata in conduttrice di talk show notturni Lilly Singh, Maitreyi Ramakrishnan di Never Have I Ever e Avantika Vandanapu, che di recente ha recitato nel film originale di Disney Channel 2021 Spin.

È importante sottolineare che la rappresentazione non consiste solo nel coinvolgimento o nell'inclusione. La vera rappresentazione implica ritratti accurati, non stereotipi generalisti. Per i sud-asiatici, molte rappresentazioni sullo schermo si sono concentrate su tipi di personaggi specifici, come i nerd, i tassisti e i gestori di negozi come Apu dei Simpson. Per questo è importante capire come il pubblico vede i personaggi e i ruoli con cui si confronta in TV e nei film, per valutare se i passi avanti nella rappresentazione vengono fatti di pari passo con quelli associati all'inclusione.

L'attualità e la realtà sono i generi più inclusivi nella classifica dei programmi più inclusivi per i sud-asiatici, evidenziando una significativa carenza nell'ampia gamma di altri generi, soprattutto quelli che ritraggono temi di vita quotidiana che aiuterebbero a rompere gli stereotipi e ad apparire più autentici. Ad esempio, il supereroe Kingo in Marvel's Eternals vive sulla terra come una star di Bollywood, ma il film ha suscitato critiche da parte dei netizen che sostenevano che la sequenza di danza bollywoodiana del film fosse obsoleta e non avrebbe dovuto contenere testi in inglese.

Aprire più porte ai talenti dietro la macchina da presa è un modo per garantire che più storie siano raccontate con autenticità. La scrittrice/regista Urvashi Pathania, che ha vinto il concorso per cortometraggi APA Visionaries 2021 con il suo film Unmothered, ha dichiarato: "Ho deciso di fare questo film perché non volevo cadere negli stereotipi dell'Asia meridionale. Spesso i film della diaspora sud-asiatica che ritraggono l'India possono sconfinare nella pornografia della povertà e io non volevo raccontare una storia che non fosse autenticamente mia".

Evitare gli stereotipi è il cammino verso la Stella Polare. In una recente intervista, la direttrice del casting, produttrice e conduttrice di podcast Keertana Sastry ha discusso di come la diversità e l'autenticità possano essere rappresentate in modo accurato semplicemente scegliendo persone dell'Asia meridionale/asiatica/BIPOC per i ruoli. In questo modo, dice, "si aggiunge semplicemente una lente culturale senza doverla tirare fuori. Automaticamente, si sta raccontando una storia che diventa universalmente relazionabile, perché la specificità è relazionabile".

Quando la facilità del casting di talenti rappresentativi incontra i temi delle storie di vita reale, queste rappresentazioni sullo schermo illustreranno in modo più accurato le ricche vite dei diversi spettatori, facendoli sentire visti.

Per ulteriori approfondimenti, scaricate il nostro recente rapporto Being seen on screen.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda