02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > TV e streaming

FAST ha reso la TV lineare di nuovo cool; la personalizzazione la renderà ancora più cool

5 minuti di lettura | Aprile 2024

In meno di 20 anni, lo streaming video ha trasformato il panorama televisivo e ha creato una sorta di immagine speculare dell'aspetto della TV prima dell'arrivo dello streaming.

Non solo la pubblicità ha iniziato a fiorire come mezzo di monetizzazione attraverso le piattaforme e i servizi, ma anche la programmazione in diretta e programmata continua a guadagnare terreno, mentre i creatori di contenuti, le società di media e i produttori di dispositivi lanciano nuovi canali televisivi gratuiti ad-supported (FAST) su un numero crescente di piattaforme.

Tuttavia, per quanto alcuni creatori possano sviluppare e lanciare rapidamente un nuovo canale FAST, idealmente con un piano di distribuzione strategico, la garanzia della redditività a lungo termine di un canale è tutt'altro che garantita.

Per cominciare, il panorama FAST è diventato incredibilmente affollato nell'ultimo anno. Data la rapida evoluzione del panorama FAST, le stime sulle dimensioni del settore sono varie. Secondo Gracenote Video Data, ci sono più di 1.900 canali FAST individuali tra cui scegliere, di cui più di 1.300 solo negli Stati Uniti. A titolo di confronto, a metà del 2023 negli Stati Uniti ce n'erano appena 1.000.

Si tratta di una crescita del 30% in otto mesi. Inoltre, le singole piattaforme FAST, come Pluto TV, Freevee di Amazon e Tubi, hanno in genere centinaia di canali al loro interno, offrendo un'ampia scelta all'interno delle singole guide elettroniche ai programmi.

I tre servizi FAST riportati in modo indipendente nel Gauge di Nielsen hanno un totale di oltre 800 canali televisivi in diretta.

Nonostante la congestione del settore, l'impegno dei telespettatori e gli introiti pubblicitari sono sempre più concentrati sui contenuti over-the-top1 a cui il pubblico accede attraverso le TV connesse (CTV2). Nel terzo trimestre del 2023, ad esempio, il pubblico ha trascorso poco meno di due ore al giorno con i contenuti della CTV3, pari a oltre il 40% del tempo totale trascorso in TV (4:34 al giorno). 

Cresce anche il tempo dedicato alla programmazione FAST: Pluto TV, Tubi e Roku Channel hanno rappresentato il 3,7% dell'utilizzo totale della TV4 nel febbraio 2024. Con l'aumento dei telespettatori, la pubblicità sta seguendo l'esempio. Digital TV Research Ltd., ad esempio, prevede che il fatturato globale del FAST raggiungerà i 17 miliardi di dollari nel 2029, rispetto agli 8 miliardi del 2023.

Non tutti beneficeranno della ripresa. Un maggior numero di canali non equivale a un maggior numero di spettatori. Semplicemente, disperde gli spettatori. Questo è vero in tutto il settore dello streaming e il pubblico è sopraffatto. Un sondaggio di Motley Fool di gennaio, ad esempio, ha rilevato che il 62% del pubblico afferma che ci sono troppe opzioni di streaming, e il 39% ha dichiarato di aver ridotto i servizi a cui è abbonato rispetto all'anno precedente.

Il 70% dei consumatori di streaming conosce i servizi FAST e ha guardato contenuti FAST negli ultimi tre mesi

I servizi FAST possono trarre vantaggio dal sovraccarico di abbonamenti, poiché un'indagine Deloitte del 2023 ha rilevato che il 19% dei consumatori è passato da un abbonamento a pagamento a un servizio FAST. Inoltre, l'ultima indagine Nielsen sui consumatori di streaming ha rilevato che il 70% degli intervistati ha dichiarato di conoscere FAST e di aver guardato contenuti FAST negli ultimi tre mesi. L'accesso a nuovi contenuti è un fattore primario, con il 63% che dichiara di avere accesso ai servizi VOD tradizionali ma di essere interessato a esplorare nuovi contenuti sulle piattaforme FAST.

Tuttavia, dato che l'industria si concentra sulla monetizzazione dei contenuti, i creatori, gli editori e le emittenti che entrano nel settore FAST devono fare di più che rendere semplicemente disponibile la loro programmazione agli spettatori.

Il modo migliore per coinvolgere e mantenere il pubblico è offrire loro qualcosa che stanno effettivamente cercando. Ma i contenuti non nascono con una capacità innata di offrire se stessi al pubblico. È qui che entrano in gioco i metadati. Ma come i contenuti, i metadati non sono omogenei. Ciò è particolarmente vero nei servizi FAST, dove i singoli canali provengono da una serie di distributori.

Ma quando i contenuti includono un ID Gracenote, vengono automaticamente collegati a una serie di risorse di intrattenimento standardizzate che sono fondamentali per soddisfare i percorsi di ricerca e scoperta del pubblico. Le informazioni collegate includono:

  • Descrizione
  • Genere
  • Il getto
  • Immagini
  • Disponibilità del programma

Ancora agli inizi, l'ecosistema FAST sta giocando a rimpiattino con i metadati. Una recente analisi, ad esempio, ha rilevato che il 31% della programmazione FAST inviata a Gracenote non includeva alcuna informazione sul genere. Questo, di per sé, limiterà le opportunità di monetizzazione, poiché è improbabile che i marchi e le agenzie facciano pubblicità ai contenuti senza conoscere il genere del programma.

Ma avere le basi è solo l'inizio. Per avere successo in futuro saranno necessarie strategie di arricchimento dei dati che si basino sulle immagini e sulle descrizioni di base, fornendo un quadro più completo dei contenuti. Aggiunte come l'umore, il tema, lo scenario e l'ambientazione forniscono un nuovo livello di informazioni che possono aumentare l'attrattiva della programmazione tra il pubblico in cerca di qualcosa da guardare.

Dati aggiornati per il film "Black Panther

Inoltre, l'arricchimento dei metadati può contribuire a garantire che i contenuti si distinguano con l'arrivo delle esperienze FAST di nuova generazione, compresi gli algoritmi di ricerca e scoperta migliorati per i motori di raccomandazione, che sono ormai un punto di riferimento negli ambienti VOD tradizionali.

Cruscotto della piattaforma di streaming

L'importanza di metadati normalizzati e completi non può essere sottolineata oltre. La recente revisione dei metadati operata da Disney per portare i contenuti di Hulu nell'app Disney+ mette in evidenza le immense differenze che le singole app e piattaforme hanno rispetto ai contenuti e ai metadati.

Sebbene questo esercizio si sia svolto nell'ambito del VOD, esso illustra la miriade di approcci ai metadati nel panorama dello streaming e le relative sfide di distribuzione che ne derivano. Tuttavia, avere il giusto partner per i metadati garantisce che i contenuti si inseriscano rapidamente in qualsiasi piattaforma e offrano l'esperienza più ricca possibile al pubblico, comprese quelle che devono ancora concretizzarsi nell'ecosistema FAST.

Per ulteriori informazioni sulle esigenze dei contenuti FAST in futuro, scaricate il nostro toolkit FAST

Fonti:

1Over-the-top(OTT) si riferisce a contenuti video in streaming a cui il pubblico accede tramite una connessione a Internet.
2CTV si riferisce a qualsiasi televisore connesso a Internet. Il caso d'uso più comune è lo streaming di contenuti video.
3Nielsen National TV Panel
4Nielsen's The Gauge, febbraio 2024

Continua a sfogliare approfondimenti simili