Centro Notizie > Responsabilità e sostenibilità

Nielsen inclusa nel Bloomberg Gender-Equality Index per il secondo anno consecutivo

2 minuti di lettura | Febbraio 2020

Nielsen è orgogliosa di essere stata inclusa nel Bloomberg Gender-Equality Index (GEI) 2020, che tiene conto delle performance finanziarie delle aziende pubbliche impegnate a sostenere la parità di genere attraverso lo sviluppo di politiche, la rappresentanza e la trasparenza. Questo è il secondo anno consecutivo che Nielsen è stata inclusa nell'indice.

2020 Bloomberg Gender-Equality Index

Il GEI è stato ampliato nel 2020 per includere 325 aziende (da 230) di 42 Paesi e regioni in 50 settori. Quest'anno, 6.000 aziende in 84 Paesi e regioni di settori diversi come le ricerche di mercato, le banche, i servizi ai consumatori, l'ingegneria e la vendita al dettaglio potevano essere incluse nell'indice. Per essere incluso, l'indice di riferimento misura l'uguaglianza di genere attraverso cinque pilastri: leadership femminile e pipeline di talenti, parità di retribuzione e di genere, cultura inclusiva, politiche di molestie sessuali e un marchio a favore delle donne. 

"Essere parte del GEI 2020 dimostra che ciò che Nielsen sta facendo per promuovere l'uguaglianza di genere è intessuto nel tessuto della nostra strategia aziendale e delle nostre politiche di talento", ha dichiarato Sandra Sims-Williams, Senior Vice President, Diversity and Inclusion di Nielsen. "Dimostra il nostro impegno per la trasparenza e la leadership nel reporting di genere, un primo passo importante per sostenere l'uguaglianza di genere a livello globale".

La diversità e l'inclusione sono essenziali per tutto ciò che facciamo e misuriamo la nostra rappresentanza su base continuativa. A novembre 2019, la nostra forza lavoro negli Stati Uniti era composta per il 49% da donne e per il 38% da persone diverse per razza ed etnia. Se consideriamo questa metrica per livello, le donne occupano oltre il 40% dei ruoli di leadership senior, con un aumento del 2% rispetto a gennaio 2019. Il nostro obiettivo è di arrivare al 46%, motivo per cui l'amministratore delegato David Kenny ha firmato l'impegno LEAD di aumentare la nostra rappresentanza del 7% in due anni.