Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Leggi tutto: il mercato del libro in India è pronto per la crescita

3 minuti di lettura | Marzo 2016

Il tasso di alfabetizzazione dell'India ha registrato un significativo miglioramento nell'ultimo decennio, grazie anche agli investimenti governativi nell'istruzione. Secondo il National Youth Readership Survey del 2009, tre giovani su quattro nel Paese sono alfabetizzati e un quarto della popolazione giovanile (ben 83 milioni) si identifica come lettore di libri. Entro il 2020, si prevede che il livello di alfabetizzazione del Paese raggiungerà il 90%.

E questo ha enormi implicazioni per l'industria libraria mondiale.

L'India è attualmente il secondo Paese più popoloso del mondo, con oltre 1,28 miliardi di persone. Le previsioni di crescita demografica stimano che l'India supererà l'attuale Paese più popoloso, la Cina, entro la fine del 2030, con una popolazione di circa 1,53 miliardi di persone.

Oltre a questa straordinaria crescita demografica, l'economia indiana sta percorrendo un sentiero di forte espansione, con un aumento medio annuo del PIL dell'8,6% negli ultimi tre anni. Ciò fa dell'India l'economia a più rapida crescita del mondo.

Per comprendere meglio l'editoria indiana a livello di settore, Nielsen Book ha intrapreso un importante progetto di ricerca, che ha dato vita al Rapporto sul mercato del libro in India. Oltre a esaminare i parametri economici dell'industria editoriale e le dimensioni del mercato del libro, lo studio ha esaminato anche i quadri e le politiche governative e l'impatto delle leggi modificate sull'editoria libraria, i comportamenti di acquisto dei libri e le caratteristiche dei consumatori di libri nei diversi tipi di editoria.

Quali sono i tipi di libri che compongono il mercato indiano?

Mentre la lettura per piacere è una componente importante del mercato e il pubblico dei libri commerciali generici (narrativa, saggistica e libri per bambini non educativi) sembra destinato a crescere, i libri scolastici rappresentano la maggior parte del mercato librario complessivo del Paese. Si stima infatti che gli acquisti di libri scolastici K-12 rappresentino circa il 71% del mercato, mentre i libri per l'istruzione superiore rappresentano un ulteriore 22%. 

La popolazione indiana sta diventando sempre più istruita. Il rapporto di iscrizione lordo (GER) per la scuola K-12 è stato dell'84,6% nel 2013-2014 e la Commissione per la pianificazione ha previsto che questa cifra salirà al 93,2% entro il 2017. Ciò significa quasi il 100% di iscrizioni alle elementari, oltre il 90% di iscrizioni alle medie e il 65% di iscrizioni alle superiori. Le previsioni di Nielsen sulla crescita del mercato dei libri didattici indicano che questo mercato, già estremamente significativo, crescerà di circa il 19% nei prossimi cinque anni, grazie a un numero sempre maggiore di bambini che entrano a scuola - e che vi rimangono più a lungo - e a un numero sempre maggiore di genitori in grado di permettersi le risorse necessarie per sostenerli nelle loro esigenze di apprendimento.

Le caratteristiche uniche della demografia indiana in termini di crescita della popolazione, soprattutto di giovani alfabetizzati e istruiti, presentano anche enormi opportunità per la crescita e l'espansione dell'industria editoriale in tutti i settori, non solo in quello dell'istruzione. Ma queste enormi opportunità non sono prive di sfide. Per esempio, l'India ha 22 lingue ufficiali e, con le lingue regionali e i dialetti di tutti gli Stati, la cifra sale a più di 1.600.  

Oltre a dover affrontare un mercato così frammentato dal punto di vista demografico, le librerie di negozi e negozi in India devono anche affrontare la concorrenza dei nuovi canali di vendita offerti dal commercio elettronico. Questi rivenditori online sono spesso, come in altri Paesi, attraenti sia per l'assortimento che per il prezzo per una popolazione sempre più mobile. Altri ostacoli sono rappresentati dalla geografia e dalle dimensioni del Paese, nonché dalle inefficienze e dai costi legati alle scarse infrastrutture. Questi fattori rendono la distribuzione di grandi volumi di libri in tutte le parti del Paese un problema logistico per gli editori.

Nonostante le numerose sfide affrontate dal mercato del libro in India, tuttavia, l'industria si sta espandendo rapidamente, creando posti di lavoro e contribuendo all'istruzione e all'alfabetizzazione del Paese. Coloro che lavorano in questo settore vivace, influente e significativo ritengono che sia giunto il momento di ricevere lo status di "industria", in modo che il commercio librario possa ottenere un sostegno finanziario e collaborare più strettamente con il governo per promuovere lo sviluppo generale del Paese.