02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Sport e giochi

Le ricchezze di una rivalità: le finali NBA

2 minuti di lettura | Giugno 2018

Mentre i fan e gli opinionisti discutono se la rivalità tra Cleveland Cavaliers e Golden State Warriors sia un bene per il basket, un'analisi di diverse metriche di Nielsen Sports mostra che gli ultimi tre accoppiamenti delle finali NBA sono stati vantaggiosi per le squadre, i giocatori, gli sponsor e i fan.

Questa stagione NBA segna la quarta volta consecutiva che i Cavaliers e i Warriors si incontrano in finale. Sebbene entrambe le squadre siano presenti nella lega da decenni (rispettivamente dal 1970 e dal 1946), dal 2014 - l'ultimo anno prima dell'inizio della striscia di quattro finali NBA - hanno registrato una crescita di diversi milioni di tifosi.

Ma la rivalità delle finali NBA tra Cavaliers e Warriors non è stata solo un vantaggio per le due squadre. Ha anche migliorato la commerciabilità delle star LeBron James e Stephen Curry. Il talent tracker N-Score di Nielsen quantifica la percezione che i fan hanno di atleti, attori, musicisti, ecc. Dal 2014, l'N-Score di James è aumentato di 4 punti e quello di Curry di 10. Questa stagione, un solo punto separa LeBron James da Stephen Curry. In questa stagione, un solo punto li separa (rispettivamente 76 e 75).

Oggi James e Curry sono il primo e il secondo giocatore NBA per N-Score. James ha un N-Score di 76, alimentato da una consapevolezza che supera quella di Curry di 29 punti. Ma i punteggi di Curry per la simpatia e l'immagine sana sono ben superiori a quelli di James, che colmano la maggior parte del divario che James guadagna con la maggiore notorietà.

Secondo un'analisi di Nielsen Sport24, gli sponsor hanno guadagnato grazie all'esposizione televisiva in prima serata durante le ultime tre finali NBA Cavaliers-Warriors, con quasi 460 milioni di dollari di valore mediatico combinato Quality Index (QI).

Il 2016 è stato l'anno più importante, quando le finali NBA si sono allungate a sette partite. Un totale di 169 marchi sono apparsi sullo schermo, ricevendo poco meno di 200 milioni di dollari di esposizione, a riprova del fatto che sia le squadre che la lega traggono benefici da una serie di sette partite.

Gli sponsor ottengono visibilità anche attraverso le piattaforme di social media delle squadre. I Golden State Warriors e i Cleveland Cavaliers sono in testa alla NBA per numero di interazioni con i fan su Instagram, Facebook e Twitter.

Le due squadre hanno ricevuto più di 680 milioni di like, commenti, condivisioni e retweet nell'ultimo anno solare.

Anche se solo una squadra alzerà il trofeo del campionato NBA nel 2018, la dinastia paga dividendi a tutte le persone coinvolte.

Continua a sfogliare approfondimenti simili