02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

L'audio supportato da pubblicità rappresenta un'opportunità irresistibile

3 minuti di lettura | Febbraio 2020

L'audio è fondamentalmente diverso dal video per una serie di aspetti e i modelli di business devono rifletterli. Con la diffusione dello streaming, è importante che i fornitori di audio accettino il fatto che i consumatori sono più propensi a scegliere le opzioni gratuite. Dopo tutto, è lì che si trovano le opportunità pubblicitarie. 

Un'indagine speciale di Nielsen sul sentimento dei consumatori statunitensi nei confronti delle piattaforme di streaming ha rilevato che nel mondo dei video, la stragrande maggioranza degli utenti di streaming (oltre il 90%) è abbonata ad almeno un servizio di streaming a pagamento. A questo si contrappone l'audio, dove più della metà (53%) dei consumatori utilizza servizi di streaming audio gratuiti e supportati da pubblicità (27% si abbona).

I consumatori hanno sempre avuto accesso all'intrattenimento audio gratuito, quindi non sorprende che gli americani siano più restii a pagarlo. Indipendentemente dalla modalità di ascolto, i consumatori si aspettano che i servizi di streaming musicale e la radio siano gratuiti e disponibili, e questa è una differenza notevole rispetto al settore dello streaming video, dove i fornitori di contenuti stanno segregando la programmazione in servizi specifici per attirare gli abbonati.

Sulla base di ciò che sappiamo sull'impatto duraturo della radio nel panorama audio, ciò che stiamo vedendo nello spazio dello streaming non è certo una novità. L'audio gratuito con supporto pubblicitario è stato la norma fin dall'avvento del mezzo. Non si può negare la continua storia d'amore tra gli amanti dell'audio e l'ascolto radiofonico, che è stato il fondamento dell'esperienza d'ascolto totale fin da quando la radio ha iniziato a diffondersi. Questo spiega perché la radio rimane uno dei fulcri dell'universo dei media, raggiungendo ogni settimana il 92% degli ascoltatori adulti statunitensi, più di qualsiasi altra piattaforma. 

Queste intuizioni non sfuggono al mondo della pubblicità: I grandi marchi da un miliardo di dollari si stanno (ri)svegliando alle soluzioni pubblicitarie basate sull'audio. Sanno che la portata è importante; è una componente fondamentale delle campagne pubblicitarie di successo e un ingrediente necessario per creare consapevolezza e spostare i prodotti dallo scaffale. L'audio supportato da annunci (e in particolare la radio) offre un'opportunità irresistibile per raggiungere i consumatori in massa nel mondo odierno, altamente frammentato e impazzito per lo streaming. Mentre lo streaming video tende a dominare i titoli dei media, anche lo streaming audio sta rapidamente diventando un punto fermo nella dieta mediatica dei consumatori statunitensi. L'audio offre un'esperienza unica e intima agli ascoltatori e agli inserzionisti che vogliono raggiungerli. E come illustrato nell'ultimo Total Audience Report di Nielsen, la facilità d'uso, la varietà dei contenuti e il costo sono i fattori più apprezzati dagli utenti dello streaming audio.

Mentre i diversi modelli di business hanno diversi pro e contro, il modello ad-supported ha il vantaggio di un potenziale di guadagno non limitato. A un certo punto, anche il modello di abbonamento di maggior successo si troverà di fronte a problemi di crescita, poiché il suo bacino di abbonati si riempie. Non è questo il caso del modello ad-supported. È vero che si è tentati di farsi trascinare dalla fanfara degli ultimi servizi video in abbonamento, ma nel mondo dell'audio l'obiettivo di emittenti, podcaster e creatori è immutato: Sviluppare contenuti di qualità che facciano tornare il pubblico a prescindere dalla piattaforma o dal modello pubblicitario, proprio come è avvenuto fin dagli albori della radio.

Continua a sfogliare approfondimenti simili