02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Pubblico

L'inclusione LGBTQ+ nei media rimane focalizzata sulle relazioni omosessuali

3 minuti di lettura | Agosto 2022

Negli anni trascorsi da quando è stato coniato per la prima volta, l'acronimo "LGBT" si è ampliato fino a includere una gamma molto più ampia di identità che comprende l'orientamento sessuale, l'identità e l'espressione di genere e le caratteristiche sessuali. Questa gamma di diversità è il punto in cui la comunità LGBTQ+ ritiene che manchino i contenuti inclusivi.

All'interno di questa vasta gamma, la comunità ritiene che i contenuti inclusivi delle relazioni omosessuali siano gli unici ad essere ampiamente accolti1. In confronto, la percezione dell'inclusione della diversità di genere, della bisessualità, dell'asessualità e della pansessualità è molto bassa.

Nel 2020, molte comunità hanno notato un netto cambiamento nell'impegno dei marchi verso l'inclusione attraverso i loro sforzi di marketing, in risposta alla presa di coscienza globale sull'ingiustizia razziale e sul trattamento delle comunità emarginate. Nonostante ciò, molte di queste prospettive partono da una base bassa, in quanto la percezione dell'inclusione rimane lontana dal 100%, soprattutto per i gruppi con cui molte persone hanno meno familiarità, come le persone pansessuali e gender fluid. È anche interessante vedere come le percezioni differiscano tra i membri della comunità LGBTQ+ e le persone non LGBTQ+.

Circa la metà delle lesbiche, ad esempio, ritiene che la pubblicità non sia molto inclusiva quando si tratta del proprio gruppo di identità. In confronto, due terzi delle persone che non si identificano come LGBTQ+ ritengono che la pubblicità sia molto poco inclusiva nei confronti delle lesbiche. Il risultato principale è che in molti casi le persone al di fuori della comunità LGBTQ+, essendo meno esposte alle pubblicità LGBTQ+, spesso percepiscono una minore inclusività nella pubblicità rispetto alle persone che si identificano come LGBTQ+.

Il divario è significativo, soprattutto per gay e lesbiche. I dati mostrano che alcuni spettatori LGBTQ+ vedono già i benefici di contenuti e pubblicità più inclusivi veicolati sui canali digitali preferiti che consentono un targeting più acuto, ma gli spettatori al di fuori di questi canali mirati non sempre vedono i progressi. I contenuti e le campagne inclusive possono essere utili alle comunità che rappresentano e a un pubblico più ampio.

A livello globale, la comunità LGBTQ+ degli Stati Uniti ritiene che la pubblicità sia più inclusiva nei confronti della maggior parte degli orientamenti sessuali, in particolare di coloro che si identificano come gay, rispetto agli altri Paesi. Anche in Messico le persone hanno un'alta percezione dell'inclusività dei ritratti dei gay nella pubblicità. In Francia, invece, la percezione è notevolmente più bassa.

In media, il 69% del pubblico LGBTQ+ internazionale afferma di ritenere che si stiano compiendo sforzi per migliorare l'inclusione nei media, ma ci sono mercati in cui i consumatori ritengono che l'inclusione sia stagnante o addirittura in calo. Nei nove mercati analizzati, il 27% di tutti gli intervistati ritiene che il livello di inclusione non sia cambiato, mentre il 6% degli intervistati LGBTQ+ in Canada e il 5% in Brasile percepisce una riduzione dell'inclusione negli ultimi due anni. In Brasile, l'inclusione percepita è diminuita ancora di più tra la popolazione generale.

In generale, la percezione della comunità LGBTQ+ indica che le attuali rappresentazioni dei media offrono una visione incompleta delle identità e delle esperienze LGBTQ+. Nel complesso, l'inclusione sta migliorando, ma si concentra soprattutto sulle identità gay e lesbiche, lasciando molte persone sottorappresentate.

Oltre a notare una visione incompleta dell'intera comunità, i consumatori intervistati per il nostro studio internazionale sulle percezioni dei media inclusivi LGBTQ+ hanno forti opinioni sulla necessità di autenticità nei media e sull'abbandono degli stereotipi. Per tutti i gruppi, compresi quelli che non si identificano come LGBTQ+, evitare gli stereotipi è il primo modo per migliorare l'inclusione nei contenuti, seguito a ruota dalla necessità di maggiore autenticità e realismo.

Per ulteriori approfondimenti, scaricate il nostro recente rapporto globale LGBTQ+.

Fonte

 12022studio internazionale sulla percezione dei media LGBTQ+ inclusivi

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda