Centro notizie > Eventi

L'impegno di Nielsen per l'occupabilità dei giovani al centro dell'evento Alliance 4 Youth

4 minuti di lettura | Dicembre 2016

In qualità di membro globale di Alliance 4 YOUth, Nielsen collabora con Nestlé e altri membri per contribuire a ridurre la disoccupazione in Europa. In qualità di membro attivo del consorzio, Nielsen contribuisce con studi pro bono all'Alleanza, crea spazi per i media digitali, tra cui contenuti sulla pagina Facebook dell'Alleanza, e sfrutta i suoi programmi di tirocinio e apprendistato per ridurre la disoccupazione giovanile tra gli under 30 e aumentare l'occupabilità dei giovani in Europa.

Nel Regno Unito, i programmi di apprendistato sono programmi di formazione per i giovani dai 16 anni in su che prevedono un'esperienza pratica sul posto di lavoro e un'istruzione in una scuola o in un centro di formazione. Il completamento con successo del programma porta a una qualifica riconosciuta dall'ente esaminatore del Paese.

E noi prendiamo molto sul serio il nostro ruolo. Infatti, Nielsen ha 20 apprendisti nel Regno Unito quest'anno e altrettanti previsti per il 2017, integrati da innumerevoli stage Nielsen in tutto il continente.

Avviata nel 2014 da Nestlé, Alliance 4 YOUth è un'iniziativa guidata dalle imprese per promuovere l'occupazione giovanile in Europa. Cerca di ridurre la disoccupazione giovanile aiutando i giovani ad acquisire esperienza e occupabilità attraverso posti di lavoro e opportunità di formazione, oltre che attraverso l'istruzione. Le aziende partner dell'organizzazione mobilitano anche i loro dipendenti per impegnarsi con la comunità e aiutare i giovani a prepararsi per il lavoro, offrendo consigli pratici, cliniche per la stesura dei curriculum e preparazione ai colloqui. I partner di Alliance 4 YOUth sono membri attivi dell'Alleanza europea per l'apprendistato della Commissione europea e promuovono l'apprendistato e la formazione come ambasciatori attivi della formazione professionale in Europa.

Oltre al lavoro svolto tutto l'anno da ciascuna azienda partner, i membri dell'alleanza si riuniscono annualmente per valutare i progressi e stabilire le priorità. L'evento di quest'anno si è tenuto il 15 novembre 2016 presso il Parlamento europeo a Bruxelles. Il tema, la discussione e il dibattito di quest'anno si sono concentrati sulla valutazione del successo dei programmi di apprendistato e su cosa si può fare per aumentarne l'attrattiva al fine di affrontare la disoccupazione giovanile. Molti giovani, i loro genitori e persino gli istituti di istruzione considerano i programmi di apprendistato come un'alternativa alla laurea. Il lavoro dell'Alliance 4 YOUth cerca di contribuire a cambiare questo modo di pensare e le aziende, i fornitori di istruzione e i giovani dovrebbero lavorare insieme per dimostrare che i programmi di apprendistato dovrebbero essere complementari a un'istruzione accademica, anziché sostituirla.

Prima dell'evento, Nielsen ha condotto un'indagine tra gli apprendisti, i fornitori di istruzione e i datori di lavoro per fornire una base di dati per la discussione e il dibattito durante l'incontro. I risultati dell'indagine sostengono in modo schiacciante la presenza di programmi di apprendistato nella regione, dato che il 96% dei 1.700 apprendisti intervistati ha dichiarato di ritenere che i programmi li aiuteranno a trovare lavoro dopo aver completato gli studi. L'indagine ha anche rilevato che il 98% degli apprendisti raccomanderebbe l'apprendistato ad altri.

La semplice disponibilità di apprendistati, tuttavia, non è sufficiente. La ricerca ha anche evidenziato che, se i programmi di apprendistato devono avere successo, le imprese, i fornitori di istruzione e i governi devono collaborare per creare un'esperienza unitaria. In particolare, solo il 38% dei datori di lavoro, il 37% degli apprendisti e il 41% degli enti di formazione hanno dichiarato di ritenere che vi siano collegamenti adeguati tra i datori di lavoro e gli enti di formazione sui programmi di apprendistato. Inoltre, il 31% dei datori di lavoro, il 36% degli apprendisti e il 24% degli enti di formazione hanno dichiarato che l'elemento studio e l'esperienza lavorativa nei programmi di apprendistato non coincidono.

Karen Fichuk, presidente di Lead Markets di Nielsen, e Dwight Watson, Global Client Lead di Nestlé, hanno partecipato all'evento e hanno discusso i risultati principali dell'indagine, spiegando come Nielsen stia avendo un impatto sull'occupazione giovanile assumendo giovani in programmi di leadership emergente, apprendistato e stage.

"Le aziende possono contribuire ad affrontare il problema della disoccupazione giovanile creando per i giovani un'esperienza di lavoro significativa, attinente ai loro studi, che permetta loro di avere un impatto sull'azienda e di sviluppare le proprie competenze professionali", ha dichiarato Fichuk. "Abbiamo diversi programmi in tutto il mondo per i collaboratori di primo livello. Uno di questi, in corso da molti anni, è l'Emerging Leaders Program, che prevede ampie rotazioni all'interno della nostra azienda. È stato un grande investimento, ma ha portato Nielsen ad avere alcuni incredibili giovani leader".

La disoccupazione giovanile in Europa è ai massimi storici, con molti Paesi europei che vedono un numero senza precedenti di giovani senza lavoro. La media attuale in Europa è del 18,8%, in calo rispetto al 23,9% dell'inizio del 2013. Nonostante il calo registrato negli ultimi tre anni, il problema rimane un peso enorme per le società europee, soprattutto nelle grandi città e nell'Europa meridionale, dove i tassi di disoccupazione giovanile possono raggiungere il 50%.