02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Mercati e finanze

Modelli in evoluzione Una prospettiva globale sul pagamento dei contenuti online

3 minuti di lettura | Febbraio 2010

Nic Covey, Direttore di Cross Platform Insights, The Nielsen Company

I consumatori pagheranno per le notizie e l'intrattenimento online che ora ricevono gratuitamente?

Nielsen ha interpellato più di 27.000 consumatori in 52 Paesi e la risposta è un deciso "forse". Come previsto, la stragrande maggioranza (85%) preferisce che i contenuti gratuiti rimangano tali. Tuttavia, le opportunità si trovano nei dettagli. Infatti, quando si chiede di concentrarsi su tipi specifici di contenuti, i partecipanti al sondaggio sono più disposti a prendere almeno in considerazione l'idea di pagare per determinate categorie, soprattutto se lo hanno già fatto in passato.

Pagherà/non pagherà

I contenuti online per i quali è più probabile che i consumatori paghino - o abbiano già pagato - sono quelli che normalmente pagano offline, tra cui film teatrali, musica, giochi e video selezionati come gli attuali programmi televisivi. Questi tendono a essere prodotti professionalmente a costi relativamente elevati.

tipo di contenuto a pagamento

I consumatori sono meno propensi a pagare per i contenuti che sono essenzialmente creati online, spesso da altri consumatori a costi piuttosto bassi. Si tratta di comunità sociali, podcast, video generati dai consumatori e blog.

In mezzo c'è una serie di formati di notizie - giornali, riviste, fonti di notizie solo su Internet e notiziari e talk show radiofonici - creati da professionisti, relativamente costosi da produrre e, nel caso di giornali e riviste, comunemente venduti offline. Eppure molti dei loro contenuti sono diventati una merce, prontamente disponibile altrove gratuitamente.

Condizioni di compensazione

A prescindere dalle loro preferenze, i consumatori di tutto il mondo sono generalmente d'accordo sul fatto che i contenuti online dovranno soddisfare determinati criteri prima di sborsare denaro per accedervi:

  • Più di tre partecipanti al sondaggio su quattro (78%) ritengono che se sono già abbonati a un giornale, a una rivista, a un servizio radiofonico o televisivo dovrebbero poter usufruire gratuitamente dei suoi contenuti online.
  • Allo stesso tempo, il 71% dei consumatori globali afferma che i contenuti online di qualsiasi tipo dovranno essere notevolmente migliori di quelli attualmente gratuiti prima di pagarli.
  • Quasi otto persone su dieci (79%) non utilizzerebbero più un sito web a pagamento, presumendo di poter trovare le stesse informazioni a costo zero.

  • Come gruppo, sono ambivalenti sul fatto che la qualità dei contenuti online possa diminuire se le aziende non possono farli pagare: il 34% lo pensa, il 30% no; il restante 36% non ha un'opinione precisa.

  • Ma sono molto più uniti (62%) nella convinzione che una volta acquistati i contenuti, questi debbano essere loro da copiare o condividere con chi vogliono.

Nonostante il crescente consenso sul fatto che i media potrebbero essere in grado di generare ricavi online apprezzabili solo facendo pagare i contenuti ai consumatori, c'è poco accordo su come farlo. Le aziende stanno sperimentando una serie di modelli di pagamento, dagli abbonamenti a servizi completi alle singole transazioni, o micropagamenti. Tra gli intervistati da Nielsen, circa la metà (52%) è favorevole a quest'ultima soluzione, anche se in passato i micropagamenti si sono rivelati difficili da implementare. Ma un sistema più maneggevole potrebbe non essere più allettante. Solo il 43% afferma che un metodo di pagamento semplice li renderebbe più propensi ad acquistare contenuti online.

Indipendentemente dal sistema scelto, le aziende del settore dei media quasi certamente non abbandoneranno la pubblicità e i consumatori continueranno a vedere gli annunci insieme ai contenuti a pagamento. Per il 47% degli intervistati che sono disposti ad accettare più pubblicità per sovvenzionare i contenuti gratuiti, questo potrebbe essere tollerabile. Ma probabilmente non piacerà al 64% di coloro che ritengono che, se devono pagare per i contenuti online, non dovrebbero esserci pubblicità.

Per saperne di più

  • Come si confrontano le risposte dei consumatori di tutto il mondo?
  • I mercati in via di sviluppo sono più propensi ad adottare un modello a pagamento?
  • L'età incide sulla disponibilità a pagare?
  • Quali sono i metodi di pagamento più accettabili?
  • Dove si trovano le migliori opportunità pubblicitarie?

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda