02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Sintonizzarsi sulle abitudini televisive degli australiani

2 minuti di lettura | Dicembre 2015
{“order”:3,”name”:”subheader”,”attributes”:{“backgroundcolor”:”000000″,”imageAligment”:”left”,”linkTarget”:”_self”,”pagePath”:”/content/corporate/au/en/insights”,”title”:”Insights”,”titlecolor”:”A8AABA”,”sling:resourceType”:”nielsenglobal/components/content/subpageheader”},”children”:null}

Quasi nove australiani su dieci si sintonizzano ogni settimana sulla televisione in diretta per guardare i loro programmi preferiti. Di recente, il primo test match notturno di cricket ha visto un'audience eccezionale di 1,670 milioni di telespettatori metropolitani sintonizzati durante il fine settimana.

L'ultimo rapporto australiano sul multischermo per il terzo trimestre 2015, realizzato da Regional TAM, OzTAM e Nielsen, mostra che gli australiani guardano in media 90 ore e 42 minuti al mese su schermi domestici. Questo numero è diminuito di 6 ore e 16 minuti al mese rispetto all'anno precedente, a testimonianza di come gli australiani stiano distribuendo la loro visione di video su una serie di schermi.

Le nuove tecnologie stanno creando ulteriori opportunità per la visione di contenuti televisivi e video. Ai consumatori viene ora offerta una serie di opzioni per la visione di video e i risultati del terzo trimestre mostrano l'impatto di questa scelta. Gli australiani trascorrono sempre più tempo a guardare i video su Internet, tramite le applicazioni di video on demand, i siti web di riproduzione delle emittenti e i dispositivi mobili.

La maggiore possibilità di scelta porta gli australiani a distribuire la loro visione tra le opzioni di contenuti e piattaforme. Anche se questo significa che passano un po' meno tempo al mese a guardare la TV "tradizionale", la portata della televisione broadcast rimane alta: la maggior parte degli australiani, sia giovani che anziani, guarda la televisione lineare ogni settimana.

Gli australiani più giovani, in particolare, utilizzano sempre più spesso dispositivi connessi per guardare qualsiasi contenuto video. Mentre la TV a casa rimane lo schermo principale per il consumo di video, gli australiani di età compresa tra i 18 e i 24 anni guardano la maggior parte dei video su Internet tramite PC o laptop ogni mese, visualizzando 15:15 ore di contenuti. Gli adolescenti, invece, sono i principali fruitori di video in movimento e trascorrono 14:08 ore al mese guardando video sui loro smartphone.

Questo fenomeno è destinato a crescere con l'aumento del tempo trascorso su Internet e la proliferazione di video virali su piattaforme come YouTube e Facebook.

Gli australiani trascorrono sempre più tempo utilizzando il televisore per attività diverse dalla TV, tra cui la navigazione in Internet, la visione di servizi OTT forniti via Internet, la riproduzione oltre i 7 giorni di consolidamento delle trasmissioni, il gioco, la musica in streaming e la visione di DVD.

Il televisore rimane al centro del consumo di video e questo non cambierà presto. Ciò che sta cambiando rapidamente, tuttavia, è l'espansione del tempo trascorso sullo schermo e dei tipi di schermo, poiché gli australiani si abituano a guardare contenuti video su dispositivi mobili, sempre e ovunque. Non c'è mai stata così tanta necessità di una visione completa del consumo mediatico dei consumatori come oggi.

Clicca qui per scaricare il rapporto completo

Informazioni sul Multi-Screen Report australianoIl Multi-Screen Report australiano, pubblicato trimestralmente, è la prima e unica ricerca nazionale sulle tendenze della visione di video nelle case australiane attraverso la televisione, i computer e i dispositivi mobili. Combina i dati delle tre migliori fonti di ricerca disponibili: i panel di classificazione televisiva OzTAM e Regional TAM e il panel nazionale NetView, il database Consumer & Media View e il rapporto Australian Connected Consumers di Nielsen.

Continua a sfogliare approfondimenti simili