Passa al contenuto
Approfondimenti > Pubblico

Un cambiamento positivo attraverso lo sport

4 minuti di lettura | Luglio 2020

Quando si passerà alla storia, la decisione dell'ex quarterback della NFL Colin Kaepernick di inginocchiarsi durante la Star-Spangled Banner nel 2016 per protestare contro la brutalità della polizia e l'oppressione nei confronti delle persone di colore, sarà considerata un momento chiave nella lunga lotta per l'uguaglianza razziale negli Stati Uniti. Quasi quattro anni dopo, mentre le tensioni intorno all'ingiustizia razziale non potrebbero essere più alte, l'industria dello sport rimane un'arena chiave per attivare la consapevolezza e il cambiamento positivo.

È importante notare che l'azione di Kaepernick è stata un catalizzatore di importanti conversazioni, molte delle quali al di fuori dello sport professionistico. La sua protesta ha posto le basi per un cambiamento sismico di atteggiamento, che ha portato a un'ampia consapevolezza del razzismo sistemico. Ha anche alimentato il crescente sostegno al movimento Black Lives Matter, che è particolarmente forte tra gli atleti degli sport professionistici e tra i tifosi che fanno il tifo per loro.

Sfruttando la loro visibilità, molti atleti professionisti hanno assunto un ruolo di primo piano nell'amplificare le proteste di Black Lives Matter e nel parlare di razzismo e brutalità della polizia. Ne sono un esempio Carmelo Anthony, Serena Williams, Leonard Fournette e Huston Street. Ma non sono solo gli atleti ad essere appassionati del movimento: Anche i tifosi lo sono, in particolare quelli che si considerano fedeli all'NBA, alla MLS e alla NFL, secondo i risultati del recente studio Nielsen "Promoting Racial Equality in Sports".

Inoltre, molti atleti si sono impegnati a finanziare il movimento Black Lives Matter e altre cause simili di giustizia razziale. L'ex superstar dell'NBA Michael Jordan, ad esempio, ha promesso 100 milioni di dollari in 10 anni a gruppi che perseguono l'uguaglianza razziale e la giustizia sociale. Mentre i fan del basket considerano Michael Jordan come un reale dell'NBA, i fan della MLS e della NHL sono in realtà più generosi quando si tratta di sostenere personalmente il movimento Black Lives Matter con il proprio tempo e denaro. 

"Nuove conoscenze sul fandom, come ad esempio i seguaci dei campionati più generosi nelle loro donazioni a cause come Black Lives Matter, hanno un enorme potenziale per guidare un processo decisionale più informato e guidato dai dati", ha dichiarato Lyndon Campbell, Senior Vice President, Head of Sports Leagues and Rights Holders di Nielsen Sports. "Sfruttando queste informazioni, le proprietà e le squadre sportive, così come i marchi che si attivano attraverso le sponsorizzazioni, le trasmissioni televisive e i social media, hanno nuove opportunità di ottenere vantaggi competitivi".

Inserire se stessi e le proprie opinioni personali in conversazioni che dividono gruppi di persone può essere una proposta rischiosa, ma gli appassionati di sport di tutte le leghe ritengono che gli atleti professionisti abbiano l'importante responsabilità di parlare per educare e sensibilizzare sul movimento Black Lives Matter e sull'ingiustizia razziale.

Oltre a rafforzare i loro marchi personali e la statura dei campionati in cui gareggiano, gli atleti che sostengono l'ingiustizia razziale possono coinvolgere efficacemente il pubblico che vuole allinearsi con marchi e organizzazioni con una mentalità simile. Per i marchi in un mercato dei media molto affollato e frammentato, è sempre più difficile distinguersi, soprattutto di fronte ai consumatori giusti. Sapere quali sono gli appassionati di sport più impegnati e più disposti a farsi coinvolgere consente un targeting più intelligente e favorisce un coinvolgimento più significativo fin dall'inizio. E allo stesso tempo può avere un impatto positivo sui profitti.

Ad esempio, il 64% delle persone intervistate nello studio di Nielsen Promoting Racial Equality in Sports si dichiara aperto a provare nuovi marchi che combattono l'ingiustizia sociale o che assumono un ruolo guida nella lotta al razzismo. Ciò significa che c'è la possibilità di aumentare lo share non solo per i marchi e le organizzazioni affermate. Inoltre, i fan che si impegnano sul tema dell'uguaglianza razziale hanno 10 punti percentuali in più di probabilità di provare nuovi marchi coinvolti nella causa rispetto alla popolazione generale. E se sappiamo che la fedeltà ai marchi è fugace in molte categorie, i consumatori impegnati su questo tema sono molto più fedeli ai marchi impegnati in modo analogo rispetto al pubblico in generale (62% contro 54%). 

"Sebbene i problemi della disuguaglianza razziale e dell'ingiustizia sistemica siano difficili e delicati, è fondamentale affrontarli", ha dichiarato Campbell. "I marchi e i detentori dei diritti che si allineano autenticamente a questi problemi critici quando coinvolgono i fan dello sport possono promuovere un cambiamento sociale positivo e al tempo stesso raggiungere gli obiettivi aziendali. Questa è la definizione di una situazione vantaggiosa per tutti".

Kaepernick non è ancora tornato al football professionistico. La sua protesta nel 2016, tuttavia, ha dato il via a una massiccia ondata di sostegno alla lotta contro le ingiustizie razziali. Anche se non è tornato a giocare nella NFL, la sua azione gli ha procurato un enorme sostegno da parte di marchi come Nike e, più recentemente, Disney. Con Disney, Kaepernick lavorerà con registi e produttori appartenenti a minoranze per sviluppare e raccontare storie che esplorino i temi della razza, della giustizia sociale e dell'equità. Per molti versi, questa potente collaborazione non sarebbe potuta avvenire senza lo sport.

Scaricate il nostro studio "Promuovere l'uguaglianza razziale nello sport". per ulteriori dati e approfondimenti.