02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Pubblico

I dati sulle famiglie televisive degli Stati Uniti rivelano le nuove tendenze di accesso ai contenuti da parte del pubblico

4 minuti di lettura | Gennaio 2024

Con l'attenzione rivolta dal settore dei media al cambiamento del panorama televisivo, è ovvio che la comprensione del comportamento del pubblico è fondamentale. Ma per servire al meglio i loro clienti, gli inserzionisti, le agenzie e gli editori devono sapere molto di più di ciò che il pubblico guarda. Devono capire quanto più possibile del pubblico, compreso il modo in cui accede ai contenuti televisivi.

Ad alto livello, le famiglie televisive possono accedere ai contenuti televisivi in uno dei tre modi seguenti:

  • Cavo/Satellite diretto
  • Internet a banda larga
  • Antenna via etere (OTA)

Questi punti di accesso non si escludono a vicenda. Una casa può avere apparecchi televisivi che accedono ai contenuti in modi diversi. Molte case, ad esempio, accedono ai contenuti attraverso i decoder via cavo e li integrano con lo streaming video. Lo stesso vale per le case che accedono alla programmazione OTA gratuita; il 60% delle famiglie OTA si abbona anche a un servizio di streaming video.

Per aiutare i clienti a comprendere meglio la frammentazione dei tipi di accesso ai contenuti televisivi, Nielsen ha preparato una serie di stime dell'universo informativo che suddividono l'universo televisivo statunitense per tipo di accesso.

Data la varietà di opzioni, il tema dell'accesso ai contenuti è diventato sempre più importante, in particolare per quanto riguarda la misurazione dell'utilizzo della TV connessa (CTV)1. L'uso della CTV, che consente al pubblico di accedere a tutto ciò che Internet può offrire, è cresciuto fino a rappresentare oltre il 38% dell'uso totale della TV tra gli adulti nel secondo trimestre del 2023. Il motivo? La scelta. Secondo Gracenote Global Video Data, l'84% dei titoli video prodotti in studio disponibili per il pubblico statunitense sono disponibili su piattaforme di streaming.

Il recente aumento dell'adozione della CTV ha amplificato in modo significativo l'utilizzo dello streaming nell'ultimo anno: Lo streaming ha rappresentato più di un terzo dell'utilizzo totale della TV negli Stati Uniti da febbraio 2023 e più del 36% da maggio2. Nella settimana del 6 novembre 2023, ad esempio, il pubblico televisivo ha guardato più di 15,6 miliardi di ore dei 10 programmi originali, film e programmi acquisiti più trasmessi in streaming3.

Se da un lato l'adozione diffusa della CTV segna una nuova era nel modo in cui il pubblico accede ai contenuti, dall'altro ha creato l'idea errata che gli spettatori non guardino più la programmazione lineare. La realtà è invece l'esatto contrario. Infatti, indipendentemente dal modo in cui una casa accede ai contenuti televisivi, oltre il 90% guarda una certa quantità di programmazione lineare.

La varietà di contenuti disponibili al di fuori dei tradizionali pacchetti via cavo è innegabile e il pubblico utilizza attivamente dispositivi connessi alla TV e smart TV per accedervi. Tuttavia, mentre la percentuale di case che accedono ai contenuti televisivi attraverso una connessione Internet a banda larga è salita a poco meno del 40%4 nel settembre del 2023, l'accesso alla TV via cavo non significa che il pubblico guardi solo contenuti on-demand. Infatti, a ottobre l'82% delle famiglie che utilizzano solo BBO guardava la programmazione lineare, con un aumento di 3 punti percentuali rispetto all'inizio dell'anno. 

Dato che nessuno dei modi in cui il pubblico accede alla TV si esclude a vicenda, il consenso sulla classificazione delle case televisive è diventato complicato, soprattutto per quanto riguarda le case che ora accedono ai contenuti con una connessione a Internet. Gran parte di questa complicazione, tuttavia, è legata alla gamma di acronimi e termini che sono stati coniati per descrivere la tecnologia associata all'accesso ai contenuti. Questi acronimi e termini d'arte complicano eccessivamente la premessa della misurazione dell'audience, soprattutto per quanto riguarda l'utilizzo della CTV.

Attraverso l'obiettivo dell'utilizzo totale della TV, indipendentemente dal punto di accesso, le chiavi per la pianificazione dei media implicano solo la risposta a due domande:

  • Chi sta guardando
  • Cosa guardano

Il cambiamento nel modo in cui la connettività sta ridisegnando l'accesso ai contenuti è innegabile, ma gli inserzionisti e le agenzie possono essere confortati dal fatto che i dati di misurazione su cui si basano, indipendentemente dalla fonte dei contenuti, sono accurati e rappresentativi dell'intero pubblico televisivo. Data la complessità del panorama mediatico odierno, Nielsen si impegna a collaborare con il settore per definirne meglio le sfumature.

Per saperne di più sugli ascolti e sulla programmazione, fondamentali per la stagione di pianificazione degli Upfronts/NewFronts 2024, leggete la nostra guida completa

Fonti

1CTVsi riferisce a qualsiasi televisore connesso a Internet. Il caso d'uso più comune è lo streaming di contenuti video
2TheGauge
3Leclassifiche settimanali Top 10 di Nielsen
4Questa cifra include le case che accedono alla programmazione attraverso un vMVPD. Più avanti nel corso dell'anno, le case che accedono alla programmazione da un vMVPD saranno classificate come case via cavo.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda