02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Il potere dei media: Una piattaforma importante per raggiungere gli asiatici americani in un anno elettorale

4 minuti di lettura | Maggio 2024

Secondo un sondaggio Gallup del 2023, quasi quattro americani su dieci non hanno fiducia nei media. In un anno elettorale in cui gli occhi e le orecchie saranno puntati sulle notizie e sugli eventi politici, come possono i media e i marchi assicurarsi di creare fiducia nel pubblico che cerca attivamente di rimanere informato? Questa domanda è particolarmente importante per la comunità asiatica americana.

Secondo APIA Vote, l'83% degli asiatici americani nativi hawaiani delle isole del Pacifico (AANHPI) è preoccupato per la disinformazione nelle elezioni americane, sia tra i democratici che tra i repubblicani. Allo stesso tempo, il 78% degli asiatici americani consuma notizie almeno una volta al giorno e ha il 34% di probabilità in più di fidarsi dell'accuratezza delle notizie rispetto alla popolazione generale degli Stati Uniti, creando opportunità per i media e i marchi di entrare in contatto con un segmento in rapida crescita della popolazione americana con un potere d'acquisto di 1.300 miliardi di dollari1.

Dove trovano le notizie gli asiatici americani?

Gli asiatici americani sono più propensi rispetto alla popolazione generale a dichiarare di rivolgersi ai social media (Instagram, LinkedIn e Threads) e ai siti di aggregazione di notizie come fonte principale di notizie. Inoltre, hanno il 69% di probabilità in più di affidarsi ad amici e familiari, rivolgendosi alle persone della loro comunità affiatata che possono analizzare i titoli dei giornali con il giusto contesto e le informazioni pertinenti.

Per quanto riguarda i contenuti dei giornali, la ricerca di Nielsen ha rilevato che il pubblico asiatico è più propenso a rivolgersi ai siti web dei giornali gratuiti. Per i marketer che sperano di coinvolgere il pubblico AANHPI quest'anno, attingere a contenuti affidabili su siti di notizie non in abbonamento e piattaforme di social media per aiutare a educare l'elettore AANHPI potrebbe essere un punto di connessione prezioso.

Costruire la fiducia attraverso la rappresentanza

Con la connettività sempre attiva delle app e dei siti per smartphone che gli asiatici preferiscono, come possono i brand sfruttarli per creare un coinvolgimento duraturo? Le piattaforme con contenuti autentici e rappresentativi sono fondamentali, dato che il 41% del pubblico AANHPI è più propenso ad acquistare da marchi che fanno pubblicità a testate di cui si fidano2

Ed è qui che entra in gioco l'influenza dei giornalisti rappresentativi della comunità. Ad esempio, World News Tonight della ABC con la co-conduttrice Juju Chang e Morning Joe della MSNBC con l'inviato Richard Lui sono tra i programmi di informazione più seguiti dagli spettatori AANHPI.3 E nell'ambito dei premi dell'Asian American Journalist Association del 2023, un progetto di Axios guidato da tre giornalisti asiatici è risultato vincitore. Il loro pezzo Everything You Need to Know to Vote in the 2022 Midterm Election (Tutto quello che dovete sapere per votare alle elezioni di metà mandato del 2022 ) ha suscitato un enorme coinvolgimento del pubblico in due delle principali fonti di notizie per gli asiatici americani, Instagram Reels (30% in più rispetto al precedente) e il sito aggregatore di notizie Flipboard (tassi di apertura dell'URL doppi). Le storie raccontate sulla comunità asiatico-americana da membri della comunità creano connessioni con il pubblico, fornendo al contempo informazioni necessarie e critiche per promuovere il cambiamento e l'azione.

Il valore dei media in lingua

La programmazione dei notiziari televisivi ha un ruolo molto meno significativo nel coinvolgimento degli AANHPI rispetto ad altre popolazioni di pubblico, ma gli asiatici americani hanno il 57% di probabilità in più di ricevere notizie dalla televisione internazionale. Gli asiatici costituiscono oggi il gruppo etnico in più rapida crescita negli Stati Uniti, provenendo da oltre 20 Paesi del mondo e parlando più di 50 lingue diverse. 

Per entrare in contatto con la variegata comunità AANHPI non basta un approccio unico. In un rapporto del 2023, Nielsen ha analizzato gli atteggiamenti e le preferenze di consumo dei media di chi parla cinese, coreano e vietnamita, che rappresentano circa il 40% della popolazione asiatica americana e tre delle lingue asiatiche più parlate in casa.

Oltre il 40% del totale degli intervistati si è detto "fortemente d'accordo" sul fatto che i media asiatici offrono programmi e prospettive di cui si fidano. Inoltre, lo studio mostra che oltre il 50% degli intervistati cinesi, coreani e vietnamiti preferisce acquistare marchi che fanno pubblicità in programmi che riflettono la loro cultura. Esistono opportunità per i marchi che investono parte della loro spesa pubblicitaria in piattaforme mediatiche in lingua.

Adattare i piani dei media in un anno elettorale

Mentre i prezzi degli annunci aumentano a causa delle campagne politiche che acquistano preziosi spazi pubblicitari, gli inserzionisti possono trarre vantaggio dal ripensare i loro piani mediatici in questo anno elettorale e connettersi con il pubblico asiatico attraverso i social media, i siti di aggregazione e i siti di giornali supportati da pubblicità verso i quali gravitano. Uno dei vantaggi di questi canali è che rappresentano un'opzione più indirizzabile, consentendo agli operatori del marketing una migliore misurazione del ROI. 

Per saperne di più su come raggiungere i consumatori asiatico-americani, consultate l'ultima serie di Nielsen Serie Intelligenza Diversa di Nielsen.

Note

1Proiezionidel censimento degli Stati Uniti per il 2023 e Selig Center for Economic Growth per il 2022.

22024Indagine Nielsen sulla fiducia nei media

3Paneltelevisivo nazionale Nielsen, 2023

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda

  • Scarborough

    Capire i vostri consumatori: cosa pensano, come passano il tempo, i modelli di acquisto, i comportamenti sui media, i dati demografici...