Centro Notizie > Diversità

L'inclusione è la chiave per ottenere la giusta diversità

6 minuti di lettura | Giugno 2018
 
Angela Talton
Angela Talton, responsabile delle diversità, Nielsen

A livello globale, i consumatori sono sempre più eterogenei. Questo cambiamento demografico rende il mondo in cui operano i nostri clienti - fornendo prodotti e servizi che attraggono consumatori diversi e creando contenuti sui mezzi di comunicazione che utilizzano - un mosaico. Per fornire alle aziende un quadro chiaro dei consumatori di oggi, noi di Nielsen dobbiamo essere in grado di comprendere le sfumature delle preferenze dei consumatori e di fornire approfondimenti sulle loro decisioni di acquisto, visione e ascolto.

Questo inizia con l'impiego di una forza lavoro che rifletta la diversità delle 106 comunità del mondo in cui operiamo, a tutti i livelli della nostra organizzazione e in tutte le nostre unità aziendali. Ma rappresentare questa diversità non è sufficiente.  

In Nielsen diamo valore alle differenze; la nostra intera attività si basa sulla misurazione di tutti i consumatori, misurando come siamo uguali e come ci differenziamo. È a causa delle nostre differenze che la nostra misurazione deve essere inclusiva. Dobbiamo riconoscere, rispettare e includere pensieri, opinioni, idee e intuizioni diverse, in modo che la nostra misurazione sia accurata e rifletta veramente l'intero mercato.  

L'inclusione è la differenza tra avere semplicemente un posto a tavola (diversità) e avere una voce riconosciuta a quel tavolo. In qualità di società globale di misurazione e analisi dei dati, che fornisce la visione più completa e affidabile dei consumatori di tutto il mondo, è un imperativo commerciale che ci impone di affrontare correttamente i temi della diversità e dell'inclusione.

Abbiamo avuto la fortuna di avere un CEO come Mitch Barns, che vive secondo il credo "La diversità e l'inclusione sono fondamentali per la crescita, la forza e la capacità di innovazione di Nielsen". Se lui dà l'esempio, gli altri dirigenti seguono il suo esempio e noi abbiamo beneficiato del fatto che la diversità e l'inclusione sono considerate una filosofia operativa fondamentale della nostra strategia generale.  

Da oltre 13 anni Nielsen è impegnata in un viaggio per promuovere le proprie iniziative di diversità e inclusione. Negli ultimi anni abbiamo fatto leva sulle best practice, abbiamo ascoltato i nostri collaboratori creativi, abbiamo progettato programmi per sviluppare i migliori talenti, abbiamo incrementato le iniziative di leadership di pensiero per condividere le diverse intuizioni e ci siamo sforzati di imparare e apportare miglioramenti lungo il percorso. Poiché la nostra attività è radicata nell'aiutare i clienti a comprendere meglio la scienza che sta alla base del futuro, ora condividiamo ciò che stiamo imparando sulla diversità e l'inclusione nel nostro terzo rapporto annuale sulla diversità e l'inclusione, per fare un passo avanti e contribuire a plasmare il futuro del mondo degli affari attraverso pratiche, politiche e procedure più diversificate, eque e inclusive.

Condividere queste informazioni è anche un fatto personale per me. Quando ho accettato la mia prima posizione nel team Diversity & Inclusion dopo oltre 17 anni di lavoro nelle Operations, sono rimasta stupita da questa comunità di professionisti della diversità e dell'inclusione, accogliente, accomodante e disposta a condividere. Voglio che Nielsen faccia un passo avanti e condivida le nostre informazioni. In particolare, desidero condividere i programmi che ritengo siano stati il catalizzatore per la comprensione, l'impegno e l'approvazione finale della diversità e dell'inclusione in Nielsen da parte dei nostri dirigenti.  

Sviluppare una leadership diversificata

Il nostro Diverse Leadership Network è un programma interno di "mini-MBA" della durata di 15 mesi che ci permette di far crescere i talenti dall'interno. Il programma ha obiettivi di partecipazione per razza e genere, con una rappresentanza del 25% di associati afroamericani, ispanici, asiatici e bianchi e almeno il 50% di partecipazione femminile. Offriamo ai partecipanti visibilità, accesso e opportunità attraverso l'apprendimento esperienziale, i workshop dei docenti, l'esplorazione del curriculum e il coaching per l'intera durata del programma.

I risultati del programma parlano da soli. Oltre il 60% dei diplomati del Diverse Leadership Network ha ricevuto promozioni, con il 20% che ha raggiunto il livello di vicepresidente o direttore generale. E hanno il 30% in più di probabilità di rimanere in Nielsen rispetto agli altri dipendenti. Se state cercando di assumere i migliori talenti, abbiamo scoperto che forse non dovete guardare oltre il vostro cortile".

Crescere i nostri gruppi di risorse per i dipendenti

Anche i nostri gruppi di risorse per i dipendenti (ERG) hanno svolto un ruolo cruciale nel reperire i migliori talenti e nel creare un senso di comunità per la nostra forza lavoro diversificata. I nostri dipendenti offrono volontariamente il loro tempo, la loro energia, la loro creatività e il loro ingegno a queste organizzazioni. E siamo orgogliosi di poter affermare che, grazie al loro impegno, abbiamo almeno 

Aumentando la partecipazione degli ERG e degli alleati ERG ed esaminando e migliorando costantemente i benefit promossi dai nostri dipendenti, abbiamo migliorato la nostra presenza tra i dipendenti diversamente abili e LGBT+. Negli ultimi cinque anni abbiamo ottenuto un punteggio di 100 nell'Indice di Uguaglianza Aziendale (Corporate Equality Index) con la Campagna per i Diritti Umani (Human Rights Campaign) e negli ultimi due anni abbiamo ottenuto un punteggio del 90% nell'Indice di Uguaglianza delle Disabilità (Disability Equality Index) con la USBLN. Anche il nostro Women in Nielsen ERG è cresciuto in modo esponenziale e ha aperto le porte a collaborazioni con organizzazioni come NEW (Network of Executive Women) e LEAD Network (Leading Executives Advancing Diversity). Come risultato dei nostri sforzi globali, Nielsen è stata riconosciuta nel Regno Unito e in India per le iniziative di diversità incentrate sulla promozione delle donne e in Messico per il riconoscimento equivalente all'HRC Corporate Equality Index.

Ascoltare la voce dei nostri dipendenti

Ascoltando i propri dipendenti, Nielsen ha anticipato i tempi per quanto riguarda l'inclusione della comunità LGBT+. Molto prima che l'uguaglianza matrimoniale diventasse una realtà negli Stati Uniti, Nielsen si è schierata a favore dei suoi dipendenti LGBT+, offrendo benefici per i partner ai dipendenti che hanno rapporti di coppia rigorosamente in regola.

Due anni fa, abbiamo ascoltato i segnali non verbali quando abbiamo identificato un problema di retention tra i dipendenti afroamericani. Di conseguenza, Jamere Jackson, CFO di Nielsen, e io abbiamo sponsorizzato un forum di sviluppoprofessionale di due giorni per i dipendenti neri, ilprimo evento di questo tipo nella nostra storia. L'anno scorso, a Fort Lauderdale, abbiamo organizzato un modulo per dipendenti ispanici per offrire un'opportunità di sviluppo della leadership a un altro sottogruppo di dipendenti, nel tentativo di trattenere e investire nei nostri migliori talenti.  

Abbiamo riscontrato i benefici dell'organizzazione di forum per i dipendenti, che consentono ai dipendenti di confrontarsi con i leader senior, di fare rete, di apprendere le strategie aziendali chiave e di celebrare culture e storie diverse. I nostri tassi di fidelizzazione sono migliorati di conseguenza, con un aumento del 12% per i dipendenti afroamericani e del 18% per quelli ispanici che hanno partecipato ai forum. Quest'anno è previsto un forum per i dipendenti asiatici.

Nel corso degli anni abbiamo imparato che ci sono molte strade per il progresso. Come per altre aziende, alcune delle nostre iniziative sono nate inizialmente dalle avversità. Gli alti del nostro percorso hanno rafforzato il nostro impegno in questi sforzi e i bassi sono stati momenti di insegnamento e di apertura degli occhi che hanno cambiato il nostro modo di vedere la diversità e l'inclusione in futuro.  

Oggi sappiamo che la diversità non si limita solo a ciò che si vede. La diversità è una combinazione di competenze, esperienze, talenti, background culturali e sfumature. Per noi l'inclusione consiste nel far leva sulle nostre differenze per ottenere risultati superiori per i nostri clienti, riconoscendo pienamente che team diversi portano a risultati migliori. Questo è ciò che si ottiene quando si dà ai dipendenti non solo un posto a tavola, ma anche una voce. In un mondo sempre più eterogeneo, dove la rappresentanza conta, queste voci diverse permettono a Nielsen di spiegare la scienza che sta alla base del futuro.

Per maggiori informazioni sull'impegno di Nielsen per la diversità e l'inclusione, scaricare il Rapporto Nielsen Diversity & Inclusion 2017.