Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Comincia ad assomigliare molto al Natale

5 minuti di lettura | Dicembre 2013

Anche se il giorno del Ringraziamento eravate svenuti sul divano per un sonnellino indotto dal triptofano, probabilmente siete riusciti a sentire in sottofondo alla TV il blitz di marketing per le festività che si sta preparando per la stagione. È Natale e le immagini e i suoni delle feste risuonano sui nostri schermi e nei nostri altoparlanti.

Per la radio, la tradizione annuale della musica natalizia è ormai in pieno svolgimento, dato che la maggior parte delle stazioni che di solito passano al formato "All Christmas" hanno ormai sostituito Miley Cyrus e Florida Georgia Line con Brenda Lee e Johnny Mathis.

Il formato Tutto Natale

In occasione del Giorno del Ringraziamento o intorno ad esso, i programmatori tradizionalmente accendono l'interruttore e iniziano una serie di quattro settimane di brani natalizi, osservando il pubblico crescere costantemente prima di raggiungere il picco alla vigilia di Natale. L'anno scorso, nei 48 mercati principali rilevati da Nielsen, 28,4 milioni di americani [1] si sono sintonizzati su una stazione radio "All Christmas" il 24 dicembre.

Ora, il fatto che la musica natalizia alla radio abbia un andamento migliore la notte prima di Natale non dovrebbe sorprendervi, ma dopo aver analizzato i dati relativi alle principali emittenti in formato natalizio in ciascuno di questi mercati l'anno scorso, sono emerse alcune tendenze interessanti.

In primo luogo, la fascia oraria di metà giornata (lunedì-venerdì dalle 10.00 alle 15.00) ha guidato gli ascolti delle festività, con un picco di ascolto nell'ora delle 12.00 nelle quattro settimane che vanno dall'inizio di dicembre a Capodanno. L'anno scorso, l'audience durante le ore centrali della giornata è aumentata del 71% rispetto a quando le stazioni non avevano il formato All Christmas.

Tuttavia, non è qui che si sono verificati i cambiamenti più drammatici dovuti alla musica delle vacanze. I numeri per la fascia notturna (definita come dalle 19.00 alle 24.00 dal lunedì al venerdì) sono stati fuori scala rispetto ai normali risultati dopo il tramonto. Nel corso della stagione degli ascolti natalizi, le notti hanno registrato un aumento del 129% e - tenetevi stretto lo zabaione - un aumento del 582% alla vigilia di Natale.

Per mettere quest'ultimo dato in prospettiva, nel 2012 l'audience del quarto d'ora medio notturno (AQH), ossia il numero medio di ascoltatori sintonizzati in un determinato periodo di 15 minuti su queste stazioni, era di 291.700 persone. La vigilia di Natale era di 1,9 milioni.

file

Le migliori canzoni per le vacanze

L'anno scorso, a prescindere dal momento in cui gli ascoltatori si sono sintonizzati per trovare la loro dose di vacanze, hanno avuto a disposizione un'ampia varietà di titoli e artisti. L'anno scorso le radio hanno trasmesso qualcosa per tutte le generazioni, dal nuovo brano più ascoltato di Rod Stewart (un remake di "Let it Snow") a "White Christmas" di Bing Crosby, registrato originariamente nel 1944.

Così come il successo dei singoli formati radiofonici varia da mercato a mercato e da regione a regione, lo stesso vale per le playlist festive che riempiono le onde radio e i flussi digitali delle stazioni di tutti gli Stati Uniti. L'anno scorso la canzone più ascoltata a New York è stata "All I Want for Christmas Is You" di Mariah Carey, mentre "Feliz Navidad" di Jose Feliciano ha raggiunto la vetta delle classifiche di rotazione a Los Angeles.

Tutti hanno una lista di classici delle feste preferiti e gli artisti non fanno eccezione quando si tratta di registrarli. Infatti, molti artisti hanno registrato le proprie versioni delle canzoni più ascoltate nel 2012. Dopo aver dato un'occhiata più approfondita all'airplay delle 10 principali stazioni Adult Contemporary del 2012, abbiamo scoperto che le stazioni hanno suonato ben 34 versioni di "Winter Wonderland" durante tutta la stagione. Tuttavia, la versione degli Eurythmics è stata la più ascoltata, con poco meno di 600 giri [2]. Altri brani popolari sono stati "Sleigh Ride" e "Let It Snow, Let it Snow". Le registrazioni più popolari di ciascuna sono state quelle di Leroy Anderson (1.000 giri) e Harry Connick Jr. (700 giri). Anche "Santa Claus is Coming to Town" e "It's Beginning to Look a Lot Like Christmas" hanno avuto una forte rotazione nel 2012 e le versioni più ascoltate sono state rispettivamente di Bruce Springsteen e della E Street Band (800 giri) e di Johnny Mathis (1.200).

Streaming della stagione

Quando si parla di streaming, il paesaggio sonoro non imita l'airplay radiofonico. Il singolo principale di Justin Bieber, "Mistletoe", tratto dal suo album natalizio del 2011 Under The Mistletoe, ha registrato una grande quantità di streaming nel 2012, con oltre 7,6 milioni di stream, mentre tre delle sei canzoni più ascoltate sono state diverse versioni di "All I Want For Christmas Is You" (il duetto di Bieber con Mariah Carey è stato ascoltato in streaming oltre 3,8 milioni di volte, mentre la versione originale di Mariah Carey ha registrato 3,5 milioni di stream, seguita dalla versione di Michael Buble che ha ottenuto 2,6 milioni di stream) [3]. Anche Michael Buble è stato uno dei preferiti, dato che la sua versione di "It's Beginning To Look A Lot like Christmas" è stata trasmessa in streaming oltre 2,7 milioni di volte. Anche "Last Christmas" del duo pop degli anni '80 Wham! è stato un successo con 2,7 milioni di stream.

Vendite di musica per le vacanze

Le festività sono importanti anche per gli album. Nel 2012 negli Stati Uniti sono stati venduti 12 milioni di album di genere festivo, pari al 3,8% delle vendite musicali dell'anno [4]. Questi numeri, tuttavia, hanno toccato i minimi da cinque anni a questa parte e rappresentano rispettivamente un calo del 15% e del 10% rispetto al 2011, quando sono stati acquistati 13,9 milioni di album delle festività, pari al 4,2% delle vendite dell'intero anno.

L'anno scorso non ci sono stati così tanti titoli "imperdibili" come in passato, il che ha contribuito al calo dell'anno scorso. Dei 12 milioni di album venduti, solo circa un terzo (4,3 milioni) erano novità con meno di 18 mesi di vita. Merry Christmas Baby, il disco più venduto di Rod Stewart, rientra in questa categoria e ha venduto 858.000 album. Questa cifra impallidisce rispetto agli album più venduti negli anni precedenti, come Christmas di Michael Buble nel 2011, che ha venduto 2,5 milioni, e Noel di Josh Groban nel 2007, che ha venduto 3,7 milioni.

A quest'ora del mese prossimo sapremo chi è l'artista natalizio di maggior successo del 2013, avendo sentito la sua canzone alla radio in tutto il Paese a tutte le ore del giorno e della notte. Comincia davvero a sembrare Natale.

Note

  1. Nielsen Audio Metro PPM ratings, audience cumulativa giornaliera delle persone 6+ per le principali stazioni festive in tutti i 48 mercati PPM il 24.12.2012.
  2. Dati di airplay Nielsen BDS, 2012, dalle 10 principali stazioni AC; non include l'airplay totale degli Stati Uniti.
  3. Dati streaming Nielsen BDS, 11/1/12 - 31/12. I dati di YouTube sono stati aggiunti alla BDS nel 2013 e non sono inclusi qui.
  4. Nielsen SoundScan. Acquisti di prodotti musicali nei punti vendita degli Stati Uniti. Il periodo di nove settimane va dalla fine della settimana del 4/11/12 alla fine della settimana del 30/12/12.