Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

10, 20, 30 Il contatto con i media nell'era delle reti misteriose

3 minuti di lettura | Luglio 2014

Un'azione commerciale anti-black box di Sunflower riflette la velocità e la capacità della nuova generazione di utilizzare i nuovi media. Secondo i dati dell'indagine Nielsen [Figura 1], il 64% degli intervistati di età compresa tra i 12 e i 65 anni ha usato Internet ieri, di cui l'80% degli intervistati di età compresa tra i 12 e i 39 anni e il 96% degli intervistati di età compresa tra i 20 e i 29 anni erano giovani spettatori. Quali sfide comporterà per gli altri media l'elevata dipendenza da Internet? Nielsen parte dalla 10°, 20° e 30° generazione per osservare il contatto con i media nell'era di Internet.

La TV ha ancora un vantaggio?
Ieri, il tasso di contatto con la TV era dell'88% rispetto agli altri media. Si può notare che la TV occupa ancora il posto di media più mainstream, ma la percentuale di giovani intervistati che guardano la TV è di gran lunga inferiore alla media generale. In termini di struttura della distribuzione della popolazione, i giovani tra i 10 e i 39 anni rappresentano oggi il 44% della popolazione di età superiore ai 4 anni, con un leggero calo del 3% rispetto a cinque anni fa, ma dal punto di vista della percentuale di popolazione che guarda la TV, la proporzione di giovani tra i 10 e i 39 anni è diminuita notevolmente. Il totale attuale rappresenta il 30%.


Rispetto allo stesso periodo degli ultimi anni, la performance di visione di tutti gli spettatori di età superiore ai 4 anni è piatta. Sebbene il rapporto medio di contatti giornalieri sia diminuito, il tempo medio di visione per spettatore è leggermente aumentato, il che indica che gli spettatori che vengono a guardare sono disposti a rimanere più a lungo. Per quanto riguarda la fascia di età compresa tra i 10 e i 19 anni, che ha registrato i risultati di ascolto più bassi, i risultati di ascolto sono diminuiti del 13% rispetto a cinque anni fa. Allo stesso tempo, sono diminuiti sia il rapporto di ascolto che il tempo di visione. - Simile a quello dei 19 anni, ma il cambiamento nel tempo di visione è il meno evidente, anche se il calo della percentuale di pubblico di età compresa tra i 30 e i 39 anni non è così allarmante come quello delle due generazioni precedenti, ma anche il tempo medio di visione giornaliero è diminuito del 5%. I giovani telespettatori tendono a perdere, ma occorre prestare maggiore attenzione alla riduzione del tempo di visione dei telespettatori tra i 30 e i 39 anni, che rappresenta un cambiamento nell'attrattiva dei contenuti televisivi esistenti per questo gruppo di telespettatori.

Qual è la situazione di giornali, riviste e radio?
Oltre alla TV, la fascia di età compresa tra i 20 e i 39 anni ottiene buoni risultati anche per quanto riguarda il tasso di contatto con le riviste. Anche i tipi di riviste lette nell'ultimo mese variano a seconda della generazione. Sebbene ai primi posti ci siano le riviste di intrattenimento cinematografico e televisivo, ci sono molte differenze tra le classifiche degli altri tipi di riviste e la classifica generale. Il tasso di lettura complessivo delle riviste di 12-19 anni è basso, mentre l'apprendimento delle lingue e i fumetti sono nella top 10, i 20-29 anni accettano maggiormente le riviste femminili/moda e i 30-39 anni sono influenzati dal corso della vita, leggendo nell'ultimo mese anche riviste femminili/familiari/di genitorialità.

Poiché il media radiofonico non utilizza immagini ed è spesso utilizzato come media di accompagnamento, gli ascoltatori di età compresa tra i 12 e i 19 anni (95% degli studenti) e gli ascoltatori di età compresa tra i 30 e i 39 anni (87% dei lavoratori) rispetto alle performance di ascolto radiofonico dello scorso anno ieri non hanno registrato una riduzione del fenomeno. L'influenza di Internet sulla radio si riflette sulle apparecchiature che ascoltano la radio. Sebbene la percentuale di car audio e di audio/radio in generale sia ancora relativamente alta, la percentuale di giovani che ascoltano la radio attraverso i telefoni cellulari integrati o utilizzando Internet è significativamente più alta di quella degli intervistati in generale, e il fenomeno degli ascoltatori di 20-29 anni che ascoltano attraverso Internet è particolarmente prominente, Internet ha cambiato il modo in cui i giovani ascoltano la radio.