02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Intrattenimento ovunque: Il pubblico più giovane srotola il tappeto rosso per guardare fuori casa

3 minuti di lettura | Maggio 2019

I marketer e gli inserzionisti si sforzano di raggiungere le categorie demografiche chiave con i loro contenuti e le loro campagne pubblicitarie. Ma nel panorama odierno, caratterizzato dalla frammentazione dei dispositivi, dalla scelta dei contenuti e da abitudini di consumo uniche, il pubblico più giovane sembra essere un gruppo enigmatico che racchiude in sé queste variabili. Alcuni di questi problemi complessi, tuttavia, possono essere risolti guardando a una soluzione semplice: la visione televisiva fuori casa (OOH).

Sebbene la frammentazione dei media abbia facilitato un'intricata rete di comportamenti mediatici nel pubblico dei giovani adulti, un recente rapporto Nielsen ha rivelato che questi consumatori sono in realtà piuttosto affezionati a guardare la TV, in particolare il genere di intrattenimento, al di fuori delle loro case e in compagnia di altri.

La visione OOH è spesso considerata un comportamento riservato agli appassionati di sport che guardano al bar preferito o ai politici che si sintonizzano sulle notizie mentre sono sul tapis roulant. Ma anche il genere dell'intrattenimento televisivo (come gli show di premiazione, i concorsi canori e le fiction) può avere la sua importanza, in particolare con un pubblico ricercato che, lontano dal comfort dei rispettivi salotti, potrebbe essere più vicino a un punto vendita in negozio.

I risultati dell'indagine sulla popolazione generale, illustrati nel rapporto, mostrano che per quanto riguarda l'OOH di intrattenimento in prima serata, il pubblico è leggermente femminile, con il 55% e il 45% maschile. L'indagine sugli ispanici ha rilevato che il pubblico dell'intrattenimento è ancora più femminile, con una percentuale del 75%. Inoltre, nell'indagine sulla popolazione generale, l'età media degli intervistati era di 37 anni. I risultati ispanici mostrano invece che gli spettatori erano più giovani della popolazione generale, con un'età media di 31 anni.

Inoltre, oltre il 40% della popolazione generale e dei telespettatori ispanici ha un'istruzione superiore. Inoltre, hanno una relativa capacità di spesa, dato che il loro reddito medio ha raggiunto circa 55.000 dollari.

Forse ancora più interessante è il fatto che gli intervistati, soprattutto i consumatori più giovani, preferiscono condividere le loro esperienze con altre persone. Gli adulti di età compresa tra i 18 e i 24 anni hanno dichiarato di guardare l'intrattenimento OOH con quasi quattro persone e gli adulti di età compresa tra i 25 e i 54 anni hanno cercato di essere circondati dalla stessa quantità di persone. I contenuti di intrattenimento, con tutto il loro fascino, lo sfarzo e i momenti di convivialità, favoriscono un ambiente sociale in cui gli spettatori, insieme e di persona, possono godere di ciò che appare sullo schermo.

Ma dove esattamente questi spettatori hanno scelto di condividere questi momenti virali in tempo reale con gli amici?

Mentre le case degli altri sono ambienti ideali per socializzare, altri luoghi come bar e ristoranti, la palestra o persino il posto di lavoro sono stati i luoghi privilegiati per guardare e riunirsi per guardare programmi di intrattenimento. In effetti, più di un terzo degli intervistati, sia della popolazione generale sia di quella ispanica, ha dichiarato di aver scelto un ristorante o un bar come punto di ritrovo, mentre almeno un quinto ha affermato di aver utilizzato la comodità della palestra o del posto di lavoro per guardare questi contenuti specifici. Anche quando sono in viaggio, i consumatori cercano il comfort di contenuti familiari: quasi il 20% degli intervistati di entrambi i sondaggi ha dichiarato di sintonizzarsi su programmi di intrattenimento nella stanza d'albergo.

I contenuti OOH, soprattutto quelli di intrattenimento, non si limitano a fornire al pubblico un motivo per riunirsi e guardare. È anche efficace nel portare i consumatori lungo l'imbuto dell'acquisto. Tra gli adulti di età compresa tra i 25 e i 34 anni, gli intervistati del sondaggio generale hanno riferito alti livelli di azione diretta tra marchi e pubblicità. Mentre quasi il 60% degli intervistati ha fatto ricerche su un marchio di cui ha visto una pubblicità durante la programmazione o ne ha parlato con familiari o amici, circa il 44% ha finito per acquistare il prodotto pubblicizzato. La fascia demografica più giovane, compresa tra i 18 e i 24 anni, ha risposto in modo simile, un segnale positivo per gli inserzionisti che sperano di sviluppare un rapporto con il pubblico in giovane età.

Per ulteriori approfondimenti, scaricate il rapporto completo.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda