02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

I dispositivi connessi sono il grande amplificatore di contenuti del settore

4 minuti di lettura | Dicembre 2021

In un'epoca di ubiquità connessa a Internet, la frammentazione dei media ha offerto ai consumatori un numero apparentemente infinito di modi per saziare la loro fame di contenuti. Tuttavia, anche se molte delle opzioni che utilizziamo sul vetro del televisore attirano grandi titoli di giornale, da sole non sono in grado di mostrare quanto la connettività a Internet abbia modificato il nostro utilizzo della TV nell'ultimo decennio.

L'ubiquità connessa: Cosa significa?

A un livello elevato, è facile attribuire alla crescita dello streaming il ruolo di motore del consumo di media connessi a Internet, visti i grandi titoli dei programmi di successo come Tiger King, Squid Game e Ted Lasso. Ma, a dire il vero, i dispositivi connessi alla TV consentono ai consumatori di accedere a molti più contenuti di quelli disponibili sulle grandi piattaforme di video-on-demand in abbonamento (SVOD).

Nell'agosto del 2021, oltre l'81% delle case statunitensi disponeva di almeno un dispositivo connesso alla TV, che consente ai consumatori di accedere a tutto ciò che Internet ha da offrire. Questo dato è in crescita rispetto al 72% dell'agosto 2019 e il possesso di dispositivi connessi include tutto, dalle smart TV alle console per videogiochi, fino ai dispositivi over-the-top (OTT) come le Amazon Fire TV Stick e i dispositivi Roku. Inoltre, una porzione crescente di case con TV si affida a Internet per tutti i propri impegni televisivi (gratuiti o a pagamento), compresa la programmazione tradizionale e programmata. Infatti, i "cord cutter" (famiglie che non si abbonano ai servizi tradizionali via cavo/satellite) rappresentano oggi il 41% di tutte le famiglie televisive statunitensi.

Tirando le somme: Il grande impatto della connettività dei dispositivi

Alla luce dei molti modi in cui i consumatori utilizzano il televisore, è difficile capire quanto sia cambiata la nostra esperienza di fruizione dei contenuti grazie alla connettività a Internet. Tuttavia, se facciamo un passo indietro e aggregiamo tutti i nostri usi della TV, il passaggio all'uso di dispositivi connessi alla TV negli ultimi 10 anni è significativo. Nel settembre 2011, il consumatore medio dai 2 anni in su trascorreva solo 25 minuti al giorno con i dispositivi connessi alla TV. Dieci anni dopo, il tempo trascorso è salito a un'ora e 23 minuti. Tra i gruppi più giovani, in particolare tra i 2 e gli 11 anni, tra i 12 e i 17 e tra i 18 e i 24, il cambiamento è stato molto più marcato.

COVID-19 amplifica l'adozione e l'accesso 

La disponibilità, l'accesso e le nuove opzioni mediatiche hanno contribuito all'aumento dell'utilizzo dei dispositivi connessi alla TV negli ultimi anni. L'arrivo della COVID-19 all'inizio del 2020, tuttavia, ha aumentato la velocità di adozione rispetto agli anni precedenti la pandemia.

Tra il 2011 e il 2019, l'aumento annuale dell'utilizzo di dispositivi connessi alla TV tra le persone di età pari o superiore ai 2 anni è stato modesto, rimanendo piatto o aumentando di poche percentuali. Tra settembre 2020 e settembre 2021, tuttavia, la quota di tempo spesa è passata dal 26% al 32%. A livello più granulare, la pandemia ha stimolato un notevole aumento dell'utilizzo tra le generazioni più anziane, dato che il tempo trascorso tra i 50 e i 64 anni è passato dal 15% al 22% nell'ultimo anno.

Un nuovo tipo di frammentazione

Per i consumatori, l'ampiezza delle opzioni mediatiche odierne presenta una scelta di contenuti apparentemente illimitata, in grado di intrattenere anche i gusti più esigenti. 

Solo nel settore dello streaming - tra modelli in abbonamento e ad-supported - i consumatori disponevano di oltre 200 opzioni a metà di quest'anno, e probabilmente ne arriveranno altre nel corso del prossimo anno. Il termine frammentazione è stato abusato per anni per descrivere le opzioni nel settore dei media, ma la transizione al video digitale aumenta la sfida per i creatori di contenuti, gli inserzionisti e le agenzie che cercano di coinvolgere al meglio i consumatori. Ad esempio, se lo streaming ha rappresentato il 28% dell'utilizzo totale della TV nel mese di ottobre, il 9% di tale quota è attribuito a provider diversi dai cinque grandi (Netflix, YouTube, Hulu, Prime Video e Disney+).

Per il settore in generale, una maggiore scelta per i consumatori si traduce in una maggiore quantità di informazioni da tenere sotto controllo, soprattutto perché le nuove piattaforme e i nuovi canali raramente sostituiscono completamente le opzioni esistenti. E nel caso della connettività Internet, le nuove opzioni e i nuovi canali esistono tutti in un proprio silos. Si tratta di una situazione notevolmente diversa rispetto all'impatto dell'arrivo di un nuovo canale via cavo o dell'abbandono di un canale radiotelevisivo. Tuttavia, il modo più semplice per gestire la crescente frammentazione è quello di utilizzare un set di dati appropriato per capire al meglio dove si trovano i consumatori, con cosa si impegnano e se tornano a chiedere di più. 

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda