Passa al contenuto
Approfondimenti > TV e streaming

La connettività sta guidando il modo in cui gli americani si avvicinano alla TV

4 minuti di lettura | Marzo 2023

Con tanto entusiasmo nel settore dello streaming, è facile perdere di vista ciò che sta alla base del modo in cui il pubblico oggi si impegna con la televisione. In effetti, probabilmente non ci sarebbe tutto questo entusiasmo per lo streaming se non fosse per l'adozione diffusa della connettività digitale che ha avuto luogo quando il pubblico si è tuffato in nuove opzioni di contenuti a metà del 2020 per tenersi occupato mentre la pandemia COVID-19 si diffondeva.

Oggi, lo streaming è l'opzione televisiva dominante perché il pubblico continua a gravitare verso la crescente ricchezza di contenuti a cui può accedere online, sia attraverso un dispositivo collegato alla TV sia perché vive in case che ricevono la programmazione televisiva attraverso connessioni internet a banda larga. A dicembre 2022, il pubblico aveva accesso a più di 821.000 titoli distinti1 attraverso le piattaforme di streaming, rispetto ai soli 231.000 disponibili sui canali lineari tradizionali. Questa abbondanza di contenuti in streaming è attraente per il pubblico, che sta sfruttando attivamente la tecnologia per accedervi.

Al 15 gennaio 2023, l'84,9% delle famiglie statunitensi avrà almeno un dispositivo collegato alla TV. Si osserva una tendenza simile tra le famiglie che stanno abbandonando del tutto il cavo e il satellite: nel terzo trimestre del 2022, il 33% delle famiglie televisive statunitensi accedeva ai contenuti televisivi esclusivamente tramite una connessione Internet a banda larga (case BBO). Al 15 gennaio 2023, la percentuale è salita al 35,5%.

È importante notare che l'abbondanza di scelta non ha ispirato un aumento del consumo totale. Rispetto alle enormi impennate nell'uso della TV che il COVID-19 ha provocato, il nostro uso quotidiano della televisione è da tempo rientrato dall'orbita ed è in gran parte piatto rispetto al periodo pre-pandemia. Tuttavia, dato l'aumento della connettività, gli americani spendono una quota significativamente maggiore del loro tempo televisivo quotidiano con contenuti a cui accedono con una connessione a Internet.

La programmazione tradizionale rimane un punto fermo dei media, ma il pubblico guarda di più nei suoi programmi

Nonostante la connettività a Internet, il pubblico non ha abbandonato la programmazione tradizionale e lineare, poiché il tempo trascorso con le trasmissioni via cavo e via etere è ancora superiore a quello trascorso in streaming. Tuttavia, osservando il modo in cui il pubblico accede a tali contenuti, possiamo notare che il nostro stile di vita on-demand si sta diffondendo anche nel modo in cui ci impegniamo con la programmazione tradizionale. In altre parole, il pubblico sta aumentando la quantità di contenuti tradizionali che guarda dopo la loro messa in onda (comunemente chiamata time-shifted viewing). 

Ad esempio, le quattro principali reti inglesi negli StatiUniti2 hanno debuttato sette nuove fiction in prima serata a settembre. Questi programmi hanno attirato un totale di 25,5 milioni di spettatori durante la visione in diretta e in giornata. Nella settimana successiva alla messa in onda, il totale è salito a poco meno di 40 milioni di spettatori. Vediamo tendenze simili anche nella programmazione aggregata. Nel terzo trimestre del 2022, la visione in time-shifted tra il pubblico di 18 anni e più ha rappresentato il 17% del tempo settimanale trascorso a guardare la televisione tradizionale. All'inizio del 2021, la percentuale era del 13,6%.

È interessante notare che questa tendenza è più pronunciata tra il pubblico nero, che trascorre molto più tempo con la TV in diretta e in time-shifted rispetto agli altri gruppi. Tra gli ispanici e gli asiatici americani, le tendenze della visione in time-shifted sono stabili rispetto all'anno precedente, ma il tempo trascorso a guardare i contenuti in time-shifted è molto inferiore a quello della popolazione generale. Dal punto di vista dell'utilizzo complessivo della TV, gli asiatici americani trascorrono molto meno tempo rispetto agli altri gruppi e alla popolazione generale.

L'altro importante trend di crescita riguarda le famiglie che ricevono la programmazione televisiva attraverso i tradizionali servizi via cavo e via satellite. Nonostante la programmazione via cavo e broadcast sia dominante in queste famiglie "cable-plus", esse stanno aggiungendo costantemente contenuti non tradizionali alla loro dieta mediatica. 

Nel terzo trimestre del 2022, il pubblico di queste case ha trascorso ogni giorno poco meno di un'ora e 10 minuti con contenuti accessibili tramite dispositivi connessi alla TV, rispetto ai soli 40 minuti del terzo trimestre del 2019. Queste famiglie sono anche le più diffuse, rappresentando il 51,5% delle case televisive negli StatiUniti3.

Continueranno a emergere nuove opzioni di contenuti e canali per coinvolgere il pubblico, e sappiamo dalle tendenze recenti che i contenuti giusti attirano sicuramente una folla. Sebbene il pubblico graviti sempre più verso i canali digitali, è chiaro che i media di oggi si muovono a cavallo tra quelli tradizionali e quelli emergenti, e continueranno a farlo finché i singoli canali e i fornitori di contenuti offriranno al pubblico opzioni che lo attraggono.

Note

  1. Dati video globali Gracenote
  2. ABC, CBS, NBC, FOX
  3. Nel terzo trimestre del 2022, le case via etere rappresentavano il 15,3% e quelle BBO il 33,2%.