Passa al contenuto
02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > TV e streaming

Prima serata al loro orario: I nuovi programmi autunnali attirano il 41% dei telespettatori nella settimana successiva alla loro messa in onda

4 minuti di lettura | Dicembre 2022

Per il pubblico televisivo non c'è momento migliore dell'autunno. Tuttavia, mentre lo streaming guadagna terreno tra gli spettatori e i media, è facile perdere di vista l'immenso impegno che la nuova programmazione di prima serata riscuote sui canali televisivi tradizionali.

In un mare di scelta, la programmazione in prima serata rimane un importante motore di telespettatori. Tra le quattro principali reti di trasmissione inglesi negli Stati Uniti1, i 224 programmi di prima serata di settembre hanno attirato una media di 3,9 milioni di spettatori2 per la visione in diretta e in giornata. Se si considera la visione in differita per l'intera settimana, l'audience media aumenta del 41%, raggiungendo i 5,5 milioni.

Per la stagione autunnale, queste quattro reti hanno debuttato a settembre sette nuovi drama in prima serata, una mera goccia nel mare tra gli oltre 923.000 titoli video unici3 a cui il pubblico ha accesso attraverso i canali lineari e le piattaforme di streaming. Nonostante ciò, questi sette show hanno attirato un totale di 25,5 milioni di spettatori durante la visione in diretta e in giornata e 39,2 milioni per una settimana di visione in differita2. Lo hanno fatto anche quando lo streaming ha rappresentato il 36,9% della fruizione televisiva totale.

La traiettoria del settore dello streaming è inequivocabile, soprattutto se si considera che a settembre lo streaming lineare4 ha rappresentato il 5,4% del totale delle trasmissioni televisive, ma la maggior parte del pubblico televisivo statunitense non ha ancora tagliato il cordone ombelicale. A settembre 2022, il 51,5% delle famiglie statunitensi guarda la TV utilizzando set-top-box di fornitori tradizionali via cavo e satellite5. Dal punto di vista del tempo trascorso, il pubblico trascorre il doppio del tempo con la programmazione in diretta e in differita rispetto ai dispositivi televisivi connessi.

Per la TV autunnale, la visione in differita è diventata fondamentale. Mentre gli adulti statunitensi trascorrono in media solo tre ore e 43 minuti a settimana6 guardando la TV in differita, le sette nuove fiction di prima serata che hanno debuttato a settembre hanno attirato il 54% del pubblico totale nei sei giorni successivi alla messa in onda.

Tra il 19 settembre 2022 e il 16 ottobre 2022 sono stati trasmessi 21 episodi singoli di questi sette titoli. In totale, questi episodi hanno attirato 25,5 milioni di spettatori che si sono sintonizzati in diretta o hanno guardato gli episodi lo stesso giorno in cui sono stati trasmessi. Su un periodo di sette giorni, tuttavia, il totale degli spettatori è salito a 40,3 milioni.

La significativa spinta che la visione nei sette giorni offre si allinea con l'allontanamento del pubblico dalla visione su appuntamento, evidenziando al contempo l'attrattiva della programmazione di rete tradizionale. Ma questa programmazione non è più disponibile solo attraverso le opzioni lineari tradizionali. I distributori di contenuti stanno rendendo sempre più disponibili i nuovi contenuti di prima serata attraverso le app dei distributori di programmi video multicanale (MVPD) e gli MVPD virtuali, che stanno entrambi guadagnando terreno tra il pubblico. Nel settembre 2022, lo streaming lineare attraverso queste opzioni rappresentava il 14,5% di tutto lo streaming7.

L'impatto del time-shifted viewing è notevole anche se si considera la diminuzione della percentuale di famiglie televisive statunitensi che guardano la TV utilizzando set-top-box dei tradizionali provider via cavo e via satellite. Anche il possesso di DVR è in calo. Infatti, solo il 39% delle famiglie americane dichiara di possederne uno, in calo rispetto al 43,4% del settembre 20215.

Oltre ad attrarre milioni di spettatori, la televisione in prima serata offre agli inserzionisti e alle agenzie un canale che rimane ben considerato dal punto di vista della fiducia e dell'influenza. Secondo l'ultimo studio di Nielsen sulla fiducia nella pubblicità, il 67% dei consumatori statunitensi afferma di fidarsi completamente o in qualche modo degli annunci che vede in TV e il 58% riferisce di aver agito almeno qualche volta dopo averli visti.

Il pubblico ha oggi una scelta apparentemente infinita in un panorama di piattaforme e canali in continua crescita. E mentre The Gauge, l'istantanea di Nielsen sul totale degli ascolti televisivi, continua a evidenziare il crescente appetito degli spettatori per i contenuti in streaming, la nuova programmazione broadcast in prima serata rimane un'attrazione enorme, soprattutto attraverso l'obiettivo della visione in diretta + 7 giorni. L'impatto di questa programmazione è forse ancora maggiore se si considera il calo del numero di famiglie con cavo+ e la diminuzione del possesso di DVR tra il pubblico televisivo.

Note

  1. ABC, CBS, NBC, FOX
  2. Nielsen NPOWER, 19 settembre 2022-16 ottobre 2022
  3. Dati video globali Gracenote
  4. Programmazione televisiva tradizionale a cui si accede online attraverso un'app o un vMVPD
  5. Nielsen NPOWER
  6. Nielsen NPOWER, 2° trimestre 2022
  7. The Gauge, dati di utilizzo di settembre 2022