02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > TV e streaming

Lo sport continua ad alimentare i guadagni delle trasmissioni in ottobre; lo streaming cede quasi un intero punto di share

5 minuti di lettura | Novembre 2023

Nota dell'editore: Questa iterazione di The Gauge include un cambiamento di metodologia che differenzia in modo più accurato la visione di Hulu Live e Hulu SVOD. Questa modifica non riflette un cambiamento nel consumo. Piuttosto, riflette il modo in cui le visualizzazioni vengono accreditate. L'impatto netto è di circa mezzo punto di share, che riguarda sia Hulu SVOD che lo streaming totale.

La fruizione televisiva totale è aumentata del 2% in ottobre, grazie a un incremento del 9,4% della visione televisiva. Sebbene il rialzo stagionale di ottobre non sia unico, quest'anno i guadagni sono stati ottenuti senza il beneficio di un nuovo e robusto palinsesto. Senza una nuova programmazione di sceneggiati, l'aumento delle trasmissioni è stato quasi interamente attribuito alla programmazione sportiva.

Il robusto palinsesto della NFL e le World Series della MLB sono stati i principali fattori che hanno determinato l'aumento del 15% degli ascolti sportivi sui canali broadcast, portando ottobre al terzo mese consecutivo di guadagni per il broadcast. È stato anche il più grande guadagno per le trasmissioni dal gennaio 2023. L'aumento degli ascolti sportivi ha anche attirato un afflusso di spettatori più giovani: gli ascolti dei giovani tra i 18 e i 24 anni sono aumentati del 15%. Su base annua, tuttavia, il totale degli ascolti è sceso del 5,6% e il genere sportivo è diminuito dell'8%.

La televisione via cavo ha beneficiato di guadagni a due cifre nei generi delle notizie e dello sport (17% e 19%), con le notizie che hanno conquistato la corona di primo genere catturando il 21,8% del pubblico via cavo. Sebbene questi guadagni si siano tradotti in un aumento dello 0,9% degli ascolti, non sono stati sufficienti a tenere il passo con l'andamento della televisione totale, causando una perdita di 0,3 punti di share per il mese, che si è attestato al 29,5%, lo share più basso per la categoria della TV via cavo fino ad oggi.

Con un andamento opposto a quello delle trasmissioni, lo streaming ha recuperato quote per il terzo mese consecutivo, anche se l'utilizzo è rimasto pressoché invariato rispetto a settembre (-0,6%). Senza la modifica della metodologia sopra descritta, tuttavia, la perdita di share sarebbe stata solo dello 0,4 invece che dello 0,9. Mentre l'utilizzo è rimasto sostanzialmente stabile tra le varie piattaforme, il mese di ottobre è stato caratterizzato da un paio di dati unici:

Suits è rimasto il programma di punta, ma gli spettatori sono diminuiti di un terzo rispetto a settembre.

  • Suits è rimasto il programma di punta, ma il numero di spettatori è diminuito di un terzo rispetto a settembre. Netflix, che offre Suits insieme a Peacock, ha mantenuto otto dei primi 10 titoli in streaming nel mese di ottobre.
  • La visione di Disney+ è aumentata dell'1,5% e ha mantenuto gli altri due titoli di punta dello streaming: Bluey ed Elemental.
  • L'utilizzo di Amazon Prime Video è aumentato dell'1% e continua a registrare un picco il giovedì a causa delle partite della NFL.

Senza la tipica ondata di nuovi contenuti sceneggiati di quest'autunno, è probabile che continueremo a vedere tendenze di utilizzo della TV atipiche fino alla metà-fine del primo trimestre del 2024. A quel punto, sarà interessante vedere se la fruizione subirà un'impennata, che rappresenterebbe un'interruzione di tendenza rispetto a quanto siamo abituati a vedere in quel periodo dell'anno.

 

Il Gauge fornisce una macroanalisi mensile dei comportamenti di visione del pubblico attraverso le principali piattaforme di trasmissione televisiva, tra cui broadcast, streaming, cavo e altre fonti. Include anche una ripartizione dei principali distributori di streaming. Il grafico rappresenta la fruizione televisiva totale mensile, suddivisa in quote di visione per categoria e per singoli distributori di streaming.

Metodologia e domande frequenti

Come viene creato "The Gauge"?

I dati di The Gauge provengono da due panel ponderati separatamente e vengono combinati per creare il grafico. I dati di Nielsen sullo streaming derivano da un sottoinsieme di famiglie televisive abilitate allo Streaming Meter all'interno del panel televisivo nazionale. Le fonti televisive lineari (broadcast e via cavo) e l'utilizzo totale si basano sulle visualizzazioni del panel televisivo complessivo di Nielsen.

Tutti i dati sono basati sul periodo di tempo per ciascuna fonte di visione. I dati, che rappresentano un mese di trasmissione, si basano sulle visualizzazioni Live+7 per l'intervallo di riferimento (nota: Live+7 comprende la visione della televisione in diretta e la visione fino a sette giorni dopo per i contenuti lineari).

Cosa si intende per "altro"?

Nell'ambito di The Gauge, la voce "altro" comprende tutti gli altri usi televisivi che non rientrano nelle categorie broadcast, cable o streaming. Questo include principalmente tutte le altre sintonizzazioni (fonti non misurate), il video on demand (VOD) non misurato, lo streaming audio, il gioco e l'uso di altri dispositivi (riproduzione di DVD).

A partire dall'intervallo di maggio 2023, Nielsen ha iniziato a utilizzare gli Streaming Content Ratings per identificare i contenuti originali distribuiti dalle piattaforme segnalate in quel servizio per riclassificare i contenuti visti tramite set top box via cavo. Questa visione sarà accreditata allo streaming e alla piattaforma di streaming che l'ha distribuita. Verrà inoltre rimossa dalla categoria "altro", in cui era stata precedentemente inserita. I contenuti non identificati come originali all'interno delle classificazioni dei contenuti in streaming e visti attraverso un decoder via cavo saranno ancora inclusi nella categoria altro.

Cosa è incluso in "altri streaming"?

Le piattaforme di streaming elencate come "altro streaming" comprendono qualsiasi streaming video ad alta larghezza di banda sulla televisione che non è suddiviso individualmente. Le applicazioni progettate per la trasmissione in diretta e la programmazione via cavo (lineare) (applicazioni VMVPD o MVPD come Sling TV o Charter/Spectrum) sono escluse da "altro streaming".

Dove contribuisce lo streaming lineare?

Lo streaming lineare (come definito dall'aggregazione delle visualizzazioni alle app vMVPD/MVPD) è escluso dalla categoria dello streaming, in quanto i contenuti broadcast e via cavo visti attraverso queste app sono accreditati alla rispettiva categoria. Questa modifica metodologica è stata implementata con l'intervallo di febbraio 2023.

E lo streaming live su Hulu e YouTube?

Lo streaming lineare tramite app vMVPD (ad esempio, Hulu Live, YouTube TV) è escluso dalla categoria dello streaming. Hulu SVOD" e "YouTube Main" all'interno della categoria streaming si riferiscono all'utilizzo delle piattaforme senza l'inclusione dello streaming lineare.

Continua a sfogliare approfondimenti simili