02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Chi comprerà l'iPad e chi comprerà anche l'iPhone?

3 minuti di lettura | Agosto 2010

Roger Entner, SVP, responsabile della ricerca e degli approfondimenti, settore telecomunicazioni, The Nielsen Company

Le preoccupazioni relative a un impatto cannibalistico dell'iPad sulle vendite di Mac sono state recentemente messe a tacere dalla conferenza stampa di Apple relativa ai guadagni del terzo trimestre 2010; l'iPhone e l'iPad, che funzionano con iOS, hanno condotto un trimestre di vendite impressionante, il migliore di sempre, tutto tranne l'iPod. Per un'analisi più approfondita di chi acquista i due dispositivi più popolari di Apple, ci rivolgiamo al sondaggio di The Nielsen Company su oltre 64.000 abbonati alla telefonia mobile, condotto tra aprile e giugno 2010.

Non sorprende che gli utenti di iPhone e soprattutto di iPad siano sempre più giovani o che i clienti di iPad e iPhone abbiano un reddito più elevato.

Profilo utente iOS

Solo il 15% circa degli utenti di iPad ha più di 56 anni, rispetto al 33% di tutti gli abbonati alla telefonia mobile. Sebbene si osservi un tipico aumento degli utenti nel segmento 18-24 anni, il vero spostamento è nella fascia di età compresa tra i 25 e i 36 anni. I dati sono chiari: i 25-36enni benestanti sono un terreno fertile per i prodotti Apple. Con l'aumento del reddito, aumenta anche la disponibilità e la capacità di pagare per dispositivi più sofisticati. Circa il 20% degli abbonati al wireless dichiara di guadagnare più di 100.000 dollari, ma quasi il 40% dei possessori di iPad rientra in questa categoria. Nel tempo, riteniamo che il segmento di età superiore ai 56 anni possa rappresentare una significativa opportunità di crescita per Apple. Sebbene questi baby boomer non siano noti come "early adopter", adottano e non dobbiamo sottovalutare l'attrattiva dei prodotti Apple come dispositivi di facile e intuitivo utilizzo per il consumo di contenuti e dati Internet.

Ma il possesso di un iPad rende le persone più o meno propense a possedere un iPhone come prossimo dispositivo mobile? Sebbene il fattore di forma sia significativamente diverso, la funzionalità dei dati è simile. La ricerca di Nielsen rivela che c'è una chiara progressione nella preferenza per l'iPhone tra i probabili acquirenti di smartphone quanto più sono stati esposti a iOS.

smartphone desiderato

Il 25% dei probabili acquirenti di smartphone che non possiedono ancora un iPhone o un iPad ha dichiarato che acquisterebbe un iPhone Apple come prossimo smartphone. Ma quando abbiamo posto la stessa domanda ai possessori di iPad che non hanno ancora un iPhone, questo numero è più che raddoppiato, raggiungendo il 51%. È chiaro che l'esposizione all'iOS di Apple crea una predisposizione molto positiva all'acquisto di un iPhone. Lo stesso effetto si riscontra quando si confrontano gli attuali possessori di iPhone, tra i quali un 85%, leader del settore, indica che acquisterebbe un altro iPhone come prossimo smartphone. E ben il 91% dei probabili acquirenti di smartphone che già possiedono un iPhone e un iPad desidera un altro iPhone.

Creando un intero universo di dispositivi e fattori di forma attorno a iOS - tutti con il design dell'interfaccia facile da usare per cui Apple è nota - Apple ha creato un'ecosfera che si rafforza reciprocamente, attirando nuovi clienti e convincendoli delle virtù di Apple. La possibilità di condividere gratuitamente le stesse applicazioni acquistate su tutti gli altri dispositivi, spinge i consumatori ad aggiungere altri dispositivi dello stesso universo, fidelizzandoli di fatto come clienti di aggiornamento. I clienti hanno anche l'ulteriore vantaggio di poter condividere gratuitamente le stesse applicazioni acquistate per un dispositivo iOS (iPad, iPhone, iPod) su tutti gli altri dispositivi.

L'avvento dei dispositivi connessi, tra cui l'iPad e altri tablet, gli eReader come Kindle e Nook, i netbook e i lettori multimediali, sta chiaramente cambiando le modalità di fruizione dei media da parte dei consumatori.

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili