Centro notizie > Azienda

Le API rendono più accessibili i dati televisivi nazionali e locali di Nielsen

2 minuti di lettura | Settembre 2015

Nell'attuale mondo dei big data, avere dati è solo una parte dell'equazione. Disporre di dati intelligenti,comprensibili e fruibili, e potervi accedere rapidamente, aiuta le aziende a essere innovative e a muoversi rapidamente.

Ed è per questo che siamo entusiasti di annunciare il lancio delle interfacce di programmazione delle applicazioni (API) per i dati televisivi nazionali e locali di Nielsen! Le nostre nuove API TV aprono la porta ai nostri dati, fornendo ai nostri clienti un accesso più rapido e flessibile ai numeri grezzi, nonché la possibilità di inserirli nei loro strumenti di business intelligence preferiti o nei cruscotti interni proprietari, come gli strumenti di previsione finanziaria, per ottenere approfondimenti più intelligenti.

In passato, alcuni clienti hanno utilizzato API programmatiche e di script per "ricucire" le fonti di dati. Tuttavia, questo lavoro era manuale e complesso. Le nuove API consentiranno un accesso rapido, flessibile e on-demand ai dati Nielsen. Inoltre, i clienti possono utilizzare le API per inserire i dati Nielsen nei loro database interni, consentendo loro di condurre diversi tipi di analisi ad hoc.

"Le API rappresentano un passo significativo nell'innovazione di Nielsen per conto dei clienti", ha dichiarato Lynda Clarizio, presidente della divisione Media di Nielsen negli Stati Uniti. "Stiamo perseguendo nuovi livelli di apertura, flessibilità, velocità e integrazione per dare ai nostri clienti l'accesso ai dati di cui hanno bisogno, quando e come ne hanno bisogno".

E i nostri clienti sono d'accordo! "La tecnologia e i dati sono strumenti preziosi nell'ambiente dinamico e complesso di oggi, e noi vogliamo assicurarci che i nostri marchi e le nostre aziende dispongano delle informazioni e dei report personalizzati di cui hanno bisogno per supportare un processo decisionale agile", ha sottolineato John Honeycutt, Chief Technology Officer di Discovery Communications. "Siamo lieti che Nielsen stia sviluppando strumenti per soddisfare le esigenze del settore e siamo entusiasti di collaborare con loro a questa importante iniziativa".

"In qualità di cliente beta, siamo entusiasti che Nielsen abbia aperto l'accesso ai dati tramite API", ha dichiarato Thomas Ziangas, senior vice president, Research and Insights, AMC Networks. "Non vediamo l'ora di implementare completamente le API di Nielsen, che hanno già dimostrato la capacità di migliorare notevolmente l'efficienza del nostro flusso di lavoro quotidiano e di aiutarci a scoprire più velocemente informazioni critiche".

"L'attenzione di Nielsen verso standard API aperti e comuni per fornire i dati che i nostri team di IPG Mediabrands utilizzano quotidianamente è un grande passo avanti", ha dichiarato Bill Berger, vicepresidente di Client Technology, IPG Mediabrands. "Le API appena pubblicate offrono una drastica riduzione della complessità associata alla fornitura di dati di ascolto televisivi nazionali e locali, e la nuova tecnologia supporta casi d'uso esistenti come il data warehousing, nonché l'accesso ai dati a bassa latenza e on-demand per le applicazioni con esigenze di dati dinamici".

"Siamo lieti di vedere che Nielsen sta facendo importanti investimenti nelle API per supportare meglio i propri partner rendendo più aperto l'accesso ai dati", ha dichiarato Kevin Conroy, chief strategy and data officer e presidente dell'Enterprise Development di Univision. "Un accesso più aperto ci consente di realizzare le analisi di cui abbiamo bisogno per raccontare storie più ricche e accurate sul nostro pubblico".

Le API Nielsen per la TV nazionale saranno lanciate la prossima settimana, seguite da quelle per la TV locale a novembre.