Centro notizie > Azienda

Nielsen entra nella lista delle 300 migliori organizzazioni beneficiarie di brevetti dell'IPO

2 minuti di lettura | Luglio 2015

Con 109 brevetti statunitensi concessi nel 2014, l'Intellectual Property Owners Association (IPO) ha recentemente riconosciuto a Nielsen la posizione numero 284 nell'elenco annuale dei 300 principali beneficiari di brevetti statunitensi. L'IPO ha esaminato più di 7.500 aziende.

"Nielsen prende sul serio l'innovazione", ha dichiarato Gene Potkay, senior vice president, intellectual property, Nielsen. "Negli ultimi sette anni, abbiamo aumentato di oltre sei volte il nostro patrimonio di brevetti negli Stati Uniti e siamo chiaramente il leader indiscusso nel possesso di brevetti nelle nostre aree principali di misurazione e reporting del mercato e dell'audience. Ma la cosa più degna di nota è che non ci siamo mai prefissati di raggiungere questo traguardo, in quanto il nostro obiettivo principale è quello di ottenere brevetti di qualità, non numeri".

Ad oggi, Nielsen detiene più di 500 brevetti concessi negli Stati Uniti, ha altre 500 domande pendenti negli Stati Uniti e vanta più di 2.350 brevetti e domande pendenti a livello globale.

Per oltre 90 anni, Nielsen ha fornito la valuta per una misurazione affidabile del mercato e dell'audience in tutto il mondo. Mentre ci avviamo a capofitto verso un'era di frammentazione dei media senza precedenti, la concorrenza sarà spietata per soddisfare le nuove esigenze del mercato con approcci nuovi e innovativi alla misurazione e agli ascolti.

L'ingresso nella lista dei 300 migliori brevetti statunitensi dell'IPO nel 2014 evidenzia l'impegno di Nielsen per l'innovazione. La nostra pipeline di invenzioni, i depositi di brevetti e i brevetti statunitensi concessi, è cresciuta sia in termini di numero che di qualità anno dopo anno ed è molto più profonda rispetto ad altri operatori del settore. È un'ulteriore indicazione dell'impegno di Nielsen nel fornire ai clienti nuovi prodotti e servizi commercialmente importanti, nel tentativo di trasformare se stessa e il settore.

Al di là dei brevetti, molti esperti concordano sul fatto che un'azienda i cui sforzi di R&S generano una pipeline di nuovi prodotti e soluzioni di successo commerciale debba essere considerata innovativa. Per Nielsen, alcuni esempi recenti e degni di nota sono i nostri Digital Ad Ratings, One Global Reference Data System (OGRDS) e Twitter TV Ratings. La protezione del brevetto non fa che avvalorare ulteriormente questa tesi.

"Ci si aspetta che le aziende innovative introducano nuovi prodotti e servizi a un ritmo rapido", ha dichiarato Potkay, "e i nostri azionisti si aspettano che proteggiamo questi nuovi sviluppi".

"Nielsen si trova ad affrontare l'ulteriore sfida di fornire soluzioni che soddisfino le esigenze odierne dei clienti in termini di misurazioni di qualità monetaria, anticipando al contempo un panorama globale dei consumatori che sta subendo cambiamenti a un ritmo senza precedenti", ha dichiarato Potkay. "La concessione di un record di 109 brevetti statunitensi in un anno, nonostante l'inasprimento dei requisiti per i brevetti, è solo una prova del fatto che ci stiamo muovendo nella giusta direzione".