02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Bing supera Yahoo! come n. 2 dei motori di ricerca statunitensi

1 minuto di lettura | Settembre 2010

Per la prima volta, MSN/Windows Live/Bing Search ha superato Yahoo! come motore di ricerca numero 2 negli Stati Uniti, con una quota del 13,9% del volume di ricerca nell'agosto 2010, con un aumento dello 0,25% rispetto al mese precedente. Sebbene Google abbia registrato poche variazioni nel volume di ricerca mese su mese, continua a dominare il mercato della ricerca, rappresentando il 65% di tutte le ricerche negli Stati Uniti.

Yahoo! segue Google e MSN/Windows Live/Bing Search con una quota del 13,1% delle ricerche negli Stati Uniti, in calo rispetto al 14,3% del luglio 2010 (un calo del 1,2% delta o un calo relativo dell'8%).

In termini di confronto anno su anno, Google ha registrato pochi cambiamenti nella sua quota di ricerca, mentre Yahoo! ha registrato un piccolo ma costante declino, passando da una quota del 16,0% al 13,1% (un calo delta del 2,9% o un calo relativo del 18%). La quota di MSN/Windows Live/Bing è cresciuta dal 10,7% dell'agosto 2009 al 13,9% (un aumento delta del 3,2% o un aumento relativo del 30%).

Siti di ricerca statunitensi più utilizzati - Agosto 2010
Classifica Marchio Quota di ricerche Variazione mensile % Variazione YoY %
1 Ricerca su Google 65.1% 1% 1%
2 Ricerca MSN/Windows Live/Bing 13.9% 2% 30%
3 Ricerca Yahoo! 13.1% -8% -18%
4 Ricerca Ask.com 2.1% 0% 24%
5 Ricerca AOL 2.0% 0% -37%
Fonte: La società Nielsen

Nel luglio 2009 Microsoft e Yahoo hanno annunciato un accordo di ricerca in base al quale Microsoft avrebbe iniziato ad alimentare Yahoo! Search, mentre Yahoo! sarebbe diventata la forza di vendita esclusiva a livello mondiale per gli inserzionisti di ricerca premium di entrambe le società. Microsoft Bing ha iniziato ufficialmente ad alimentare parte delle ricerche di Yahoo! a partire dal 24 agosto 2010. Se combinassimo la ricerca alimentata da Bing nel mese di agosto pro-forma, rappresenterebbe una quota del 26% della ricerca.

Nielsen riporta solo le query di ricerca generate da un utente, quindi le ricerche contestuali, gli hover o le ricerche nel testo non vengono riportate.

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili