02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Mercati e finanze

Dopo i disordini politici, la maggior parte dei consumatori thailandesi è pronta a tornare alla normalità

3 minuti di lettura | Giugno 2010

È passato poco più di un mese dal picco dei disordini politici di maggio in Thailandia, ma la maggior parte dei consumatori thailandesi (sette su dieci) afferma che la propria vita è già tornata alla normalità o che tornerà alla normalità entro un mese. Un recente studio di The Nielsen Company ha analizzato gli atteggiamenti dei consumatori thailandesi nei confronti dei disordini, nonché i cambiamenti nel comportamento dei consumatori e nel consumo dei media durante questo periodo e come si prevede che il comportamento dei consumatori cambierà in futuro.

La TV e il Web sono luoghi di informazione fondamentali

Alla domanda su quali fossero le principali fonti di informazione durante i disordini, la maggior parte dei consumatori thailandesi ha dichiarato che la TV (95%) era la loro principale fonte di informazione, seguita da vicino da Internet (94%), giornali (76%) e radio (43%) rispettivamente. È interessante notare che i consumatori hanno indicato come canali importanti anche fonti di notizie non tradizionali, come i blog online (35%) e Twitter (25%), forse riflettendo il bisogno di impegnarsi e interagire con gli altri.

Aumento degli ascolti televisivi e radiofonici

Dal 13 al 21 maggio 2010 il numero di persone a Bangkok che hanno guardato la TV è aumentato del 23% rispetto allo stesso periodo del 2009. Mercoledì 19 maggio, quando i siti delle camicie rosse sono stati recuperati e il coprifuoco è iniziato, il numero di persone che guardavano la TV è aumentato del 36% rispetto allo stesso giorno dell'anno scorso. Allo stesso modo, il numero di persone che hanno ascoltato la radio nel maggio 2010 è aumentato del 14%.

Le categorie di prodotti alimentari sono state in cima alla lista degli acquisti dei consumatori durante la crisi

L'indice Nielsen sul commercio al dettaglio indica che la crescita complessiva dei beni di largo consumo è rallentata a maggio 2010, passando al 4,9% rispetto all'8% di aprile 2010, in quanto i consumatori si sono concentrati sull'acquisto di prodotti di prima necessità.

"Durante i disordini politici, abbiamo osservato un maggior numero di persone che mangiavano a casa. Ciò significa che un numero maggiore di famiglie di Bangkok ha acquistato categorie come il riso e i surgelati. Allo stesso tempo, le famiglie hanno fatto scorta di altre categorie alimentari di base, tra cui alimenti freschi, latte in polvere, noodle istantanei, pesce in scatola e piatti pronti", ha dichiarato Aaron Cross, Managing Director Consumer di Nielsen Thailandia. "L'impatto negativo delle proteste delle camicie rosse a maggio sulla crescita del Largo Consumo è stato leggermente superiore nella Grande Bangkok rispetto all'Upcountry. Tuttavia, riteniamo che la crescita del Largo Consumo tornerà alla normalità a partire da giugno".

I consumatori si concentrano sul valore, sulla qualità del tempo trascorso con la famiglia e sul risparmio dopo i disordini

Sette consumatori su 10 si aspettano che la loro vita torni alla normalità immediatamente o entro un mese dai disordini politici. Dopo i disordini di maggio, un numero maggiore di consumatori ha dichiarato di voler dedicare più tempo alla famiglia (53%), di rimanere a casa (49%), di risparmiare (39%) e di cercare un buon rapporto qualità-prezzo (25%).

"Gli eventi di maggio sono stati significativi. Di conseguenza, abbiamo assistito a un aumento dell'orgoglio nazionale, mentre la Thailandia cerca di riprendersi e di rimettersi in piedi nella seconda metà del 2010. Ciò è dimostrato dal fatto che un quarto (24%) dei consumatori ha dichiarato di voler acquistare più prodotti thailandesi dopo gli eventi di maggio", ha dichiarato Cross.

Alla domanda sui loro piani finanziari dopo i disordini, i consumatori hanno dichiarato di voler aumentare i depositi in conti di risparmio/risparmi fissi (31%), aumentare l'Omsin Lotto (30%), l'oro (22%) e aumentare l'assicurazione sulla vita (20%) nei loro futuri portafogli di investimento.

Il rapporto di studio integrato di Nielsen comprende i dati di un sondaggio online (rivolto a 500 utenti internet di età superiore ai 18 anni), del Nielsen Retail Audit, del Nielsen Homescan Consumer Panel, del Nielsen Television Audience Measurement e del Nielsen Radio Ratings.

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili