Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Tagli alla scelta: I consumatori hanno opzioni di contenuto quasi illimitate, ma quante ne usano davvero?

3 minuti di lettura | Settembre 2016

Per i consumatori, avere a disposizione dei contenuti non è più un lusso, ma un imperativo. E lo stesso vale per la moltitudine di dispositivi che utilizzano per fruire di tali contenuti, siano essi televisori, tablet o tecnologie emergenti.

Ma avere una pletora di opzioni di contenuti a portata di mano non significa necessariamente che i consumatori si colleghino a TUTTE le scelte, TUTTE le volte. Infatti, secondo il secondo trimestre del Nielsen Total Audience Report, che si concentra sulle opzioni a disposizione dei consumatori oltre che sul modo in cui le utilizzano, i comportamenti e l'utilizzo sono unici a seconda del dispositivo utilizzato. I consumatori trascorrono ancora la maggior parte del loro tempo sulle piattaforme tradizionali, ma cercano anche di esplorare l'ampia gamma di canali di contenuti resi disponibili dai nuovi media.

Gli adulti continuano a trascorrere la maggior parte del tempo guardando la TV, dato che l'adulto medio trascorre più di quattro ore al giorno guardando la TV dal vivo. I canali medi mensili disponibili in TV (206) sono solo una frazione di quelli disponibili su app o siti web digitali, quindi i consumatori ne utilizzano di più. Nel secondo trimestre del 2016, i consumatori hanno visitato 55 siti per PC e utilizzato 28 app per smartphone, rispetto ai 20 canali televisivi visti. Anche se gli americani hanno meno canali tra cui scegliere rispetto all'anno scorso, la percentuale di canali effettivamente visti è rimasta costante al 9,6% nel periodo 2015-2016.

Gli americani passano quasi due ore ad ascoltare la radio ogni giorno, battendo smartphone, tablet e PC per il secondo posto. Con i formati in lingua spagnola che si aggiungono alle opzioni disponibili, gli ispanici ascoltano il maggior numero di stazioni radio.

La penetrazione delle piattaforme digitali continua ad aumentare e ciò comporta una maggiore accessibilità ai contenuti che i consumatori possono scorrere, scorrere e navigare.

Tra tutti i dispositivi, i PC e gli smartphone vantano l'utilizzo medio mensile più elevato. In media, gli adulti visitano circa 55 siti web tramite PC, utilizzano 28 app e 44 siti tramite smartphone e 14 app tramite tablet. Queste piattaforme digitali offrono un accesso sfrenato a innumerevoli siti e app a portata di mano dei consumatori, consentendo loro di frequentare più tipi di contenuti specifici per i loro interessi.

Le visite ai siti e alle app, in particolare sugli smartphone, continuano a salire. Si osservano anche cambiamenti nelle piattaforme digitali: Gli utenti di PC visitano meno siti, mentre gli smartphone registrano un aumento dei siti visitati. In effetti, si tratta di fenomeni quasi speculari: negli ultimi due anni l'adulto medio ha visitato 7,4 siti in meno sul PC e 7,5 siti in più sullo smartphone. Allo stesso modo, ma in misura minore, i consumatori stanno aumentando il numero di app visitate su smartphone (+1%) e tablet (+7%).

I consumatori neri e ispanici visitano più siti sui loro smartphone e utilizzano più applicazioni rispetto alla media nazionale. In effetti, gli adulti di colore guardano anche il maggior numero di canali televisivi, mentre gli asiatici-americani visitano il maggior numero di siti web e video tramite PC.

Sebbene i livelli di ascolto della televisione siano rimasti relativamente stabili rispetto agli anni precedenti, la frammentazione del mondo dei media non si è arrestata. La penetrazione dei dispositivi digitali e dei servizi di video on demand in abbonamento (SVOD) continua a crescere, offrendo ai consumatori fonti alternative di contenuti.

Ma anche se opzioni come SVOD stanno guadagnando popolarità, i consumatori che hanno accesso a un mix di piattaforme tradizionali e più recenti tendono a preferire una combinazione di tutte le opzioni.

In tutte le fasce demografiche, le case con TV SVOD guardano solo un canale in meno rispetto alle rispettive medie nazionali. In effetti, i consumatori delle case con accesso a SVOD tendono a essere più giovani e ad avere un reddito più alto, entrambi fattori che portano a guardare meno televisione e, di conseguenza, ad accedere a meno canali. Questo vale anche per l'importante fascia di età compresa tra i 18 e i 34 anni, che guarda in media 14,9 canali, rispetto ai 14,3 canali delle case con accesso a SVOD.

I consumatori continuano a desiderare e a cercare opzioni quando si tratta di contenuti. Ma nel mondo in espansione dei dispositivi intelligenti e della quantità apparentemente infinita di siti e applicazioni disponibili, i mezzi di comunicazione tradizionali mantengono ancora la loro importanza.

Per ulteriori approfondimenti, scaricare il rapporto Nielsen Total Audience del secondo trimestre.