02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Al passo con i Jetsons a Consumer 360: Cosa c'è di nuovo nell'IA, nell'apprendimento automatico e nella gestione dei dati

4 minuti di lettura | Giugno 2018

Con i progressi tecnologici in rapida accelerazione, viviamo in un mondo che continua a spingere i limiti del potenziale quando si tratta di intelligenza artificiale (AI) e apprendimento automatico. Le innovazioni e i paradigmi rilevanti per le decisioni e le attività che svolgiamo quotidianamente continueranno ad evolversi.

Quali sono le opportunità per le aziende? Per fare luce su ciò che ci aspetta, Brian Stempeck, Chief Client Officer di The Trade Desk, ha moderato un panel all'evento Consumer 360 di quest'anno per valutare le sfide e le opportunità associate a queste tecnologie in erba. I partecipanti hanno discusso di come queste innovazioni vengono sviluppate e di cosa potrebbero significare per il mondo degli affari di domani.

Ma prima che il panel prendesse il via, Rajen Sheth, Senior Director of Product Management (AI), Google Cloud, ha fornito un contesto sulla potenza dell'IA, sottolineando che la quantità di dati e la potenza di calcolo attualmente disponibili consentono di fare cose incredibili, affermando che ora siamo al punto in cui la tecnologia può iniziare a prendere decisioni per nostro conto. Di conseguenza, siamo in una posizione molto migliore di quella in cui siamo mai stati per iniziare a usarla al di là del laboratorio.

"L'intelligenza artificiale sarà il fondamento dell'informatica per i prossimi 20-30 anni. Crediamo che questo sia solo l'inizio di qualcosa per l'intero settore e che possiamo usarlo per offrire qualcosa di veramente importante per i consumatori", ha dichiarato.

Rajen ha parlato in particolare della migliore applicazione dell'IA - l'interazione umana - e di come ci vorrà un po' di tempo per fidarci della tecnologia e per impararla - un processo che sarà graduale. "Come la rivoluzione industriale che ha permesso agli esseri umani di scalare le loro capacità fisiche, l'IA sta facendo cose simili per le capacità mentali delle persone", ha detto.

Rajen ha aggiunto che le applicazioni dell'IA sono numerose: personalizza le interazioni con i clienti, aggiunge struttura ai dati, fornisce efficienza e agilità e individua modelli per identificare le caratteristiche che risuonano con i clienti. Ha descritto il percorso dell'IA come un percorso che trasforma le intuizioni in soluzioni, che inizia con l'identificazione dei problemi, la raccolta dei dati, la progettazione di algoritmi e la costruzione di soluzioni. Ha inoltre parlato dell'attuale sfida del settore, che consiste nell'aumentare le competenze di Al per colmare il divario di talenti tra le persone in grado di sviluppare modelli di deep learning e rendere l'IA più accessibile a tutti coloro che dispongono di dati.

Quali sono dunque alcune delle applicazioni dell'IA e quali sono le prospettive dei leader del settore sull'utilità attuale e sul potenziale di questa intelligenza nascente?

Il gruppo ha discusso dell'accessibilità dell'IA e dei modi per renderla scalabile all'interno di aziende e organizzazioni, in modo che un numero maggiore di persone possa trarne beneficio. Per quanto riguarda la scalabilità dell'IA, il gruppo ha discusso la necessità di ulteriori data scientist in grado di costruire applicazioni che possano essere utilizzate da un pubblico più ampio.

Dal punto di vista del cliente, è importante pensare all'obiettivo finale", afferma Brian di The Trade Desk. "Se non si inizia definendo l'aspetto del successo, ci si mette in una posizione di pericoloso svantaggio".

Ma non tutte le applicazioni dell'apprendimento automatico sono destinate al futuro. Per molte aziende, tra cui Google, l'AI sta già aiutando le organizzazioni a essere più agili, scattanti e veloci. E nello spazio pubblicitario, sta aiutando a gestire le campagne e il targeting digitale.

"Le campagne pubblicitarie sono ormai così complesse che è incredibilmente difficile per gli esseri umani gestirle, e il volume di dati è così elevato che diventa impegnativo", ha dichiarato Jack Smith, Chief Product Officer di GroupM North America. "Quando si inizia a scrostare gli strati, ci si rende conto che hanno ben poco a che fare con un risultato e, in ultima analisi, si può capire come costruirli e applicarli sul mercato".

Mark Simpson, VP, Offering Management, Watson Marketing, IBM, ha dichiarato che negli ultimi anni la sua azienda ha utilizzato l'AI (Watson) per migliorare l'efficienza del programmatic ad buying. "In media, le nostre campagne sono più efficienti del 35%, con una spesa maggiore grazie all'AI; quindi i risultati reali che ne derivano sono fenomenali".

Kelly Abcarian, SVP of Product Leadership di Nielsen, e Mark di IBM concordano sul fatto che vorrebbero vedere l'IA utilizzata per aiutare le aziende a ottimizzare il tempo, consentendo agli esseri umani di dedicarsi a questioni più importanti.

"Nelle sue forme rudimentali, l'IA sta permettendo a tutti noi di sperimentare gli effetti delle applicazioni quotidiane", ha affermato Kelly. "E non ci rendiamo conto che lo stiamo sperimentando. Tutte queste cose stanno cambiando i nostri comportamenti e ci permettono di semplificare le nostre vite".

I relatori hanno concluso discutendo su quale potrebbe essere il futuro dell'IA nelle aziende. Hanno ipotizzato opportunità nelle interazioni personalizzate con i clienti (come i call center) e l'impiego di computer per rispondere in modo efficace ed efficiente alle domande dei clienti. Hanno anche parlato del potenziale dell'intelligenza aumentata, in base alla quale un computer potrebbe conoscere un argomento o una circostanza specifica a sufficienza per consigliare la migliore linea d'azione in scenari aziendali.

Continua a sfogliare approfondimenti simili