Passa al contenuto
Centro notizie >

Ancora raccomandata da amici e parenti, la pubblicità più autentica secondo i consumatori. Il più affidabile sui siti web di marca

8 minuti di lettura | Settembre 2015

Gli ungheresi si fidano anche della pubblicità dei media tradizionali e la influenzano

I consumatori ungheresi si fidano molto di più della pubblicità rispetto alla media europea

Budapest, 28 settembre 2015 - La maggior parte dei consumatori ungheresi considera da otto a dieci le pubblicità autentiche, che provengono come raccomandazione da persone che conoscono e di cui si fidano (81%). Tale percentuale è superiore di un punto percentuale rispetto a due anni fa. È quanto emerge, tra l'altro, dall'indagine Nielsen sull'atteggiamento dei consumatori nei confronti della pubblicità in sessanta Paesi. 

Altro ordine: Sette intervistati ungheresi su dieci nominano i propri siti web (68%), sei su dieci (62%) si fidano delle informazioni contenute nei post online di altri consumatori e il 56% si fida di chi legge o legge un'opinione editoriale su un mezzo di comunicazione. o in misura minore autentica.

A livello globale, una media dell'83% degli intervistati ha completa o minore fiducia nelle informazioni di conoscenti o familiari. Il 70% dei siti web dei marchi, il 66% dei post online di altri consumatori e il 56% delle e-mail.

È degno di nota il fatto che, rispetto alla media europea, più ungheresi considerano affidabili varie forme di pubblicità. Rispetto alla media dei trentuno Paesi del nostro continente, almeno dieci punti percentuali in più di intervistati ungheresi si fidano delle seguenti forme di pubblicità: quando un marchio sponsorizza (54% di noi), e-mail ordinate (55%), apparizioni nei motori di ricerca online (47%), apparizioni di prodotti in programmi televisivi (47%).

Un'indagine condotta a livello mondiale dimostra che non è possibile formulare una regola semplice e generale su come massimizzare l'efficacia della pubblicità nei mercati saturi o su come comprendere la percezione che i consumatori hanno della pubblicità nelle diverse piattaforme mediatiche che utilizzano quotidianamente.

"Una volta che le aziende hanno iniziato a tracciare i loro consumatori online, un terzo delle campagne pubblicitarie online non funziona. Non attirano l'attenzione e non invogliano in alcun modo all'acquisto", afferma Randall Beard, esperto Nielsen. - "Al giorno d'oggi, i consumatori hanno molto più controllo su quali contenuti conoscere e dialogare con i brand. Quindi, c'è un solo modo per riuscire a far ricordare un marchio al maggior numero di persone possibile: Bisogna sapere come ricevere le pubblicità sugli schermi".

La fiducia di Nielsen nella pubblicità è stata misurata online tra 30.000 utenti di Internet in sessanta Paesi. L'obiettivo è quello di conoscere la percezione dei consumatori nei confronti di diciannove forme di pubblicità nei cosiddetti media a pagamento, acquisiti e di proprietà. Sulla base dei risultati, scopriremo quali sono le pubblicità che rispondono meglio ai consumatori e quali invece hanno spazio per crescere ulteriormente.

LA FIDUCIA NELLA PUBBLICITÀ TRADIZIONALE È ANCORA FORTE

Nel complesso, sebbene i media stiano diventando sempre più frammentati, la proliferazione dei formati online non sta minando la fiducia nei canali tradizionali (offline). La televisione, i giornali e le riviste continuano a essere gli autentici mezzi pubblicitari considerati dalla maggioranza dei consumatori. Più di sei intervistati su dieci in tutto il mondo guardano agli spot televisivi con totale o minore fiducia (63%), con un aumento di un punto percentuale rispetto a un sondaggio di due anni prima. Un numero leggermente inferiore di persone considera affidabili le pubblicità di giornali (60%) e riviste (58%), con un dato inferiore di uno e due punti percentuali rispetto all'anno precedente, rispettivamente.

La fiducia nella pubblicità online e mobile a pagamento è rimasta relativamente stabile dal 2013. Quasi la metà degli intervistati in sessanta Paesi ha una fiducia totale o parziale nella pubblicità video online (48%, come due anni prima). Il 47% degli annunci sui motori di ricerca online registra un calo di 2 punti percentuali. Quattro intervistati su dieci a livello globale hanno fiducia nei banner online (42% invariato). Per gli annunci su dispositivi mobili, la percentuale è del 43%, in calo di 2 punti percentuali. Solo un terzo dichiara di considerare credibili gli annunci testuali su dispositivi mobili (36%, in calo di 1 punto percentuale).

"Poiché i proprietari dei marchi hanno aumentato costantemente la loro spesa per la pubblicità digitale, sono diventati sempre più affezionati alla pubblicità e alla misurazione digitale. Ma nonostante ciò, la TV fornisce ancora l'85-90% dei maggiori accessi una tantum. Cioè, la pubblicità raggiunge ogni spettatore solo una volta", dice Beard. "Sebbene la pubblicità digitale offra vantaggi significativi, come una pubblicità più mirata, la modifica al volo delle campagne e un maggior numero di opzioni creative, passare dalla TV a un modello esclusivamente online sarebbe certamente una mossa coraggiosa per qualsiasi attore del mercato". È meglio considerare la possibilità di coordinare i canali offline e online per ottenere il miglior ritorno sugli investimenti".

ALTAMENTE SENSIBILE AI GIOVANI TRA I 21 E I 34 ANNI PER I MEDIA TRADIZIONALI

Le forme di pubblicità online e mobile godono della massima fiducia da parte dei giovani tra i 21 e i 34 anni (Generazione Y), cresciuti con Internet. Seguono da vicino quelli di età compresa tra i 35 e i 49 anni (Generazione X). Poco più della metà della Generazione Y considera autentici gli annunci video (53%) e gli annunci sui siti sociali (51%), così come il 47% i banner. Quattro intervistati su dieci di età compresa tra i 21 e i 34 anni si fidano degli annunci di testo sui telefoni cellulari.

Ma la Generazione Y non è solo superiore alla media dei sensibili alla pubblicità online e mobile. In termini di fiducia nelle diciannove forme di pubblicità e nei canali esaminati, i giovani tra i 21 e i 34 anni sono quelli che hanno la percentuale più alta, tra cui TV, giornali e riviste. Inoltre, sono quelli che rappresentano la percentuale maggiore delle diciannove forme di pubblicità.

"I membri della Generazione Y utilizzano i media in modo diverso rispetto ai loro coetanei più anziani, perché prestano maggiore attenzione a quando e dove guardano, ascoltano o leggono i contenuti, oltre che al dispositivo che utilizzano", ha dichiarato Beard. "Ma nonostante la loro relativamente scarsa dipendenza dai media tradizionali, la loro fiducia e la loro volontà di interagire con le pubblicità che vi appaiono rimane forte. Un approccio integrato e multicanale è la soluzione migliore per tutte le generazioni, ma è fondamentale per raggiungere i giovani tra i 21 e i 34 anni".

I FORMATI ONLINE FACILITANO UN'AZIONE RAPIDA

L'indagine di Nielsen evidenzia anche il legame tra fiducia e pubblicità. Tuttavia, l'autenticità non è sempre un prerequisito per l'intenzione di acquisto. Infatti, i formati considerati autentici da pochi possono essere molto efficaci nel guidare i consumatori verso l'acquisto.

Ad esempio, gli intervistati di tutto il mondo si fidano delle opinioni di conoscenti e parenti in media tanto quanto seguono le loro raccomandazioni. In questo caso, entrambi gli indicatori sono pari all'83%. Allo stesso modo, il 70% di coloro che si fidano e agiscono sono gli stessi sui siti web dei marchi.

Tuttavia, molti annunci a pagamento incentivano l'acquisto in misura maggiore rispetto alla percentuale di coloro che li considerano autentici. Ciò è avvenuto in particolare per gli annunci online e su dispositivi mobili. Ad esempio, una media del 47% degli intervistati si fida degli annunci che appaiono sui motori di ricerca online, ma il 58% li attiva per fare acquisti. La situazione è simile per i siti di social media (46% di fiducia, 56% di attivazione) e per i telefoni cellulari (36% di fiducia, 46% di attivazione).

In Ungheria, ad esempio, le pubblicità sui giornali e in televisione spingono i consumatori ad agire più di quanto si fidino. Nel caso dei giornali, il 50% si fida delle pubblicità, ma il 55% ha un tasso di attivazione. Il 45% si fida della TV, il 54% si attiva. Per le pubblicità sulle riviste, entrambi gli indicatori sono pari al 47%.

"Le pubblicità che attivano più consumatori di quanti se ne fidino hanno un denominatore comune. È che pubblicizzano prodotti o servizi facilmente accessibili", ha detto Beard. "Ti piace e lo compri". I moduli online e mobili rendono estremamente facile per i consumatori vivere il momento e rispondere a una pubblicità con una velocità fulminea. Spesso i consumatori cliccano semplicemente su un link e vanno su una pagina dove ottengono maggiori informazioni su un prodotto o lo acquistano subito. "

GLI INSERZIONISTI AVANZATI HANNO IL PIÙ ALTO TASSO DI INSERZIONISTI DI ETÀ COMPRESA TRA I 21 E I 34 ANNI

Percentuale di intervistati che si fidano in tutto o in parte delle diverse forme di pubblicità nella media dei sessanta Paesi esaminati.

 

Forma di pubblicità

Generazione Z

(15-20 anni)

Generazione Y

(21-34 anni)

Generazione X

(35-49 anni)

"Generazione "Boomer

(50-64 anni)

Generazione silenziosa

(65+ anni)

Raccomandare ad amici e parenti

83%

85%

83%

80%

79%

Siti web dei marchi

72%

75%

70%

59%

50%

Recensioni di altri consumatori pubblicate online

63%

70%

69%

58%

47%

Contenuto editoriale, come un articolo di giornale

68%

68%

66%

60%

55%

Pubblicità televisiva

58%

67%

64%

55%

48%

Quando un marchio sponsorizza

62%

66%

62%

52%

42%

Pubblicità sui giornali

57%

62%

62%

55%

53%

Pubblicità su una rivista

57%

62%

61%

50%

46%

Pubblicità pre-film

54%

60%

55%

42%

31%

Inserimento di prodotti in uno show televisivo

51%

60%

56%

42%

39%

Cartelloni e altri spazi pubblicitari pubblici

59%

60%

57%

46%

38%

Email ordinate

54%

57%

56%

53%

54%

Pubblicità radiofonica

51%

55%

57%

49%

42%

Annunci video online

45%

53%

50%

37%

27%

Pubblicità sui motori di ricerca online

43%

52%

50%

41%

33%

Pubblicità sui social media

45%

51%

47%

35%

26%

Pubblicità su dispositivi mobili (smartphone, tablet, ecc.)

42%

48%

45%

31%

20%

Banner online

36%

47%

43%

34%

25%

Pubblicità testuale sul telefono cellulare

32%

41%

38%

27%

18%

Fonte: Nielsen Consumer Information and Knowledge Company: Nielsen Consumer Information and Knowledge Company

Metodologia

L'indagine globale di Nielsen sulla fiducia nella pubblicità è stata condotta dal 23 febbraio al 13 marzo 2015. Sono stati intervistati oltre 30.000 consumatori in sessanta Paesi, oltre a Europa, Asia e Oceania, Nord e Sud America, Medio Oriente e Africa.

Il campione in ogni Paese è rappresentativo dell'età e del sesso degli utenti di Internet, con un tasso di errore massimo di più o meno 0,6%. L'indagine prende in considerazione solo le abitudini di consumo di coloro che hanno accesso a Internet. La percentuale di persone che accedono a Internet varia da Paese a Paese. Nielsen conduce la ricerca solo nei Paesi in cui la penetrazione di Internet è almeno del 60% o in cui almeno 10 milioni di persone hanno accesso a Internet. La ricerca Global Omnibus di Nielsen, che comprende l'Indice di fiducia dei consumatori, è stata lanciata nel 2005.

 

Informazioni su Nielsen

Nielsen (quotata alla Borsa di New York con il nome di NLSN) è una società di ottimizzazione delle prestazioni a livello mondiale. Fornisce un quadro completo di ciò che i consumatori guardano (attività "Watch") e di ciò che acquistano (attività "Buy"). La divisione "Watch" di Nielsen fornisce ai clienti dei media e della pubblicità un servizio di misurazione dell'audience totale per tutti i dispositivi (video, audio, testo) che consumano contenuti. La divisione "Buy" di Nielsen fornisce ai produttori e ai rivenditori di beni di consumo quotidiano una visione unica e completa delle performance di vendita al dettaglio del settore. Integrando le informazioni provenienti dalle ricerche "Watch" e "Buy", nonché da altre fonti di dati, Nielsen fornisce ai suoi clienti misurazioni e analisi di livello mondiale che migliorano ulteriormente le loro prestazioni. Nielsen è presente in oltre 100 Paesi e copre quindi il 90% della popolazione mondiale. Nielsen è presente nel listino statunitense della società di servizi finanziari Standard & Poor's, da cui viene calcolato l'indice azionario statunitense. Per ulteriori informazioni, visitate il nostro sito web: www.nielsen.com.