Centro notizie >

L'AUMENTO DELLA CLASSE MEDIA GUIDERÀ LA DOMANDA AUTOMOBILISTICA GLOBALE NEI PROSSIMI DUE ANNI

4 minuti di lettura | Aprile 2014
{“order”:0,”name”:”subheader”,”attributes”:{“backgroundcolor”:”000000″,”imageAligment”:”left”,”linkTarget”:”_self”,”pagePath”:”/content/nielsenglobal-blueprint/regional/en/press-room”,”title”:”PRESS ROOM”,”titlecolor”:”A8AABA”,”sling:resourceType”:”nielsenglobal/components/content/subpageheader”},”children”:null}

Kuala Lumpur - 16 aprile 2014 - Sebbene il possesso di autovetture nella maggior parte dei mercati del Sud-Est asiatico sia tra i più bassi a livello globale, i consumatori di tutta la regione mostrano la più forte intenzione di acquistare una nuova autovettura e guideranno gran parte della domanda automobilistica mondiale nei prossimi anni, secondo un rapporto pubblicato oggi da Nielsen, società globale di informazione e misurazione.

La Nielsen Global Survey of Automotive Demand ha rilevato che il possesso di autovetture è relativamente basso in gran parte del Sud-Est asiatico; il 47% delle famiglie filippine non possiede un'auto (quinto posto a livello globale) e il 46% delle famiglie indonesiane non ha un'auto (sesto posto a livello globale). La Malesia è stato l'unico mercato del Sud-Est asiatico in controtendenza, registrando il terzo livello più alto di possesso di autovetture a livello globale (93%) e la più alta incidenza di possesso di più autovetture a livello globale (il 54% delle famiglie ha più di un'auto).

Nonostante il basso livello complessivo di possesso nella regione, l'intenzione di acquisto è elevata: Indonesia, Filippine, Tailandia e Malesia sono tutti tra i primi 10 Paesi a livello globale per l'intenzione di acquistare un'auto entro i prossimi due anni. Circa quattro consumatori indonesiani e tailandesi su cinque (rispettivamente l'81% e il 79%) intendono acquistare un'auto entro i prossimi due anni, così come tre quarti dei filippini (76%) e sette malesi su 10 (71%), rispetto ad appena il 65% a livello globale.

"Storicamente la domanda di automobili nel Sud-Est asiatico è stata relativamente bassa e per molte famiglie possedere un'auto è stato finanziariamente fuori portata", ha dichiarato Chang Park, direttore generale del gruppo Nielsen per l'industria automobilistica nel Sud-Est asiatico, nell'Asia settentrionale e nel Pacifico. "Negli ultimi anni, tuttavia, abbiamo assistito a un'inversione di tendenza, soprattutto grazie all'aumento dei livelli di reddito in tutta la regione, quando un numero sempre maggiore di famiglie è entrato a far parte della classe media e ha raggiunto i mezzi finanziari per effettuare il primo acquisto di un'auto".

È ARRIVATO IL MOMENTO DI FARE UN UPGRADE?

Anche tra gli attuali proprietari di auto nel Sud-Est asiatico l'intenzione di effettuare un upgrade è elevata, in particolare in Indonesia (il livello più alto di intenzione di upgrade a livello globale) e nelle Filippine (il settimo livello più alto di intenzione di upgrade a livello globale).

Più di nove proprietari di auto indonesiani su 10 (94%) intendono aggiornare il proprio veicolo quando ne avranno la possibilità economica, così come l'89% dei proprietari di auto filippini, l'88% dei proprietari di auto malesi e l'86% dei proprietari di auto tailandesi, rispetto a una media globale del 78%. Singapore è stato l'unico mercato dei cinque Paesi del Sud-Est asiatico intervistati a scendere al di sotto della media globale: il 74% dei proprietari di auto di Singapore intende aggiornare la propria auto quando sarà finanziariamente in grado di farlo.

LUNGHI TEMPI DI PERCORRENZA

Tre consumatori malesi su 10 trascorrono più di un'ora in auto per recarsi al lavoro, mentre circa un quarto degli intervistati trascorre più di un'ora in treno per recarsi al lavoro (23%). Solo il 18% e il 13% rispettivamente dei consumatori malesi impiega più di un'ora per andare al lavoro a piedi o in autobus.

A causa dei tempi di spostamento relativamente lunghi, molti proprietari di auto del Sud-Est asiatico ritengono che il ruolo principale dell'auto che guidano sia quello di portarli dove devono andare. I singaporiani si sono dimostrati i più pragmatici nei confronti del proprio veicolo (l'88% lo considera uno strumento per arrivare a destinazione), seguiti da filippini (87%), indonesiani e malesi (85%) e thailandesi (82%).

È UNO STATUS SYMBOL

Molti proprietari di auto del Sud-Est asiatico ritengono che la loro auto sia un simbolo importante del successo che hanno raggiunto nella vita. Quattro mercati del Sud-Est asiatico si sono classificati tra i primi 10 Paesi a livello globale quando si tratta di considerare la propria auto come uno status symbol. I proprietari di auto in Tailandia sono più inclini di qualsiasi altra nazione a considerare la propria auto come uno status symbol (79%), così come i proprietari di auto filippini (72%), seguiti dai proprietari di auto in Indonesia (67%), Malesia (62%) e Singapore (54%). Rispetto al 52% dei consumatori a livello globale.

"I consumatori del Sud-Est asiatico, e in particolare quelli della classe media emergente, sono particolarmente aspirazionali", osserva Park. "Con l'aumento del loro reddito, questi consumatori non solo sono in una posizione migliore per acquistare ciò che desiderano e di cui hanno bisogno, ma cercano anche di fare acquisti che dimostrino il loro crescente status sociale. Per molti di questi consumatori, la proprietà di un'auto è il simbolo definitivo di quanta strada hanno fatto e del successo che hanno raggiunto".

L'INDAGINE GLOBALE NIELSEN

L'indagine globale Nielsen sulla domanda di automobili è stata condotta tra il 14 agosto e il 6 settembre 2013 e ha intervistato più di 30.000 consumatori in 60 Paesi dell'Asia-Pacifico, Europa, America Latina, Medio Oriente, Africa e Nord America. In Malesia, il campione è di 504 persone. Il campione ha quote di età e sesso per ogni Paese in base agli utenti di Internet, è ponderato per essere rappresentativo dei consumatori di Internet e ha un margine di errore massimo di ±0,6%. Questa indagine Nielsen si basa sul comportamento degli intervistati con accesso esclusivamente online. I tassi di penetrazione di Internet variano da Paese a Paese. Nielsen utilizza uno standard minimo di segnalazione del 60% di penetrazione di Internet o di 10 milioni di abitanti online per l'inclusione nel sondaggio. La Nielsen Global Survey, che include la Global Consumer Confidence Survey, è stata istituita nel 2005.

SU NIELSEN

Nielsen Holdings N.V. (NYSE: NLSN) è un'azienda globale di informazioni e misurazioni con posizioni di leadership nel mercato del marketing e delle informazioni sui consumatori, nella misurazione della televisione e di altri media, nell'intelligence online e nella misurazione dei dispositivi mobili. Nielsen è presente in circa 100 Paesi, con sedi a New York, negli Stati Uniti, e a Diemen, nei Paesi Bassi. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.nielsen.com.