02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Cosa c'è dopo: Le emozioni danno una spinta alla pubblicità

1 minuto di lettura | Gennaio 2016

Al giorno d'oggi c'è semplicemente troppo disordine per trascurare la qualità della creatività. Gli spettatori sono bombardati da pubblicità tutto il giorno, tutti i giorni. Considerate questo dato: 15 minuti di ogni ora di televisione a pagamento sono destinati agli annunci. Supponendo che tutti gli annunci abbiano una durata di 30 secondi, ciò si traduce in 150 esposizioni pubblicitarie al giorno (30 annunci all'ora per una media di cinque ore) solo in TV. Se si aggiungono gli annunci video online, gli annunci digitali e tutti gli altri messaggi di marca a cui siamo esposti nella nostra vita quotidiana, è facile capire quanto un annuncio debba lavorare sodo per entrare veramente in contatto con il suo pubblico.

È qui che entrano in gioco le emozioni. Ma se il settore ha una lunga storia di soluzioni di misurazione basate su metriche come il richiamo, il riconoscimento, l'intento e la considerazione, queste soluzioni non fanno un ottimo lavoro per capire se un annuncio crea una connessione emotiva con lo spettatore.

Grazie ai recenti progressi nel copy testing e allo sviluppo di tecniche di indagine innovative per monitorare le performance sul mercato, oggi disponiamo degli strumenti per misurare la risposta emotiva a un annuncio sia prima che dopo il lancio di una campagna.

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili