02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

A cosa presta attenzione il consumatore?

3 minuti di lettura | Giugno 2017

È una vecchia verità che la "propensione all'acquisto" dei consumatori predice l'andamento dei consumi nei 6-12 mesi successivi. Anche la valutazione delle prospettive di lavoro e delle prospettive finanziarie personali è importante per comprendere il sentiment dei clienti. Un indicatore regolare è il Nielsen Consumer Confidence Index, condotto trimestralmente con migliaia di intervistati.

Secondo l'ultimo rapporto relativo all'ultimo trimestre del 2016, l'indice generale di fiducia dei consumatori in Europa si attesta a 81 punti, ma si assiste anche a una forte dispersione nella nostra regione. Nell'Europa centrale e orientale, la Repubblica Ceca guida la classifica con 103 punti (+4), seguita dalla Polonia con un leggero calo (-3) e 88 punti. Anche la Romania è scesa (-2) a 85 punti, mentre la Slovacchia è salita di un punto a 82 punti. I bulgari sono scesi a 75 punti, seguiti dalla Croazia con 69 punti (-4).

In Ungheria, l'indice di fiducia dei consumatori ungheresi è rimasto invariato nel periodo: 64 punti, simile ai risultati del terzo trimestre, stabilizzando i risultati di oltre sessanta punti della seconda metà del 2015. Dietro di noi, con 62 punti, la Slovenia è il motore dell'esercito regionale.

Disponibilità del cliente

Le prospettive finanziarie personali influenzano fondamentalmente il comportamento dei consumatori. Alla domanda "Come pensa che sarà la sua situazione finanziaria personale nei prossimi 12 mesi?", i cechi sono i più ottimisti: il 61% ha dichiarato di ritenere la propria situazione finanziaria buona o eccellente. Esattamente un quarto degli ungheresi concorda con questa affermazione (25%), con un aumento di un punto percentuale rispetto al trimestre precedente.

Il 34% degli intervistati europei ha giudicato il tempo eccellente o buono alla domanda su quanto fosse buono il tempo per acquistare le cose di cui avevano bisogno. I cechi e i rumeni sono stati più positivi della media europea. Anche la propensione all'acquisto dei consumatori ungheresi è leggermente diminuita: durante il periodo dell'indagine, il 19% degli intervistati ha dichiarato che il periodo era buono o eccellente per acquistare ciò di cui avevano bisogno nei prossimi 12 mesi. Questo dato è inferiore del 4% rispetto al terzo trimestre.

Inoltre, Nielsen chiede informazioni su altre abitudini di spesa oltre ai costi dell'abitazione e della vita. Alla domanda sull'utilizzo del denaro rimanente, il 36% degli europei ha risposto in media di risparmiare la somma rimanente. Trentaquattro su cento acquistano nuovi vestiti, mentre un terzo (33%) spende i propri soldi per le vacanze. I polacchi amano divertirsi: con il 31% sono la nazione più attiva della regione. D'altra parte, gli slovacchi (dopo aver risparmiato) hanno il denaro rimanente per abbellire le loro case, il 37% di loro investe in questo. Le abitudini ungheresi sono completamente diverse: se rimane del denaro, poco più di un quarto (26%) degli ungheresi abbellirà la propria casa, il 25% degli intervistati lo metterà da parte per i risparmi, seguito dalla liquidazione dei debiti con il 23%. Circa un terzo (31%) degli intervistati ha dichiarato di non avere mai soldi da parte (19% in media in Europa).

Gli ungheresi acquistano più di una volta e occasionalmente spendono di meno

I cambiamenti nelle dinamiche del mercato al dettaglio e nelle abitudini di acquisto nel 2016 delineano nuove tendenze. Siamo più ottimisti rispetto all'anno precedente e questo si riflette anche sulla spesa. In termini di valore, le vendite al dettaglio in Ungheria sono aumentate del 4,5% nell'ultimo trimestre del 2016 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente nel mercato alimentare e chimico misurato da Nielsen. Questo dato è ben al di sotto della media trimestrale europea dell'1,8%.

Anche le abitudini di acquisto stanno prendendo forma: la percentuale di coloro che hanno un quadro finanziario ristretto per l'acquisto di beni domestici e chimici e si attengono rigorosamente a una lista della spesa precompilata è in calo. La tendenza è positiva: se nel 2014 il 73% dei consumatori aveva un budget ristretto, nel 2015 è sceso al 53% e nel 2016 al 38%. Ciò si riflette anche nell'indice di fiducia dei consumatori di Nielsen, secondo il quale i nostri connazionali non temono più l'indebitamento (attualmente la terza preoccupazione principale).

L'ottimismo si riflette anche nella riorganizzazione delle preferenze di acquisto: l'ordine del negozio e l'ambiente piacevole stanno diventando sempre più importanti per i clienti.

(Pubblicato nel Giornale dell'Alimentazione)

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda