02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Sport e giochi

L'effetto Big Ten: Con 4 nuove squadre di calcio l'anno prossimo, la conferenza NCAA estenderà la sua portata televisiva in mercati chiave

5 minuti di lettura | Settembre 2023

Oltre a coinvolgere milioni di tifosi in tutto il Paese, lo sport è un grande business, soprattutto per quanto riguarda i diritti televisivi. E se guardiamo alle opportunità commerciali, niente è meglio del calcio, cosa che l'industria dei media ha sperimentato in prima persona con i recenti cambiamenti di membri delle principali conferenze NCAA.

I cambiamenti non influenzeranno probabilmente il fandom delle singole squadre, ma le modifiche, che sono le più ampie della storia recente, influenzeranno il modo in cui le squadre appaiono in TV e chi potrà vedere le loro partite.

Come per molti aspetti dell'industria dei media, l'audience è il fattore chiave del riallineamento delle conference, che non entrerà in vigore prima della stagione 2024. A quel punto otto squadre lasceranno la Pac-12 per unirsi a conferenze con accordi televisivi più vantaggiosi: Quattro entreranno a far parte della Big Ten e quattro della Big 12.

A differenza delle altre Power Five1, la Pac-12 non ha un contratto a lungo termine per i diritti televisivi, il che ha un impatto diretto sulle entrate che ogni scuola membro riceve. Per esempio, la Big Ten si aspetta che il suo accordo settennale con CBS, FOX e NBC sia abbastanza redditizio da distribuire tra gli 80 e i 100 milioni di dollari all'anno a ciascuna scuola membro. L'accordo da 8 miliardi di dollari è il più grande nella storia dell'atletica universitaria e dà ai titolari dei contratti l'accesso ad alcune delle squadre più quotate e seguite del football NCAA, tra cui Michigan, Ohio State e Penn State.

L'appartenenza a una conferenza influisce su tutti gli sport di ciascuna scuola membro, ma i cambiamenti degli ultimi anni sono stati tutti motivati dai diritti associati alle partite di calcio in diretta. Sulla base di un'analisi del valore associato all'esposizione televisiva di ciascuna conferenza durante la stagione 2022, i riallineamenti che entreranno in vigore l'anno prossimo avranno un impatto significativo per la SEC, la Big Ten e la Pac-12.

Il valore dell'esposizione televisiva è evidente. Un terzo degli americani si dichiara fan del football universitario2, rendendo il campionato il quarto più popolare negli Stati Uniti (dopo NFL, NBA e MLB). E le grandi squadre attirano grandi spettatori: Più di 17 milioni di telespettatori3 hanno seguito lo scorso anno l'incontro di fine stagione tra Ohio State e Michigan, il più alto della stagione regolare. Per fare un paragone, quasi 2,3 milioni di telespettatori3 hanno seguito i Brooklyn Nets contro i Philadelphia 76ers nel primo turno dei playoff NBA dello scorso anno.

Mentre le squadre di prima fascia e le rivalità storiche avranno sempre una copertura televisiva nazionale, le implicazioni dei cambiamenti nella composizione delle conference avranno esiti diversi a livello di mercati locali. La partita della settimana 8 dell'anno scorso tra UCLA e Oregon (che l'anno prossimo lasceranno entrambe la Pac-12) ha attirato un'audience nazionale di 3,34 milioni3. Una volta che queste due squadre entreranno a far parte della Big Ten, amplieranno l'audience televisiva della conferenza in tutto il Paese e su entrambe le coste.

Per capire meglio come i cambiamenti di conference influenzeranno l'audience televisiva locale al di là delle singole partite, abbiamo esaminato la differenza tra l'audience televisiva della Pac-12 e della Big Ten a Los Angeles, Portland e Seattle durante la stagione 2022. Queste aree di mercato designate (DMA) ospitano quattro squadre della West Coast4 che l'anno prossimo cambieranno conference.

Grazie alle dimensioni di questi tre mercati, la programmazione della Pac-12 della scorsa stagione ha raggiunto il 123% in più di famiglie e il 151% in più di spettatori individuali rispetto alla programmazione della Big Ten5. Sebbene lo 0,1 di differenza in co-viewing possa sembrare insignificante a prima vista, diventa molto più significativo se lo si moltiplica per la popolazione totale di telespettatori dei tre DMA.

Scomponendo le visualizzazioni aggregate della conferenza, possiamo vedere l'impatto che i cambiamenti della conferenza avranno su ogni singolo mercato. Nonostante la popolazione di Los Angeles, che ospita UCLA e USC, Portland è la città che otterrà il maggior incremento percentuale di telespettatori nella prossima stagione.

Mentre la Big Ten beneficerà l'anno prossimo dell'arrivo di USC, UCLA, Oregon e Washington, la Big 12 beneficerà dell'arrivo dell'Università del Colorado, che ospita la storia più calda del college football di quest'anno. I Colorado Buffaloes hanno fatto parlare di sé da quando la leggenda della NFL Deion Sanders ha assunto il ruolo di allenatore l'anno scorso, ma l'inizio 3-1 della squadra, compreso l'upset su TCU (Texas Christian University) per aprire la stagione, ha reso le loro partite imperdibili per gli appassionati di football. Infatti, la vittoria al doppio tempo supplementare contro Colorado State del 16 settembre ha attirato 9,3 milioni di telespettatori3 nonostante l'inizio della partita fosse previsto per le 22:00 ET. La partita del 23 settembre contro l'Oregon ha attirato più di 10 milioni di spettatori in diretta e in giornata, il pubblico più numeroso della stagione.

Mentre la nostra analisi del valore dell'esposizione televisiva nazionale non suggerisce un cambiamento significativo (+1%) per la Big 12 quando Colorado entrerà a far parte della squadra il prossimo anno (insieme ad Arizona, Arizona State e Utah), l'impatto sull'audience televisiva locale è una storia diversa. L'impatto di Coach Prime è stato immediato: l'audience televisiva di Denver per la prima partita dei Buffaloes è stata del 117% superiore a quella dell'anno scorso. E questo era solo un punto di partenza.

Complessivamente, la maggiore attenzione è di buon auspicio per la Pac-12 quest'anno e per la Big 12 l'anno prossimo, dato che la media degli spettatori a livello domestico è aumentata del 976% e di oltre il 1.100% tra gli spettatori dai 2 anni in su. Il clamore suscitato dai Buffaloes sta facendo aumentare anche il co-viewing del 15% quest'anno.

Non c'è dubbio che il football universitario NCAA eserciti un grande fascino sugli appassionati di sport, soprattutto quando in città si disputano grandi incontri. Mentre le grandi rivalità avranno sempre un'esposizione televisiva nazionale, possiamo vedere come il pubblico televisivo dei mercati locali contribuisca al valore associato alle squadre coinvolte con i più recenti cambiamenti tra le Power 5 conference NCAA.

Fonti

1Lecinque conferenze atletiche più importanti e con i più alti guadagni nel football NCAA di Division I: ACC, Big Ten, Big 12, Pac-12, SEC
2Nielsen Fan Insights; Q2 2023
3Nielsen National TV Panel; live + same day viewing (3 a.m.-3 a.m.)
4UCLA, USC, Oregon, Washington
5Misurazione Nielsen delle TV locali

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda